Anonymous: terminata la fase due dell’operazione #OpIsis

GP anonymous logo
GP anonymous logo
Volantino Spazio Conad Mesagne

Si è conclusa con il risultato di un migliaio di account Twitter sospesi e cancellati e un centinaio di account Facebook chiusi la seconda parte dell’operazione #OpIsis indetta dagli hacker di Anonymous.

L’operazione, lanciata sul web con #OpCharlieHebdo in contrapposizione all’hashtag #OpFrance usato da gli intergralisti dell’Isis subito dopo l’attacco a Charlie Hebdo, mira alla denuncia di tutti gli account social e siti web che supportano il movimento terrosistico, soprattutto cercando di individuare i “reclutatori” attivi in rete.

Nel proprio canale YouTube gli Anon considerano gli jihadisti come”Virus” da debellare.