La Cestistica Ostuni incerottata pronta alla finale play off

Volantino Spazio Conad Mesagne

Si avvicina la finalissima per la Cestistica Ostuni, che domenica affronterà, davanti al pubblico del PalaGentile, la Nuova Alius San Severo in gara 1. Una finale, quella tra i gialloblù di coach Beppe Vozza, quasi scontata, per quella che era stata la classifica della regular season (Ostuni seconda, San Severo terza), ma che sul campo è stata tutt’altro che tale. Soprattutto per le ‘fochine’ daune, che in questi playoff hanno dimostrato di essere un rullo compressore in casa e un avversario non irresistibile in trasferta: nette infatti le vittorie degli uomini di coach Panizza nei match casalinghi, sia contro l’Adria Bari sia contro l’Olimpica Cerignola, così come altrettanto nette sono state le sconfitte in trasferta.

Ciò nonostante, il compito per Morena e compagni sarà comunque difficilissimo: la Alius può infatti contare su un roster di altissimo livello, che punta senza mezzi termini alla promozione in DNC, a maggior ragione dopo il fallimento della Cestistica San Severo e la sua rinuncia alla DNB. La stella della squadra è Goran Bjelic, 31 anni (22.3 punti a partita), centro slavo tra i migliori della categoria, che sarà protagonista di una bellissima sfida contro Mimmo Morena. Al suo fianco sotto le plance, il giovane (classe ’91) Giacomo Filippini, arrivato a stagione in corso dalla LegaDue e dimostratosi anch’egli uno dei migliori lunghi della C Regionale (16.1 punti a gara).

Ma intorno a questa coppia di lunghi, certamente punto di forza della squadra, anche i piccoli non sono da sottovalutare. Innanzitutto Fabio Bastoni, play classe ’88 con un passato in DNB, ma anche l’esperto capitano (38 anni) Ernesto Miglio e l’altro esterno Francesco Ulano (classe ’86). E ancora, i giovani under Gonzalo Beltran (’92), ottimo tiratore, e soprattutto il back-up del playmaker, Daniel Yerandy (’92), lo scorso anno in DNB.

Sarà insomma una sfida decisamente difficile per i ragazzi di coach Beppe Vozza, che in questa difficile settimana sta facendo i conti anche con una serie di infortuni non di poco conto: innanzitutto Antonio Caloia, fermo tutta la settimana per il riacutizzarsi dell’infortunio alla caviglia in gara 2 contro Foggia, ma anche Carlo Menzione, non al meglio dopo il recupero lampo dallo stiramento di un mese fa, e Paulinho Motta, fermatosi nell’allenamento di martedì. Se per i primi due il recupero è difficile ma non impossibile, per il brasiliano, salvo imprevisti, dovrebbero schiudersi direttamente le porte di gara 2.

Ma infortuni a parte, i gialloblù sono pronti alla sfida: solo due vittorie separano Ostuni dalla promozione in Serie C, in una serie in cui la Cestistica ha comunque dalla sua il fattore campo. Fattore campo che, decisivo in gara 3 contro Foggia, potrebbe dare una spinta in più anche contro San Severo. Città, società, giocatori e pubblico sono pronti ad una nuova sfida.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it