Cestistica Ostuni QBR

Esordio con sconfitta al Pala Gentile ieri per la Cestistica Ostuni che tornava dopo venti mesi a disputare fra le mura amiche una gara ufficiale.

Grande attesa fra la tifoseria per questo debutto stagionale dopo l’azzeramento di società e squadra. A far visita ai padroni di casa la Nuova Matteotti Corato, che arrivava ad Ostuni con l’intento di bissare la prima vittoria ottenuta nella scorsa giornata di campionato. Al fischio di inizio partono subito forte i gialloblù che vanno subito sul 7-3, ma gli ospiti con Ianuale e Mascoli si fanno sentire e successivamente un break dei coratini di 8-0 porta la formazione di Coach Patella sul 17 – 9. Nel secondo mini periodo i ragazzi di Curiale tentano una reazione d’orgoglio, ma Corato risponde con Gatta (abbastanza ispirato durante il match dalla lunga distanza) e Oluic che mantengono Ostuni ad una distanza da non destare preoccupazioni. La gara si svolge con un bel ritmo ed entrambi i quintetti correttamente ma con un bel agonismo si disputano la posta in palio. Corato comunque continua a fare la voce grossa dalla lunga distanza e cerca di prendere il largo (21 – 34) ma la Cestistica risponde canestro su canestro e con la tripla di Stankovic a fil di sirena chiude il secondo periodo sul 29 – 34.

Alla ripresa delle ostilità la Matteotti aumenta l’intensità difensiva e offensiva mettendo in difficoltà i padroni di casa creando un break micidiale di 4 – 21. Oulic e un micidiale Gatta colpiscono ripetutamente la retina dei padroni di casa limitando al massimo la reazione di Razic e compagni concludendo il terzo periodo sul 42 – 64.

L’ultimo periodo è solo un tempo ove Corato controlla e la Cestistica che cerca una reazione d’orgoglio per rientrare in gara. Gli ospiti controllano senza grandi affanni e Coach Patella manda sul rettangolo di gioco tutti i presenti a referto con la gara che va a chiudersi sul 65 – 88.  Per gli ospiti la seconda vittoria consecutiva, la prima lontana dal proprio parquet, per Ostuni ancora tanto lavoro da fare per questo gruppo che lavora insieme da appena una ventina di gironi e che deve trovare un amalgama di gruppo per iniziare ad ottenere i primi risultati.

I “QBR” hanno ancora una volta sostenuto ed incitato i ragazzi per tutta la durata dell’incontro.

QBR

Cestistica: Razic 25, Maksimovic 15, Stankovic 11, Vukobrat 7, Oluic 4, Zaccaria 3, Apruzzi, Danese. All. Curiale

A cura di Domenico Moro