Antonio Zurlo è il nuovo presidente della Cestistica Ostuni

Volantino Spazio Conad Mesagne

A poco più di un mese dalla entusiasmante serata dell’8 giugno, con la vittoria dei playoff contro San Severo e la promozione in Serie C, la Cestistica Ostuni è già al lavoro per la prossima stagione, che la vedrà per la prima volta nella sua storia in un campionato nazionale, dopo un anno in Serie D e uno in C Regionale. La società, che sta sondando il mercato in cerca di rinforzi, registra intanto un cambio al vertice: coach Beppe Vozza, che oltre a quella dell’allenatore rivestiva anche la figura del presidente, tornerà ad occuparsi esclusivamente del settore tecnico, rimpiazzato da Antonio Zurlo.

Quest’anno mi dedicherò solo ad allenare, dopo la scorsa stagione in cui avevo scelto di ricoprire questa carica come simbolo della ripartenza del basket a Ostuni – il commento dell’ex capitano dell’Assi Ostuni – mi ha fatto enormemente piacere contribuire, insieme a tutta la dirigenza, allo staff e ai giocatori, ad aver riportato Ostuni Antonio Zurlo Presidente Cestistica Ostuniin un campionato nazionale. Ovviamente, non ci fermeremo qui”, conclude. “Per me fare il presidente è insieme un privilegio e una grande responsabilità – le parole di Antonio Zurlo – come lo scorso anno, la nostra missione resta la stessa: costruire una squadra che sia in sintonia con lo spirito combattivo del suo allenatore. Ma soprattutto, concentreremo le risorse al fine di puntare sempre di più sul nostro settore giovanile, in cui credo molto e che continueremo a curare con grande attenzione”.

Il roster della Cestistica non subirà scossoni: tante le conferme rispetto al gruppo che ha portato Ostuni alla promozione poche settimane fa, alle quali verranno probabilmente aggiunti un paio di rinforzi nei ruoli chiave, soprattutto tra gli under (quest’anno la regola prevede tre giocatori nati dopo il 1994). L’obiettivo sarà, ovviamente, quello di restare nella categoria, anche alla luce della riforma del prossimo anno, che prevederà una Serie C unica regionale ‘allargata’: ma al di là dei risultati, sarà importante costruire una squadra giovane e combattiva, che faccia innamorare il pubblico del PalaGentile come lo scorso anno. Nelle prossime settimane, ne sapremo di più.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it