La quinta giornata del campionato di Serie C non ha sorriso alla Pallavolo 2000 Orthogea Ostuni.

Nonostante la buona prova, domenica sera al palasport di Specchia, i giovani gialloblu sono stati sconfitti dai padroni di casa per 3 set ad 1, rimontati dopo essere andati in vantaggio e aver dunque portato a casa il primo set stagionale. L’Ostuni resta perciò relegata in coda al girone B, ancora ferma a zero punti, aspettando la prossima sfida che, domenica 8 dicembre, porterà al PalaCeleste la Camer Gas & Power Galatone.

Contro il Volley Specchia, mister Viva e Bianchi si affidano a capitan Blasi in banda con Deleonardis, Lenoci e D’Amico al centro, Asciano libero, Carbotti palleggiatore e Di Castri fuorimano. A gara in corso i contributi dalla panchina arrivano dagli innesti della diagonale Parisi Pompigna, Errico, Scaramuzzi, Eletto e Santoro. Come già anticipato, il primo set è dominato dall’Orthogea dall’inizio alla fine, i gialloblu avanti da subito 8-4 e 16-9 e fino al 25 a 20 che vale la conquista del primo set stagionale.

L’Orthogea ripete il buon avvio tanto nel secondo quanto nel terzo set, ma i entrambi i casi i padroni di casa riescono a sovvertire l’andamento del gioco superando gli ospiti rimasti a quota 19 punti. Sotto per 2 set ad 1 e con il morale dei salentini rinvigorito, l’Ostuni è costretta ad inseguire per tutto il quarto parziale, distanziata 5-8 e 9-16 prima di accorciare 18-21 nel finale, una rimonta che però resta vanificata dal 23-25 che consegna i tre punti allo Specchia.

Nonostante il quarto ko consecutivo, i progressi della formazione ostunese sono tangibili, la positività in ricezione sale al 60%, l’attacco cresce al 35% dopo essere stato il vero tasto dolente delle prime uscite. A testimoniare la lieta prolificità sono le prestazioni di Blasi, miglior realizzatore del match con 16 punti, appena uno in più di Deleonardis (15), mentre al centro brilla D’Amico con 11 punti e 5 personalissimi muri. Il Volley Specchia dal canto suo ha fatto registrare il 56% di positività in ricezione ed il 32% in attacco, mandando in doppia cifra però Spagnolo, Branca, Chezzi e De Blasi.

I passi avanti personali non si stanno ancora amalgamando in un miglioramento corale che tenga per tutta la durata del match: a Specchia alcuni break subiti, hanno compromesso l’evoluzione egli equilibri del match. La strada intrapresa è quella giusta, senza farsi abbattere, i gialloblu dovranno continuare a lavorare a testa bassa, il tempo è galantuomo e, con la giusta dose di pazienza e determinazione, anche i risultati arriveranno. Appuntamento con tutti i tifosi per riprovarci, domenica prossima alle 18!

POTRESTI ESSERTI PERSO: