La Cestistica Ostuni batte il Manfredonia e cancella la sconfitta di Monteroni.

Prima vittoria stagionale per la Cestistica che batte il Manfredonia in una gara che, a dispetto del punteggio finale, non è mai stata in discussione. Ostuni sempre avanti con un vantaggio che per lunghi tratti ha superato le 20 lunghezze.

Il punteggio del primo quarto (34-14) conferma la netta superiorità dei padroni di casa che sfruttano il “lato debole” per colpire sotto canestro gli avversari. Caloia realizza indisturbato e in difesa fa sentire tutta la sua determinazione. Il cestista ostunese, però, è costretto a lasciare il parquet dopo 15’ per una brutta distorsione alla caviglia sinistra che sarà valutata dai sanitari nelle prossime ore. L’infortunio di Caloia disorienta la Cestistica che passa dal +24 al +6 (43-37 al 21’).

Alunderis e Kadzevicius accelerano ed i padroni di casa tornano ancora sul +20 (59-39 al 26’). La gara sembra chiusa, ma la formazione di Romano sbaglia la gestione del vantaggio e consente agli ospiti di avvicinarsi minacciosamente, ma mai abbastanza per mettere in discussione il risultato. La Cestistica conquista la prima vittoria, ma la squadra di Romano è ancora lontana dalla migliore condizione, soprattutto nella fase difensiva.

CEST. OSTUNI       79      

MANFREDONIA      74

Parziali (3414, 4333, 6647)

Cestistica Ostuni: Calabretta 2, Tessitore 15, Latella, Caloia 8, Scarponi 18, Kadzevicius 10, Alunderis 24, Mazzarese 2, Leo, Petraroli n.e.. All. Romano

Angel Manfredonia: Ba, Gramazio 17, Malpede 15, Alvisi 5, Kraljic 16, Vorzillo 10, Ferraretti, Virgilio 1, Grasso, Mezzarobba 10. All. De Florio

Arbitri: Menelao e Ranieri di Mola di Bari

POTRESTI ESSERTI PERSO: