Olympique  Ostuni Ruvo 44
Olympique Ostuni Ruvo 44
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Per una volta manca il lieto fine. L’Olympique non riesce nell’impresa di salvare una stagione, la sua prima in un campionato nazionale, partita bene e in linea con i programmi stabiliti ad inizio anno ma precipitata nel girone di ritorno fino all’epilogo di Manfredonia dove i padroni di casa vincono meritatamente la finale salvezza che il calendario aveva organizzato.

Con Schiavone appiedato dal giudice sportivo per tre giornate, con Salamida in condizioni precarie come quasi il resto della rosa dopo le ultime massacranti partite a rotazioni ridotte mister Castellana ha provato in tutti i modi a presentare la squadra migliore. Non è bastato. Non questa volta.

Il ritmo imposto dai padroni di casa è alto e il vantaggio inflitto nei primi minuti costringe l’Olympique ad una partita di sofferenza con l’ansia di recuperare e le energie che venivano meno. A metà frazione i due gol di Spano prima e La Torre dopo mettono in ginocchio l’Olympique che con l’orgoglio trova il gol di Paz a fine primo tempo.

L’Olympique si gioca il tutto per tutto ad inizio ripresa e il 3-2 firmato Quartulli riaccende la speranza ma il ritmo alto della partita diventa ingestibile per lunghi tratti e il 4-2 di Puertas chiude i giochi. Ultimi minuti disperati con il portiere di movimento e quel pallone che per due volte proprio non vuole entrare. Nel finale due possessi sbagliati si traducono in altri due gol del Manfredonia che chiude fa suo gioco partita e incontro con il 6-2 finale.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Lacrime in campo tra i ragazzi disperati per un epilogo che, meritato o no, è quello che il campo ha sancito. Il campo, e non può essere altrimenti, ha sempre ragione. L’Olympique ad oggi è in C1 dopo un solo anno di serie B. Le altre due retrocesse sono il Ruvo e lo Shaolin con lo Chaminade che farà il playout nel doppio confronto con i calabresi del Cataforio. Verrà il tempo dei processi e dell’analisi accurata di una stagione nata per gestire un campionato nuovo in tranquillità, con la squadra che ha risposto colpo su colpo nel girone di andata concluso a 17 punti con un buon margine sulla zona calda. Poi la situazione è lentamente precipitata nel girone di ritorno con il peccato mortale di non aver raccolto neanche un punto nelle sfide con Chaminade e Cus Molise ampiamente alla portata. Verrà il tempo del giudizio ma oggi è giusto stare in silenzio.

Ufficio stampa ASD OLYMPIQUE OSTUNI

POTRESTI ESSERTI PERSO...