unnamed
unnamed
Pubblicità
Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

L’Italia bagna con una vittoria il suo esordio al torneo 8 nations group U17M battendo l’Olanda 3-0.

Primo set caratterizzato dagli 8 punti di Falgari, seguito dai 6 di Dal Corso, che hanno permesso agli azzurri di conquistare il primo parziale col punteggi di 25-11 senza mai farsi avvicinare troppo dagli avversari olandesi, 8-5 e 16-9 ai time out tecnici, che hanno avuto nel loro capitano Brilhuis il miglior realizzatore del set con 4 punti.
Nel secondo set, senza alcun cambio tra le due formazioni, un gran muro di Dal Corso porta gli azzurrini avanti 8-3 al primo time out tecnico.
Secondo set senza storia con gli azzurri sempre avanti. Nel finale spazio anche per il pugliese Piervito Disabato che ha fatto il suo ingresso con un pallonetto vincente frutto di un’azione iniziata con una gran difesa del libero siciliano Damiano Catania sul punteggio di 22-8. La rimonta olandese porta gli organges fino al punteggio di 23-11 quando un fallo in palleggio del centrale ferma l’avanzata arancione regalando agli azzurri ben 13 palle set, parziale chiuso con un altro fallo in palleggio degli olandesi sul punteggio di 25-11.
Nel terzo set i due pugliesi Disabato e Scardia in campo tra gli azzurri. L’Olanda tiene la scia azzurra ed è un super Leoni che riesce a togliere gli azzurri da una situazione non facile con gli olandesi che tengono la scia. L’attacco vincente di Leoni sul punteggio di 11-10, e il successivo block out dello stesso, staccano gli azzurri da una situazione complicata con l’Olanda ad un solo punto di distacco fino al secondo time out tecnico che vede gli azzurri avanti 16-10. Ci pensa poi capitan Brilhuis a fermare l’avanzata azzurra con un doppio muro che fa avvicinare gli olandesi a sole due lunghezze dagli azzurri sul 19-17.
Il block out vincente di Leoni, che porta gli azzurrini sul 23-20, ferma il gioco per un time out chiesto dal tecnico olandese Ringenaldus. Il punto finale porta la firma Falgari per il definitivo 25-22 che consegna all’Italia 3 punti e la prima vittoria del torneo.
Miglior realizzatore del match è stato lo schiacciatore Falgari, autore di 15 punti, seguito da Dal Corso che ha messo a terra 12 palloni. Migliore tra gli olandesi il capitano Brilhuis autore di 11 punti. 5 muri punto sia per l’Italia che per l’Olanda,

Italia-Olanda 3-0 (25-11, 25-11, 25-22)

Italia: Pedrinelli 1, Disabato 5, Falgari 15, Leoni 11, Stefani 1, Dal Corso 12, Gianotti 4, Scardia 3, Catania (L), Ferrato, Biasotto, Stefani. N.E. Pol. Barbiero (1st coach), Morganti (2nd coach).

Olanda: Bak 3, Brilhuis 11, Macnack 1, Damen 7, Van Muijden 2, Hofhuis 1, De Groot (L), Smulders (L), Schols, Zomer, Klein Teeselink. N.E. Tavenier. Ringenaldus (1st coach), Donker (2nd coach).

Dichiarazioni

Ringenaldus Niels (1st coach Olanda): Non conoscendo bene la squadra abbiamo cercato comunque di dare il meglio e giocare al massimo delle nostre capacità, l’Italia comunque è una squadra forte. Andiamo avanti. L’Olanda è un gruppo forte ma in crescita, ha bisogno di amalgamarsi, probabilmente nei prossimi due anni avremo una squadra molto più solida. Noi continueremo ad impegnarci e vedremo.

Mario Barbiero (1st coach Italia): Mario Barbiero, allenatore Italia: Sicuramente sono soddisfatto perchè la partita d’esordio è sempre difficile per tanti motivi, soprattutto per questi ragazzi, sia per noi che per loro, era la prima partita a livello internazionale per cui la tensione c’era, la paura anche. I ragazzi si sono subito liberati di questa tensione, hanno giocato secondo me due primi set abbastanza buoni, ho avuto anche la possibilità di provare qualche altre soluzione perché ci sono delle situazioni in cui possiamo migliorare come squadra facendo girare tutti gli atleti a disposizione. Nel complesso sono soddisfatto ma dobbiamo già pensare a domani perché c’è il Belgio che è un’ottima squadra. Ho trovato un buon livello fin da questa prima giornata, non conoscevamo le squadre, però ho visto un Olanda molto fisica e sicuramente in prospettiva futura sarà un’ottima squadra. Il Belgio ha un’ottimo opposto, un buon palleggiatore, un ottimo posto 4, quindi è una squadra assolutamente temibile. La Spagna è una squadra contro cui è difficile giocare perché fanno della pazienza la loro colonna portante,quindi con loro bisogna essere molto molto attenti. C’è tanto da migliorare perché dal punto di vista tattico dovevamo prestare attenzione su alcune cose e non lo abbiamo fatto, ma capisco anche che per questi ragazzi rimanere concentrati per più di un’ora non è facile. Ad esempio dobbiamo fare meglio in battuta dobbiamo far meglio, abbiamo fatto bene a muro ma domani sarà più difficile e possiamo fare meglio nella costruzione del gioco d’attacco.

Il Belgio vince, non senza difficoltà, la prima gara contro la Spagna.

E’ stata l’avvincente sfida tra Belgio e Spagna ad aprire il sipario del torneo 8 nations group U17M di Ostuni, torneo che assegnerà un posto ai prossimi europei di categoria. I ragazzi di mister De Boeck hanno conquistato un’importante vittoria all’esordio in questo torneo, nonostante un’ottima avversaria come la Spagna che è riuscita a rimettere in piedi un match che all’inizio sembrava tutto a favore dei “red dragon”.
Dopo i primi due parziali chiudo a proprio favore dalla formazione belga col punteggio di 25-18 e 25-11, una serie di cambi nella formazione iberica, con l’ingresso di Torres e Olalla, hanno dato una scossa alla formazione di mister Vicedo che, avanti al primo time out tecnico 8-4 ha subito poi la rimonta del Belgio fino a subire il sorpasso 15-16 per poi chiudere il set a proprio favore ai vantaggi 26-24. Nel quarto set Il Belgio, dopo aver subito il colpo del terzo set, è riuscita a mantenere il vantaggio sino al punteggio di 11-11, momento in cui la Spagna si è portata avanti 15-11 con una serie di errori del neoentrato Theys. Lo sprint finale ha visto il Belgio trionfare e conquistare la vittoria all’esordio con il punto finale che ha portato la firma del best scorer dell’incontro D’Heer, autore di 24 punti (3 muri) e migliore in campo seguito dallo schiacciatore Plaskie autore di 18 punti. Tra le note rilevanti del match i 10 muri punto del Belgio, contro i 5 della Spagna, e il 68% di positività in ricezione.

Belgio – Spagna 3-1 (25-18, 25-11, 24-26, 26-24)

Belgio: D’Heer 24, Mc Cluskey 3, Rotty 11, Plaskie 18, Vanhelmont 9, Catteuw 10, Theys 2, Verbruggen (L), Ocket. N.E. Hooft, Perin, Vanhove. De Boeck (1st Coach), Van Peer (2nd Coach).

Spagna: Alonso 5, Saucedo 14, Cuquerella 6, Ferrari 5, Mico 6, Torres 2, Olalla 1, Villar, Mateu, Mellado (L). N.E. Gonzalez, Pascual. Vicedo (1st Coach), Taboada (2nd Coach).

Dichiarazioni

Benjamin Vicedo (1st coach Spagna): Nonostante il risultato sono ottimista sul proseguimento di questa manifestazione, la nostra squadra ha avuto una settimana per prepararsi in modo più intenso,e sono soddisfatto di come questi ragazzi stiano tirando fuori il loro meglio nel contesto di questa manifestazione ed in ogni singolo set, siamo fiduciosi per il futuro, faremo del nostro meglio. Il Belgio ha un opposto molto forte, ho cercato di contrastarlo inserendo anche atleti più indicati. E’ solo l’inizio, continueremo a fare del nostro meglio.

De Boeck Wim (1st coach Belgio): Abbiamo giocato molto bene i primi due set limitando al minimo gli errori, nel terzo e quarto invece abbiamo commesso alcuni errori e questo ha permesso alla Spagna di entrare in partita. Loro sono una grande squadra e penso che continueranno ad ottenere risultati sorprendenti, è una squadra da temere. Sono molto soddisfatto, abbiamo giocato bene, speriamo di continuare così. Il Belgio è una squadra molto forte, ci sono alcuni elementi più esperti come il nostro numero 3, l’opposto, che milita in una squadra che affronta campionati maggiori, la chiave di tutto però è il gioco di squadra L’individualità non porta a nulla se non c’è una fusione e l’amalgamarsi di tutto ciò che gli atleti possono dare.