Alla vigilia del primo incontro casalingo del 2016, lo sfogo del presidente Antonio Molentino.

Prima partita casalinga del 2016 per l’ASD Ostuni Calcio del presidente Antonio Molentino, dopo la sconfitta contro il San Giorgio Jonico, i gialloblù cercheranno la via del riscatto contro il Galatone. Dal comunale della Città Bianca, intanto arriva lo sfogo del presidente Molentino, dopo il furto alle macchinette delle vivande installate nell’ingresso nei pressi della segreteria della struttura di Via Giovanni XXIII. In un post su Facebook, Molentino ha Antonio Molentinosottolineato: “Affido alla mia bacheca Facebook alcune considerazioni su questi quasi 4 mesi di esperienza da Presidente dell’ASD OSTUNI 1945: sto pagando tre allenatori delle passate gestioni, per questo non ho fatto falsi comunicati stampa ma ho, documentalmente, pagato i debiti altrui”. Molentino è poi tornato a parlare della situazione dello stadio comunale di Ostuni che momentaneamente può ospitare solo 100 sostenitori al proprio interno – “Non ho incassato nulla nelle partite in casa perché non ho uno stadio. In totale ho incassato 350 euro e speso 3500 euro per giocare altrove, per questo mi auguro che nei prossimi giorni si la situazione si sblocchi e lo stadio venga riaperto, da parte nostra ci sarà sempre la massima collaborazione”.

Venendo alla partita di domani, sono diversi gli infortuni che stanno caratterizzando la rosa gialloblù in questa parte del campionato, la difesa è alle corde ed alcuni tra i nuovi acquisti sono indisponibili. La formazione guidata da Antonio Ciraci, sarà ancora una volta costretta ad un nuovo “tour de force”, in attesa dei rientri. Alla vigili dell’incontro di domani contro i salentini del Galatone, il presidente Molentino in chiusura del suo post ha invitato i tifosi (se pur in numero limitato) a seguire la squadra – “A quei pochi tifosi, che potranno essere presenti domani, chiedo di sostenere la squadra ed i ragazzi. Loro meritano tanto perché sono persone per bene che, in mille difficoltà e con tanti infortuni, stanno dando il massimo per la maglia”.

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: