Politiche2018. Giovanni Epifani avvia la sua campagna elettorale insieme a Fabiano Amati. Il Video



CONTENUTO SPONSORIZZATO
CONTENUTO SPONSORIZZATO
CONTENUTO SPONSORIZZATO
CONTENUTO SPONSORIZZATO

Inaugurato, ad Ostuni, il comitato elettorale del Pd, in vista delle elezioni del 4 marzo prossimo. Durante l’evento presenti nella Città bianca, i due candidati del Partito democratico ai collegi uninominale, 13 della Camera e 4 Senato: Giovanni Epifani in corsa per diventare deputato e Fabiano Amati in lizza per un posto a Palazzo Madama.

I particolari nel Video Servizio

Ad introdurre la serata il segretario cittadino Fabio Giorgino. Presenti, anche, il parlamentare uscente Salvatore Tomaselli e  l’ex coordinatore del Pd di Ostuni Silvestro Iaia. «Il mio impegno riparte dall’esperienza maturata già in Regione, cercando di portare in Parlamento le esigenze e le sensibilità della Puglia, e dell’intero Sud». Così Epifani candidato nel collegio 13 alla Camera in cui rientra il nord-est della provincia di Brindisi, con sette comuni, tra cui la città capoluogo ed Ostuni. Turismo, cultura e agricoltura: saranno questi alcuni degli elementi, su cui Giovanni Epifani caratterizzerà la sua campagna elettorale in queste settimane. «Occorre puntare su un percorso già avviato per sviluppare sempre di più e con maggiore forza il nostro territorio. Per il comparto agricolo bisogna non disperdere il lavoro portato avanti dal governo uscente e che ho seguito con il ministro Maurizio Martina, attraverso l’incarico avuto nel partito a livello nazionale».

Fabiano Amati, invece, è candidato al Senato nel collegio 4, che spazia tra le province di Bari e Brindisi, per oltre 500 mila abitanti. «Il nostro è un programma che parte dal processo di superamento della condizioni di crisi, con la conferma di tutti i bonus. Il processo di riforma deve intersecarsi con la possibilità di fare i “lavori”, tali da creare poi impiego». Così l’attuale consigliere regionale del Pd, che anticipa anche alcuni punti del suo programma personale. «Sul tema della sanità punto ad una battaglia senza quartiere per ridurre le liste d’attesa».

Guarda Anche