Giuseppe Tanzarella
Giuseppe Tanzarella

Il consigliere comunale del Partito Socialista Giuseppe Tanzarella, manifesta la sua preoccupazione: “A distanza di circa 20 giorni dalla scadenza del bando regionale, sono completamente all’oscuro delle scelte politiche che l’amministrazione intende adottare”.

La gestione della vicenda relativa alla “Rigenerazione Urbana” mette in risalto come la maggioranza che amministra il Comune di Ostuni continui a mortificare in continuazione la trasparenza dell’azione di governo.

I cittadini, partendo dai più disinteressati, sino ad arrivare anche ai consiglieri comunali che non siedono nelle stanze del potere, non hanno avuto modo di farsi alcuna idea di quello che sta accadendo nelle segrete stanze e delle divisioni in corso tra i fautori delle diverse ipotesi di “Rigenerazione Urbana” in campo.

Abbiamo solo assistito a scambi polemici sui social e sui mezzi di informazione tra le varie forze politiche che, proprio facendo velati riferimenti allo strumento urbanistico di riqualificazione del territorio della “Rigenerazione Urbana” in itinere,  hanno paventato la presenza di una lobby che vorrebbe indirizzare l’utilizzo dello stesso in un senso diverso rispetto a quello cui dovrebbe essere normalmente deputato.

Abbiamo letto di affermazioni e smentite in merito a tentativi di forze politiche di deviare il fine della “Rigenerazione Urbana”, che dovrebbe mirare alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente in zone degradate del nostro territorio, verso un suo diverso ed innaturale impiego volto all’incremento della cementificazione.

Purtroppo, però, ancora oggi, a distanza di circa 20 giorni dalla scadenza del bando regionale che impone ai comuni di presentare la documentazione relativa ai progetti di rigenerazione urbana, la cittadinanza e gli stessi consessi istituzionali (Consiglio Comunale e Commissioni Consiliari) sono completamente all’oscuro delle scelte politiche che l’amministrazione intende adottare per l’utilizzo di questo importante strumento di governo del territorio, alla faccia della trasparenza.

Ancora una volta giunge fuori tempo massimo e sa di messa in scena mal riuscita il tentativo del Sindaco di risolvere la situazione dichiarando di voler portare la “rigenerazione urbana” all’evidenza del Forum della Società Civile. Il governo del procedimento in questione avrebbe richiesto un preventivo e debito coinvolgimento della cittadinanza tutta nelle scelte urbanistiche di importanza rilevante che si stanno per adottare.