Coppola Consiglio Comunale
Coppola Consiglio Comunale
Pubblicità
Pubblicità

Amministrative ancora lontane nella Città bianca: la scadenza naturale della legislatura è fissata nel 2019, ma il clima è già da campagna elettorale.

Le dichiarazioni rilasciate prima in consiglio e poi al termine del dibattito dal sindaco Gianfranco Coppola, su una sua possibile ricandidatura, hanno alimentato il dibattito della Città bianca, bruciando le tappe di una campagna elettorale, che già agli inizi del 2018 potrebbe entrare nel vivo.

Ecco le dichiarazioni del sindaco Coppola 

La prima valutazione politica, a caldo, è quella espressa dal segretario cittadino del Pd Fabio Giorgino. «Basta spot elettorali e annunci. Il sindaco pensi a governare: troppe le questioni irrisolte senza soluzione. La nostra città ha più che mai bisogno di un sindaco e non di un candidato sindaco. Ad oggi i risultati di questa amministrazione sono più che deludenti: sulle grandi questioni dal porto alla vasca del Pilone ascoltiamo solo annunci e non soluzioni ai problemi. Noi come Pd – spiega Giorgino – ci faremo trovare pronti alle prossime consultazioni elettorali sia che dovessero svolgersi nel 2018 che nel 2019».

Dal centrodestra, invece, giunge il via libera definitiva ad una possibile ricandidatura di Coppola da parte di uno dei gruppi consiliari più numerosi, Puglia Popolare, formato da Guido Milone, Tommaso Moro, Massimo Saponaro e Giuseppe Bagnulo.

«Il sindaco merita la nostra fiducia anche nel futuro: è la persona giusta per amministrare la città – dichiara Bagnulo – e soprattutto per portare avanti progetti importanti per il nostro territorio, ad iniziare dal porto».

Di parere opposto la valutazione dell’ex sindaco della Città bianca Domenico Tanzarella. Tra ironia e sarcasmo l’area socialista critica le scelte del primo cittadino. «Faccio le condoglianze alla città di Ostuni per l’annuncio dell’autocandidatura di Coppola: la presenza di quel sindaco è la causa del clima che vige nella città, dell’incomunicabilità nelle istituzioni tra chi svolge ruoli diversi, unita ad un’inadeguatezza ed un’incapacità allo svolgimento del ruolo. L’augurio migliore – attacca politicamente Tanzarella – per chi sarà il suo avversario: farà una passeggiata, di centro, di sinistra, o di destra chiunque lui sia».

Dal centrodestra, che intanto è alle prese ancora con il nodo da sciogliere del settimo assessore da nominare, interviene nel dibattito politico Giuseppe Corona del movimento civico Ostuni Tricolore.

«Attendiamo che ci venga comunicata ufficialmente anche a noi la sua disponibilità a ricandidarsi. Subito dopo il periodo festivo chiederemo a lui un segnale in questa direzione per iniziare a valutare il nuovo progetto e le alleanze. La priorità resta finire la legislatura nel modo migliore: poi tireremo le somme».

Da Direzione Italia il capogruppo Giuseppe Francioso mantiene una posizione attendista sulla possibilità che sia Coppola il candidato sindaco del centrodestra per il futuro. «Anche noi siamo certi come il primo cittadino che questa maggioranza, sta lavorando con armonia e comunione di intenti, e arriverà alla scadenza naturale. Accogliamo con favore la sua volontà di portare a termine con forte entusiasmo il programma elettorale e continuare anche in futuro ad occuparsi della cosa pubblica. Come Direzione Italia ambiamo a portare a termine questioni come il porto e un progetto chiaro per il rilancio delle marine. Per tutti gli altri ragionamenti sul futuro crediamo che sia il caso di rinviare ogni discussione a dopo le elezioni politiche del 2018».

Fonte: Nuovo Quotidiano di Puglia