Pubblicità
Pubblicità

L’incontro questa mattina a Brindisi, alla presenza del senatore Vittorio Zizza e del consigliere comunale Elio Spennati. Di seguito la nota del sindaco Coppola

Il futuro dell’ospedale di Ostuni al centro di un confronto tra il direttore generale dell’ Asl di Brindisi Giuseppe Pasqualone, il senatore dei Conservatori e riformisti Vittorio Zizza, ed il sindaco Gianfranco Coppola. Presente anche il consigliere comunale di maggioranza Elio Spennati. «Volevamo fare punto sulla situazione sanitaria in Ostuni in merito al piano di riordino ospedaliero, allarmati soprattutto dal dettato del regolamento regionale del giugno 2014 dove –sottolinea in una nota il sindaco- il nosocomio veniva catalogato quale Ospedale di base». L’amministrazione comunale ha ricevuto una risposta al momento interlocutoria: «Pasqualone nel puntualizzare il ritiro del regolamento, a firma della passata amministrazione regionale Vendola, con l’insediamento della nuova giunta e del governatore Michele Emiliano, ha assicurato che al momento in attesa della nomina al vertice dirigenziale regionale tutto –sottolinea Coppola- rimane fermo, tranne: efficientamento energetico di alcuni ospedali tra i quali Ostuni, avviamento delle procedure di appalto per la prosecuzione ed ultimazione dell’ala nuova, e lo spostamento nella Città bianca del reparto di Pneumologia». Dall’ Asl di Brindisi sono giunte garanzie sulla concertazione con gli enti in merito alle decisioni future: «Alle perplessità e preoccupazioni espresse da me, da Vittorio Zizza e dal consigliere comunale Spennati, Pasqualone ha concluso che sulla base delle direttive regionali di indirizzo generale che verranno emanate, qualsiasi intervento –afferma Coppola- verrà comunicato e discusso con le parti in causa nei dovuti modi ed a tempo debito»