Comune di Ostuni Gennaio 2016
Comune di Ostuni Gennaio 2016
Pubblicità
Pubblicità

L’ultimo atto al Comune di Pulcinella è quello dell’ultimo consiglio comunale del 30.04.2016, un affronto (l’ennesimo) agli ostunesi…  Il gruppo Meetup 5 Stelle X Ostuni considera inaccettabile l’andamento ostunese della cosa pubblica. La catarsi, infatti, piano piano si svela in tutta la tragedia dello squallido spettacolo della nostra classe politica.

Ostuni, ultimo atto: il crollo del Pessina, i bambini e la docente feriti, il disagio di tante famiglie, l’inchiesta, lo scandalo dei lavori eseguiti male e di fretta e lo scandalo delle ristrutturazioni, i certificati mancanti e la nuova chiusura parziale.

L’ultimo consiglio lascia a margine la debole illusione di un cambiamento, per un finale indegno: si spengono microfoni e luci e nell’oscuro del retro del sipario si è svolto il resto del copione. Un atteggiamento ingiustificabile dell’intero teatrino consiliare, arrogante nei confronti della cittadinanza che ha tutto il sacrosanto diritto di conoscere fino in fondo la verità, le responsabilità derivanti dal crollo e dalla successiva superficialità istituzionale nell’esercizio delle sue competenze. E sulla responsabilità politica si pretende la maggiore chiarezza e trasparenza.

Neanche la gloriosa mente di Quentin Tarantino avrebbe pensato ad un simile agghiacciante finale: la richiesta di chiusura dell’aula rappresenta un azzardo e un affronto offensivo a tutta la cittadinanza: quali segreti si celano dietro alla “valutazione su comportamento di persone” (cons. Continelli)? Chi sono queste persone? E qual’è lo scottante contenuto di tali valutazioni che non possono essere condivise con i cittadini? Non sono quest’ultimi che hanno subito la maggior parte dei danni? Noi sono i cittadini gli ultimi destinatari dell’operato politico? Non hanno quindi diritto a conoscere la verità, sebbene oscura sul Pessina?

E per essere dei segreti sono di per sè rilevanti, come ha evidenziato la scelta del cons. Continelli, votata all’unanimità.

Siamo sgomenti, anche per il totale silenzio mediatico sulla vicenda. Ogni parte, politica, istituzionale, giornalistica ma soprattutto sociale dovrebbe indignarsi per questo meschino affronto mentre chiediamo a gran voce che il Sindaco e il Consiglio abbiano la sensibilità e la coscienza (civica, fra l’altro) di rendere pubblico il resto della seduta consiliare.

Simona Ciccarese, attivista Meetup 5 Stelle X Ostuni