Partito Democratico PD
Partito Democratico PD

Approvati i lavori di messa in sicurezza del precampo presente all’interno del campo sportivo comunale di Ostuni. “Meglio tardi che mai”.

A distanza di quasi un anno dalla nostra richiesta di intervento sono stati approvati i lavori di messa in sicurezza del precampo presente all’interno del complesso del campo sportivo comunale di Ostuni. “Meglio tardi che mai”.

Nelle prossime settimane si potranno finalmente risolvere alcune delle criticità presenti: protezione della muratura adiacente il campo, sistemazione di tutta la recinzione e manutenzione del manto erboso con relativa sostituzione delle porte da gioco. Tali interventi garantiranno la possibilità per tutti i bambini di poter svolgere l’attività sportiva in sicurezza e consentiranno alle rispettive famiglie di godere di una maggiore tranquillità.

Ci preme ricordare che, in occasione della suddetta richiesta, facevamo riferimento anche all’assenza di spogliatoi e servizi igienici, quelli esistenti sono fatiscenti, in grado di garantire ambienti idonei alla permanenza di bambini e genitori in presenza di condizioni climatiche sfavorevoli soprattutto nella stagione invernale. Altresì sollecitavamo un intervento che garantisse l’adeguato deflusso delle acque in corrispondenza dell’area a parcheggio, antistante il campetto, oggetto di fenomeni di allagamento nei periodi di pioggia. Riteniamo che entrambi tali interventi , con particolare sollecitudine per il primo, non siano più procrastinabili.

Nel ringraziare l’Ufficio Lavori Pubblici e quanti, anche nella precedente Giunta, si sono impegnati perche’ si potesse affrontare e risolvere tale situazione, sollecitiamo l’Amministrazione a prestare massima attenzione alla manutenzione delle strutture pubbliche in generale e di quelle sportive in particolare anche attraverso la previsione di ulteriori somme nel prossimo bilancio.

Sollecitiamo altresì l’Amministrazione ad intercettare tutte le possibili fonti di finanziamento che consentano il perseguimento del suddetto obiettivo primario di manutenzione delle strutture sportive presenti sul nostro territorio. E’ notizia degli scorsi giorni il rifinanziamento del Fondo “Sport e Periferie” da parte del Ministero dello Sport per un importo complessivo di 100.000.000,00 di euro.

Tale fondo, al fine di rimuovere gli squilibri economici e sociali esistenti ed incrementare la sicurezza urbana, finanzia proposte di intervento per la realizzazione, la rigenerazione o il completamento di impianti sportivi nelle aree periferiche urbane, in vista della predisposizione del nuovo piano pluriennale degli interventi per il triennio 2018-2020 da parte del CONI.

Oltre alla definitiva sistemazione del campus della 167 e di altre strutture sportive esistenti, sarebbe opportuno iniziare a ragionare sulla possibilità di realizzare, in altra area, un nuovo campo sportivo e restituire alla libera fruizione dei cittadini la porzione di città attualmente occupata dal campo sportivo comunale.

Tale circostanza il PD ha inteso proporla, assieme alla riqualificazione e valorizzazione di Viale Pola, all’interno dell’aggiornamento del Documento di Rigenerazione Urbana. La rigenerazione delle suddette aree, campo sportivo e viale Pola, oltre a rappresentare un importante sistema di riqualificazione ambientale e di ricucitura urbanistica garantirebbe un’occasione di rilancio economico e sociale per l’intera città.

Infatti, tale intervento, oltre a creare nuove sinergie tra la parte di città più antica con quella di più recente costruzione, riuscirebbe a tenere insieme, mettendole in rete, importanti strutture culturali, Biblioteca e Casa della Musica, strutture scolastiche, Istituto Tecnico-Commerciale, Licei Classico e Scientifico e Scuola Media Barnaba, ed impianti sportivi, tutto il “campus 167”, attraverso la realizzazione di nuove aree verdi attrezzate, di nuovi sistemi di mobilità sostenibile e percorsi ciclo-pedonali, abbattimento barriere architettoniche, percorsi viari alternativi ed aree a parcheggio in grado di decongestionare il traffico veicolare. Il tutto prestando particolare attenzione allo studio dell’arredo urbano, delle pavimentazioni di strade e marciapiedi, del verde e dei sistemi di illuminazione in ottica smart city. Ciò consentirebbe un rilancio economico di quelle aree e la creazione di nuovi spazi di aggregazione e socializzazione.