La Democrazia Cristiana lascia la coalizione di governo.

Rocco Colucci
Rocco Colucci
Volantino Spazio Conad Mesagne

Anche la locale Dirigenza di Ostuni della DEMOCRAZIA CRISTIANA, prende le distanze dal Sindaco Gianfranco COPPOLA e dalla nascente compagine Amministrativa in vista dell’imminente accordo politico/programmatico con il P.D. di Ostuni e con il conseguente ingresso in Giunta.
Nel corso di un incontro tenutosi nel pomeriggio odierno, si è preso atto dalla mutata COALIZIONE, quasi al pari di una “Giunta di Salute Pubblica”, politicamente non comprensibile, anche a seguito del recente risultato elettorale riportato in occasione delle Elezioni Regionali, che di fatti ha decretato la Bocciatura dell’Amministrazione guidata dal Sindaco COPPOLA.
Apprezzabile il comportamento dei Consiglieri Comunali di Forza Italia e di Fratelli d’Italia, rispettivamente nelle persone di Guido MILONE e Christian CONTINELLI che coerentemente hanno ritenuto “INNATURALE” la propria permanenza in seno ad una maggioranza così modificata.
Giustificata anche la posizione del Partito delle Aziende, che al pari della Democrazia Cristiana, sono stati completamente dimenticati, ignorati e mortificati dal leader del Centro Destra Ostunese in persona del Sindaco COPPOLA.
Non si riesce invece a capire il comportamento del gruppo consigliare Ostuni Tricolore, nelle persone dei Consiglieri Comunali CORONA ed ANDRIOLA che unitamente all’Assessore FEDELE, tutti fortemente critici in ordine ad un eventuale accordo con il P.D., criticità palesemente manifestata in occasione del primo tentativo, poi naufragato, di elezione a Presidente del Consiglio Comunale di Angelo MELPIGNANO. Gli stessi pur essendo fortemente IDEOLOGICAMENTE schierati, di fatti rappresentando la Destra Radicale (ex Fiamma Tricolore), non hanno ritenuto utile e politicamente coerente ritirare la propria rappresentanza in Giunta, difatti partecipando alla nascita di un “Mostro Politico” che va dalla Sinistra, passando per il Centro e giungendo all’estrema DESTRA, difatti dando vita ad una “Giunta di Salute Pubblica” di cui in precedenza.
E’ bene precisare, per onestà intellettuale, che la D.C. non pone pregiudizi di sorta verso gli amici del P.D., ma sarebbe stato politicamente corretto, così come lo stesso P.D. ed anche la D.C. avevano auspicato in tempi non sospetti, l’azzeramento totale della Giunta e la ricostituzione della stessa che non avesse colorazioni politiche ma solo TECNICA, formata da Professionisti di ALTO PROFILO e non politicamente schierati, con il coinvolgimento organico di tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale per l’attuazione di un Programma-Politico-Programmatico condiviso e partecipato.
Pertanto, alla luce di quanto sopra, atteso e considerato che i Partiti istituzionali (F.I., P.d.A., F.d.I. e D.C.) che nel 2013 sancirono l’investitura di Gianfranco COPPOLA a candidato Sindaco, tra l’altro poi risultata vincente l’anno successivo (2014), non possono più essere considerati parte integrante e sostanziale della coalizione guidata dal Sindaco COPPOLA. Di converso invece, l’ingresso del P.D. in maggioranza, in verità, unica strategia per la sopravvivenza politica/numerica dell’Amministrazione COPPOLA, sancisce uno spostamento dell’asse politico Ostunese dal Centro Destra verso il Centro Sinistra, così TRADENDO la volontà dei tanti elettori che in BUONA FEDE avevano creduto nel tanto decantato CAMBIAMENTO, unico modo, questo, forse per restare fermamente seduti sulle poltrone occupate.

Continua a leggere su OstuniNotizie.it