emiliano scioglimento ostuni
05 Dicembre 2022 Milano, Italia 10 festival delle regioni e delle province autonome MIchele Emiliano LaPresse

Michele Emiliano, presidente della regione Puglia, in occasione dell’incontro pubblico con il presidente Bonaccini, ha espresso le sue riserve sulla normativa attuale in materia di scioglimento dei comuni per infiltrazione mafiosa. Ha ribadito queste riserve durante un incontro elettorale ad Ostuni, una città che è stata commissariata a causa di infiltrazioni mafiose.

Emiliano ha dichiarato che questo scioglimento gli ha causato un “dolore gravissimo” e considera che non sia corretto. Ha chiesto un approfondimento sulla normativa e modifiche per evitare situazioni simili in futuro. Inoltre, ha espresso l’importanza di unire le forze del centrosinistra a Ostuni per evitare di perdere le elezioni a causa delle divisioni interne.

Emiliano ha espresso le sue riserve sulla normativa attuale riguardo allo scioglimento dei comuni per infiltrazioni mafiose, sostenendo che il caso di Ostuni, città commissariata per questo motivo, non presenta compromissioni di questo genere e che la normativa in materia merita un’approfondimento. Ha chiesto modifiche alla normativa, richiesta avanzata anche dal presidente dell’ANCI Puglia Ettore Caroppo. L’attesa riguardo allo scioglimento del Comune di Ostuni si concentra sulla possibile richiesta di proroga del commissariamento per altri sei mesi e sul ricorso in appello al Consiglio di Stato presentato dall’ex amministrazione.

Il presidente della regione Puglia ha fatto riferimento alla divisione politica nel centrosinistra ostunese durante un intervento ad un incontro elettorale per la presentazione del candidato alla segreteria nazionale Stefano Bonaccini. Emiliano ha espresso la preoccupazione che le divisioni politiche locali possano nuovamente causare la perdita delle elezioni, come già accaduto in passato. Ha chiesto ai rappresentanti del centrosinistra presenti in platea di fare attenzione a questo problema e di evitare di ripetere gli stessi errori del passato, dicendo: “Uomo avvisato, mezzo salvato”.

In platea, oltre al gruppo dirigente del Pd di Ostuni, c’erano anche rappresentanti di altri partiti del centrosinistra, tra cui il presidente della provincia di Brindisi, Tony Matarrelli, l’ex senatore Salvatore Tomaselli e Gianfranco Coppola, sindaco di Ostuni dal giugno 2014 al febbraio 2019, con il sostegno per parte del mandato del Partito Democratico.