Riceviamo e pubblichiamo la nota del dott. Gianvito D’aversa

Il candidato consigliere comunale Dott. Gianvito D’Aversa, risponde al rappresentante della Vicaria di Ostuni, Don Giovanni Apollinare: “Condivido le preoccupazioni della Chiesa, vorrei essere una giovane garanzia affinchè queste situazioni non si ripetano più”.

Mi riempie il cuore di gioia il fatto che la Chiesa abbia focalizzato la propria attenzione sulla scena politica, intervenendo con un “invito alla serietà” ed alla concretezza. Non si può non riconoscere che gli ultimi anni abbiano previsto uno scenario di confusione politica, che abbia presentato come protagonista un’ aggregazione di persone con idee poco chiare. A mio parere, la politica deve tornare ad essere una cosa seria che preveda risposte immediate alle esigenze dei cittadini.

Sono tante le ragioni per le quali, oggi, scelgo di essere protagonista di questa nuova stagione politica: da una parte, procedo con la consapevolezza che il nostro territorio abbia bisogno di nuovi “operai al servizio”, dall’altra, mi rendo conto che tali operai non possano trascendere da una preparazione tale da garantire la risoluzione di problematiche di natura amministrativa.

Scendo in campo non con la voglia rivoluzionaria e senza meta che si potrebbe accomunare ad un ragazzino, ma con i piedi saldi per terra; non a caso ho scelto di affiancare chi già detiene l’esperienza di un padre, tale da poter fornire sempre il giusto consiglio ed indirizzo.

Grazie anche alla mia personale attività lavorativa, sono a conoscenza delle numerose difficoltà che al giorno d’oggi affliggono le famiglie Ostunesi, da un punto di vista economico (e non si può discernere, quindi, dall’aspetto lavorativo) e sociale.
Da parte mia, poche saranno le promesse, poche saranno le illusioni offerte; preferirò investire il mio tempo vivendo direttamente la gente, stando in mezzo a questa, offrendo loro sostegno come quotidianamente provo a fare nello svolgimento del mio lavoro; le parole volano, il bene consegnato ad una famiglia resta inciso nel cuore.

Vorrei tanto che i giovani Ostunesi fossero dalla mia parte, che camminassero con me ed al mio fianco; noi siamo il futuro ed umilmente e con professionalità, dobbiamo prenderci quello che ci spetta di diritto; dobbiamo strutturare oggi le basi di quelle che saranno le nostre famiglie future, basi forti e salde sì da garantire un adeguato sostegno ed una meritata serenità.

Questi sono i valori che gli anni in oratorio mi hanno trasmesso, questo è quello che la Chiesa mi ha insegnato.

POTRESTI ESSERTI PERSO: