L’avvocato Giovanni Zaccaria è supportato dai movimenti Ostuni Futura, Ostuni Tricolore e Fratelli d’Italia.

Una convention per presentare la propria candidatura alle primarie del centrodestra, che si svolgeranno ad Ostuni, domenica 17 marzo 2019 dalle ore 8.00 alle ore 22.00 presso la biblioteca comunale.

L’avvocato Giovanni Zaccaria è supportato dai movimenti Ostuni Futura, Ostuni Tricolore e Fratelli d’Italia. Durante la manifestazione Zaccaria, ha lanciato le linee programmatiche che lo hanno portato alla candidatura alle primarie e i progetti per il futuro della Città Bianca.

I Particolari nel Video Servizio di Flavio Cellie

«Sono io l’unica vera novità degli ultimi 20 anni. Io posso parlare al futuro. Dall’altra parte c’è chi avrebbe dovuto e potuto fare. Se l’amministrazione precedente non ha brillato la colpa non è certamente di Giovanni Zaccaria: c’era un sindaco ed un vice sindaco». Prime scintille in vista delle primarie del centrodestra che si terranno nella Città bianca il prossimo 17 marzo: il candidato di Ostuni Futura e Ostuni Tricolore, Giovanni Zaccaria, apre la sua campagna elettorale, non risparmiando critiche, dal punto di vista politico, al suo avversario, Guglielmo Cavallo, vicesindaco dell’amministrazione guidata da Gianfranco Coppola e sostenuto tra gli altri da Forza Italia e Direzione Italia.

«È impossibile sentirsi dire – attacca Zaccaria – che molti progetti erano previsti e non si sono realizzati perché l’amministrazione si è conclusa anticipatamente: i progetti non si realizzano a tre mesi dalla scadenza naturale. A differenza del mio avversario delle primarie, io non sono il candidato dei notabili del centrodestra, di fuori, che tra un anno verranno a chiedere i voti per le regionali».

Poi le priorità del suo programma, illustrato davanti ad una folta platea nella biblioteca comunale della Città Bianca. Al suo fianco anche Christian Continelli che ha ufficializzato il sostegno di Fratelli D’Italia a Zaccaria. «Mai più un centimetro di bitume nel centro storico. Serve un intervento conservativo e combinato a tutela del patrimonio storico, non invasivo e aggressivo. È da 20 anni che non si realizza un vero piano – continua il candidato alle primarie – per l’arredo e decoro urbano non solo nell’area di piazza della Libertà, ma anche nell’area commerciale di Viale Pola. Serve un programma di viabilità e del traffico, non come l’ultimo, a seconda dell’idea del momento, ma calibrato alle esigenze dei cittadini e dei turisti. Potenzieremo la videosorveglianza nel centro urbano e nelle aree periferiche. Inoltre saremo al fianco delle attività artigianali e dei commercianti che stanno subendo gli effetti della crisi economica».

Giovanni Zaccaria interviene anche in merito alla sua idea per il funzionamento della macchina amministrativa. «Occorre eliminare tutti i costi inutili che ci sono a Palazzo San Francesco, partendo anche da un azzeramento dei contenziosi del comune, che comportano solo un dispendio di energie per il settore legale. Per poter impedire l’aumento delle tasse, occorre intercettare fondi regionali ed europei: nel mio staff, se sarò eletto sindaco, non ci saranno autisti o portavoce, ma professionalità, anche ostunesi, che avranno il compito di monitorare ed ottenere i finanziamenti: solo così – spiega il candidato di Ostuni Futura- si possono realizzare piccole e grandi opere per la comunità. Queste persone avranno contratti a convenzione: ogni anno saranno valutate le loro performance su quanto hanno prodotto in termini di entrate e benefici».

Costa e turismo le altre priorità del suo programma. «Importante il porto di Villanova, ma va fatto un piano di manutenzione delle strade anche a Camerini e negli altri del litorale. Così come avremo grande tutela per le campagne. In merito al turismo, va contemplato attraverso una pianificazione che preservi gli aspetti culturali ed i servizi legati a questo settore, ad iniziare dai parcheggi». Poi l’invito sul suo sfidante delle primarie, Guglielmo Cavallo, ad un confronto pubblico.

«Mi sembra che la campagna elettorale la stiamo conducendo noi, mentre loro la calcolano. Noi siamo invitati in radio e nelle web-tv, subito dopo ci seguono. Noi facciamo la convetion, ed improvvisamente compare la loro data successiva. Noi se dobbiamo dire una cosa la diciamo senza badare a nulla, tempi o altro. È evidente che i cittadini – conclude Giovanni Zaccaria- hanno bisogno di assistere ad un confronto per scegliere in vista delle primarie. Io sono pronto subito».

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.