Gianfranco Coppola, sindaco di Ostuni, si difende dalle accuse rivolte da parte della sua maggioranza. Qui il video della conferenza.

«Io non ho mai tradito nessuno. Non faccio le primarie e scenderò in campo con liste civiche». Gianfranco Coppola, sindaco di Ostuni, si difende dalle accuse rivolte da parte della sua maggioranza. Lo stesso primo cittadino, però, esclude la possibilità di misurarsi con altri candidati del centrodestra, in una consultazione interna e rilancia la sua candidatura a sindaco, con un progetto diverso rispetto all’attuale.

«Non c’è stato nessun tavolo carbonaro. I miei incontri sono stati sempre aperti ed alla luce del sole». E’ un concetto che ribadisce più volte Gianfranco Coppola. Così come tiene a precisare che al momento non ci sarebbe nessuna intesa con altre forze politiche. «Non ho fatto accordi con il Pd, neanche con Giuseppe Tagliente. Sono stato invitato ad una riunione dall’ex assessore Niki Maffei. Io per dovere di correttezza sono andato. Niente di più». Così il sindaco della Città bianca chiarisce la sua posizione in merito alla sua partecipazione all’incontro di martedì scorso con alcuni componenti del centrosinistra di Ostuni e dell’ex giunta tecnica.

«Al momento non ho sentito neanche una critica sul perché non posso io essere il candidato sindaco del centrodestra. Qualcuno deve fare pace con sé stesso se prima non mi volevano, poi mi hanno chiesto di partecipare alle primarie, altri invece hanno stoppato anche questa cosa. Comunque il mio obiettivo è di evitare un ritorno al passato che io sempre contrastato anche da consigliere opposizione. Continueremo il percorso avviato. Ho una serie di progetti che sono in itinere: esorto chiunque voglia intraprendere un discorso civico. Esiste già – conclude Gianfranco Coppola un programma elettorale definito, che sarà sempre improntato sui canoni di legalità, trasparenza e meritocrazia».

Intanto però sono ore decisive per la presentazione dell’eventuale mozione di sfiducia da parte di alcuni consiglieri di maggioranza: oggi potrebbe essere protocollata l’istanza, per la convocazione del consiglio comunale. In parallelo continuano le trattative nel centrodestra per individuare il candidato sindaco: partiti e movimenti stanno valutando se confermare le primarie per il 10 marzo, o provare un ultimo tentativo per la sintesi su un’unica figura.

I Particolari nel Video

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.