Pubblicità
Pubblicità

Commissione antimafia, dalle civiche: “Dispiace constatare l’intesa innaturale tra centro destra e PD”. Lo afferma l’area civico socialista nella nota che segue.

È doveroso precisare che la commissione di inchiesta su un caso di affidamento di un servizio che ha causato una interdittiva antimafia è stata proposta dall’area civico-socialista.

La guida spettava alla opposizione che compatta ha dato i suoi 5 voti al consigliere Pinto, mentre il consigliere Brescia oltre al suo solo voto ha ottenuto il voto di tutti i consiglieri di maggioranza, che lo hanno proposto e votato.

Per sei anni non abbiamo condiviso metodi e sistemi che hanno portato il Comune di Ostuni prima allo scioglimento e poi agli onori della cronaca per problemi di rispetto della legalità. Dispiace constatare che l’intesa innaturale tra centro destra e PD continui, nello stesso tempo siamo orgogliosi di non essere la opposizione preferita dalla maggioranza.

Corre l’obbligo di precisare ai “non addetti ai lavori” come, durante i medesimi lavori di insediamento della suddetta Commissione, il Neo-Presidente Cons. Brescia avesse più volte manifestato la sua contrarietà riguardo l’istituzione di tale organo, in quanto da egli ritenuto inutile, pensiero immediatamente sacrificato sull’altare della successiva sua designazione.

Inoltre, ricordiamo come anche i designatori del Neo-Presidente fossero contrari all’istituzione di tale Commissione, ritenendo l’Amministrazione “al di sopra di ogni sospetto, già in possesso di anticorpi tali da creare un sistema immunitario attivo”. Orbene è chiaro che questa Commissione, per la maggioranza – e come si evince anche per il PD – rappresenti il nulla; dunque è opportuno osservare come mai scelta fu più appropriata, nel porre “l’uomo giusto al posto giusto”.

Lungi da noi ogni forma di polemica, portiamo avanti una battaglia di coerenza, di lealtà e fedeltà a principi e valori che si contrappongono all’ambiguità ed all’opportunismo, nonché alla superficialità ed alla disinvoltura che sfocia nell’illegalità.

Le liste civico-socialista di Ostuni