Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Il Sindaco di Ostuni, Guglielmo Cavallo non ci sta alla trasformazione del nosocomio di Ostuni in Ospedale Covid.

Così il primo cittadino della Città Bianca ha scritto una nota indirizzata al Prefetto di Brindisi, al direttore generale della Asl, al Presidente della Regione e alla presidente della Provincia di Brindisi.

“La decisione di destinare l’intero nosocomio di Ostuni a Ospedale Covid” scrive Cavallo “si caratterizza per l’assoluta arbitrarietà e irrazionalità. Solo chi non conosce il bacino di utenza del nostro ospedale, ignora che anche le comunità dei paesi limitrofi hanno Ostuni come polo ospedaliero di riferimento.

E’ evidente che, così com’è strutturato, l’Ospedale di Ostuni non può accogliere reparti Covid in con-temporanea con gli altri già in funzione. Infatti, è impossibile delineare percorsi dedicati. Da questa eviden-za, nasce probabilmente la scelta della Regione e dell’ASL di rendere l’ospedale di Ostuni un centro esclusivamente dedicato al Covid ma anche questa ipotesi non sembra percorribile.

La mancanza acclamata dei servizi igienici in tutte le stanze che si intendono adibire per ospitare i pa-zienti Covid, la persistenza di un cantiere aperto nel reparto di ortopedia (nonostante le finte inaugurazioni), la mancanza di un sistema di videosorveglianza per monitorare i pazienti e l’insufficienza delle stanze a pressione negativa evidenziano l’inopportunità di ricoverare malati di Covid nell’ospedale di Ostuni.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Orari Conad Mesagne

A queste evidenti deficienze deve essere aggiunta la riflessione che il Covid non è l’unica patologia che ha bisogno di essere curata in questo periodo e che, una larga parte del territorio, tutto quello costiero da Brindisi a Monopoli, rimarrebbe sguarnito di un pronto soccorso, oltre che di reparti di ortopedia, medicina e chirurgia, per non parlare dei servizi di dialisi, radiologia e di tutti gli ambulatori del distretto sanitario.

A questo quadro che non può trovare smentite, deve aggiungersi l’evidenza che il personale in servizio presso l’ospedale di Ostuni non è formato per operare in un reparto come quello che si intende avviare. Per tutti i motivi sinteticamente illustrati, si esprime contrarietà alla destinazione del P.O. di Ostuni come ospedale Covid e si chiede l’impegno immediato della Regione e dell’ASL a rivedere la scelta in senso più razionale e rispettoso del diritto alla salute del nostro territorio oltre che ad ultimare tutti i lavori previsti e av-viati da lustri (c.d. “Piastra”) e assumere il personale necessario (cardiologi, anestesisti in primis) per dare attuazione al piano ospedaliero.

Le Autorità politiche locali non sono state coinvolte nella decisione ma hanno appreso il piano e la tempistica nell’attuazione solo a cose fatte. E’ evidente la volontà di Regione e ASL di non condividere con i rappresentanti del territorio la responsabilità di certe scelte, mentre è facile prevedere che le conseguenze nei ritardi di programmazione della seconda fase dell’epidemia ricadranno su tutti.

POTRESTI ESSERTI PERSO...