Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Oggi il primo incontro anche dopo le recenti novità politiche: il sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo vedrà gruppo e dirigenti locali di Fratelli d’Italia.

La volontà comune è quella di evitare lo strappo. Oggi il primo incontro anche dopo le recenti novità politiche: il sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo vedrà gruppo e dirigenti locali di Fratelli d’Italia. Ed al centro del confronto tra le parti anche il ruolo che dovrà avere di qui a medio termine il partito, non solo all’interno della coalizione, ma anche all’interno della giunta comunale.

E l’ingresso di un terzo consigliere nel gruppo, Giuseppe Bagnulo, è un’ulteriore ragione che i dirigenti di Fdi metteranno sul tavolo politico di questo pomeriggio per la richiesta di rappresentanza nell’esecutivo. Se questo avverrà dopo un azzeramento (la richiesta di Fratelli D’Italia) o un semplice rimpasto, con il cambio solo di qualche membro, emergerà solo dopo il confronto ampio con tutte le forze politiche di maggioranza.

L’ipotesi rimpasto, però, non è la strada più apprezzata da parte di Fratelli D’Italia, che nel corso della conferenza stampa di pochi giorni fa, con il suo capogruppo Claudia Trifan, aveva spiegato la necessità «Di aprire una nuova fase senza “mortificare” dal punto di vista umano e politico una singola persona, ma valutando l’ipotesi dell’azzeramento». Posizione condivisa anche dal resto del gruppo dirigente del partito.

Nella stessa conferenza i rappresentanti ostunesi di Fratelli D’Italia avevano anche sollevato una problematica di natura gestionale, dovuta ai molteplici impegni, in merito alla delega al turismo, ad oggi nelle mani del sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo e non attribuita ad alcun assessore. Non è esclusa che l’istanza rappresentata nei giorni scorsi dal partito possa emergere anche oggi nel corso dell’incontro.

Una volontà del gruppo di Fratelli D’Italia di contribuire con maggior presenza nell’attività amministrativa, che emergerebbe anche dopo le regionali, e l’elezione di Luigi Caroli, come unica espressione del centrodestra in provincia di Brindisi. Fratelli D’Italia nell’ultima tornata elettorale ad Ostuni è stato il partito politico più suffragato, dopo due movimenti civici.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

«Risulta fondamentale pertanto che venga messa al centro delle priorità del nostro Sindaco l’incontrovertibile volontà del corpo elettorale, che con il voto ha dato un segnale chiaro a questa amministrazione, ovvero la necessità – si legge nel documento di Fdi Ostuni- di un cambio di passo che faccia sentire alla città il valore delle proprie scelte di governo». Restano in attesa di eventuali confronti di maggioranza anche gli altri gruppi che compongono la coalizione a sostegno dell’attuale primo cittadino.

Il movimento “Per Ostuni” dopo l’ingresso di Adriano Zaccaria ha rafforzato la sua presenza con quattro consiglieri: circostanza numerica che potrà diventare determinante se ci sarà un riassetto degli equilibri non solo all’interno del centrodestra locale, ma anche della squadra di governo. “Per Ostuni”, così come Obiettivo Comune ha quattro consiglieri e due assessori. Attesa per quelle che saranno anche le decisioni di Forza Italia e della Lega nella Città Bianca.

Il partito di Matteo Salvini al momento ha un solo consigliere, Margherita Penta. Per FI, invece, dopo la fuoriuscita di Giuseppe Bagnulo con l’approdo a Fratelli d’Italia, si prevede una fase momentanea di assenza di rappresentati in consiglio comunale ad Ostuni. Non è escluso, però, che i vertici del partito nella Città Bianca possano avviare un confronto anche con alcuni consiglieri civici o indipendenti nel centrodestra ostunese.

POTRESTI ESSERTI PERSO...