Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

A margine del consiglio comunale di ieri, il sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo frena su possibili modifiche alla sua squadra di governo.

«Al momento il rimpasto in giunta non è in agenda». A margine del consiglio comunale di ieri, il sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo frena su possibili modifiche alla sua squadra di governo. Un tema, però che resta centrale nella maggioranza di centrodestra che governa palazzo S. Francesco. Dopo il primo incontro di mercoledì altri tavoli politici potrebbero essere avviati già dalla prossima settimana tra le forze politiche della coalizione. Rimpasto o azzeramento completo legati ad eventuali nuovi assetti e nuovi equilibri tra le singole forze di centrodestra della Città Bianca, che potrebbero a breve emergere.

«All’orizzonte, al momento, c’è una discussione programmatica che avviamo adesso. Il mese di ottobre, infatti, è il mese della programmazione in vista del bilancio di previsione che speriamo di portare in consiglio entro fine dicembre. Qualora dovessero emergere da questa discussione delle situazioni nuove le prenderemo in considerazione. Al momento non mi è stata rappresentata nessuna nuova novità politica. All’ordine del giorno non c’è un rimpasto. E per questo non c’è un limite temporale già stabilito». E’ questa la posizione del sindaco, di natura politica, sullo stato della sua maggioranza.

Tra gli interventi della seduta di ieri, la prima a distanza quasi di un anno nel nuovo “Salone dei Sindaci” appena ristrutturato, anche quello del consigliere comunale di maggioranza, Ernesto Camassa. L’ex presidente del consiglio, recentemente fuoriuscito dalla Lega, sottolinea alcuni aspetti dal punto di vista politico e amministrativo.

«Come classe politica abbiamo il dovere di superare una serie di difficoltà. Una sorta di muro di gomma che viene eretto quotidianamente in questa città, anche negli uffici. Queste difficoltà le abbiamo avute anche cinque anni fa e per cinque anni c’è stato quasi un freno a mano abbastanza tirato. Dobbiamo sbloccare questa situazione, perché alla fine -afferma Ernesto Camassa- la faccia mettiamo noi, consiglieri, sindaco e assessori. Se noi continuiamo a non fare un cambio di passo prima o poi verremo condannati per quello che non meritiamo di essere, e cioè che non amiamo la città di Ostuni». Dichiarazioni argomentate anche dal sindaco.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

«C’è un realismo: si lavora tanto, si ottengono risultati buoni, ma si può sempre migliorare. Il cambio di passo avanzato da Ernesto Camassa è relativo anche all’impegno richiesto dai consiglieri comunali, oltre che della giunta. Ha fatto un discorso più ampio che ha coinvolto le opposizioni, parlando di un risultato delle regionali che ha visto perdenti sia il centrodestra che il centrosinistra di Ostuni, che non ha eletto nessuno. A questo si riferiva il consigliere Camassa. Programmazione – conclude Guglielmo Cavallo- vuol dire anche ad esempio organizzazione di concorsi pubblici che ci saranno a novembre».

Aspetti politici e di stretta attualità amministrativa che sono stati, però, oggetti di critiche dai rappresentati dell’area socialista e dal Partito Democratico di Ostuni, durante il consiglio. In interventi singoli, i consiglieri Andrea Pinto, Giuseppe Tanzarella e Angelo Pomes, hanno affrontate una serie di problematiche tra cui le difficoltà nella gestione del servizio di igiene urbana, dopo lo stop al porta a porta.

POTRESTI ESSERTI PERSO...