Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Tra le questioni aperte resta anche quanto avvenuto nelle recenti regionali

Vecchi rancori covati da tempo. Lo scollamento tra giunta e consiglieri. E poi l’attualità, con il risultato delle regionali per il candidato dell’amministrazione, diverso da quello auspicato, pur potendo contare in linea teorica sul sostegno dell’intero centrodestra ostunese.

Quanto basta per alimentare nuovi e vecchi contrasti nella maggioranza che governa Palazzo S. Francesco. La riunione pre-consiglio di mercoledì sera, in vista della seduta di oggi delle 16:30, è stata la sede, anche politica, per far emergere più di qualche malumore nella coalizione che sostiene il sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo. Ed alle porte entro un paio di settimane non si esclude un rimpasto corposo in giunta. All’interno della squadra di governo del primo cittadino almeno due le pedine che potrebbero lasciare spazio a nuovi ingressi, indicati dalle forze politiche che sostengono il sindaco.

Eventuali modifiche in giunta che potrebbero essere legate anche a nuovi equilibri all’interno del centrodestra ostunese, con il rafforzamento di alcuni gruppi a discapito di partiti o movimenti civici. Tra le questioni aperte resta anche quanto avvenuto nelle recenti regionali. L’amministrazione da tempo aveva anche pubblicamente deciso di sostenere il presidente del consiglio comunale Giovanni Zaccaria, candidato nella lista “La Puglia Domani” per Raffaele Fitto.

Compattezza, però, della coalizione che non si è tramutata realmente nei voti auspicati. Gli exploit nella Città Bianca di altri candidati, come Luigi Caroli (588 voti ad Ostuni nella lista di Fratelli D’Italia), o Vittorio Zizza (530 preferenza personali per l’ex sindaco di Carovigno candidato con la Lega) testimonierebbero il supporto che queste due autorevoli figure hanno ricevuto anche da esponenti dell’attuale amministrazione del sindaco Cavallo, a discapito del candidato locale.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Tutto in maniera ufficiosa, con l’assenza di indicazioni di voti di alcuni genere da parte di molti aderenti alla maggioranza di Palazzo S.Francesco. Si tratta così, di una questione che si annovera tra i temi aperti e che andranno ad alimentare il confronto sul futuro della maggioranza cittadina. Distinguo che al momento non avranno, però, nessun effetto sulla tenuta della coalizione, che già oggi dovrebbe votare in maniera compatta i quattro punti all’ordine del giorno, in programma nel consiglio comunale. L’assise si terrà all’interno del “Salone dei sindaci” appena ristrutturato: dopo un anno i consiglieri ritroveranno le proprie postazioni nei nuovi spazi, anche con la possibilità in futuro, anche del voto elettronico.

Ed oggi tra gli argomenti oggetti di discussione la delibera di approvazione del Dup (documento unico di programmazione), dove il voto è anche di carattere politico e di fiducia nei confronti dell’amministrazione. E nessuno, nonostante il clima animato nel centrodestra, dovrebbe far mancare il proprio voto favorevole all’ordine del giorno che sarà presentato in consiglio.

Il dup è l’atto con il quale l’Amministrazione espone, in relazione ad un dato arco di tempo futuro, cosa intende conseguire, in che modo e con quali risorse.Tra gli altri ordini del giorno, interventi in ambito del settore lavori pubblici ed il riconoscimento di debiti fuori bilancio.

POTRESTI ESSERTI PERSO...