Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Appalto per la gestione dei parcheggi a pagamento ad Ostuni: dall’opposizione viene richiesta la revisione del bando.

La gestione del servizio di controllo della sosta a strisce blu nella Città Bianca, dopo una serie di proroghe, entro pochi mesi dovrebbe essere messa a gara per un appalto di cinque anni.

«Quello che è stato previsto in questa fase è un bando senza alcune tutela per i dipendenti: vanno inserite le clausole di salvaguardia per il personale uscente». L’ex vicesindaco Franco Francioso, oggi delegato provinciale del Movimento 24 Agosto “Equità territoriale”, contesta le procedure iniziali avviate dal comune di Ostuni per il nuovo corso della gestione del servizio.

Un ‘istanza che ha come base- secondo il rappresentante dell’opposizione- la necessità di integrare il bando chiedendo con vincoli ben precisi per la riassunzione dello stesso personale. Una misura prevista nelle fasi di passaggio di gestione nelle gare d’appalto per i servizi esternalizzati dagli enti locali. «Ad oggi svolgono funzioni di “ausiliari del traffico”, sei unità a tempo indeterminato e quattro tempo determinato. Questo avviene anche dopo l’ampliamento dei parcheggi per tutti i mesi dell’anno di via Tenente Specchia e dell’area di via Giosuè Pinto.

Nel capitolato speciale d’appalto che l’amministrazione intende predisporre non solo si prevedono 9 unità, ma soprattutto non è stata inserita alcuna clausola di salvaguardia volta al mantenimento delle unità lavorative, fatto che invece è stato previsto per altri appalti di servizio (come al cimitero comunale o per il verde pubblico». A queste istanze, Francioso nella sua lettera indirizzata al sindaco Guglielmo Cavallo sottolinea un altro aspetto. «Sette giorni dopo questa determinata sulla gestione aree pubbliche destinate alla sosta non custodita a pagamento e l’esazione delle tariffe, è stata fatta la gara per la “Manutenzione e segnaletica stradale” e correttamente avete inserito la clausola sociale per una sola unità. Ora – attacca l’ex vicesindaco- con questo provvedimento rischiate di mettere in atto un atteggiamento da figli e figliastri nei confronti dei lavoratori che lavorano da oltre 15 anni. La salvaguardia delle unità lavorative è un obbligo di legge».

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Lo stesso ex amministratore aggiunge: «Come Movimento 24 Agosto – “Equità territoriale” resteremo vicino ai lavoratori “ausiliari del traffico” affinché possano continuare il loro lavoro anche con il nuovo appalto. Inviamo l’amministrazione comunale a dare le giuste direttive per integrare il capitolato speciale e consentire tale obbligo contrattuale. In caso contrario – conclude Franco Francioso – ci adopereremo per intraprendere, con le altre forze politiche di opposizione presenti in Consiglio Comunale, ogni via d’azione a difesa di questi lavoratori».

Le questioni sollevate dall’ex vicesindaco Francioso erano state al centro anche di una serie di critiche che i consiglieri dell’area civica-socialista avevano manifestato durante l’ultima seduta dell’assise cittadina. Istanze che riguardavano – secondo il consigliere comunale di Avanti Ostuni- Giuseppe Tanzarella la necessità che il bando disponesse in maniera chiara e per evitare altre interpretazioni in sede di offerta tecnica per il bando, la presenza della clausola sociale a tutela del personale ora in servizio, come ausiliare del traffico.

POTRESTI ESSERTI PERSO...