Pubblicità
Farmacia Matarrese Consegne a Domicilio Ostuni
Pubblicità
Pubblicità

Fase due, Giovanni Fedele (Uniti per Ostuni): “Ad Ostuni siamo ancora nella fase uno”.

Da stamane, ufficialmente, con prudenza, responsabilità ma anche determinazione, termina il periodo più buio della storia Italiana dal dopo guerra e torneremo, con distanziamento, mascherine ed attenzioni, alle nostre vite sperando di toglierci la psicosi che ci ha attanagliato in questi lunghi 70 giorni perchè se non saremo liberi dalla paura, dall’angoscia, non torneremo alla normalità.

In questo quadro, il Governo ha emanato, in collaborazione con Regioni, linee guida per il ritorno al lavoro di tanti settori. Linee guida a loro volta recepite dalla Regioni in apposite ordinanze che delegano l’attuazione ai Comuni. Per onestà intellettuale, va riconosciuto che la quantità di doveri in capo ai Comuni è cresciuta inversamente proporzionale alla chiarezza delle norme ed ai fondi che il Governo dovrà elargire per l’attuazione delle norme.

In questo quadro, a tratti drammatico, importantissimo è la capacità dei Comuni di farsi trovare pronti, con un piano coerente alla rinascita. Da qualche settimana ho proposta nella nostra Ostuni, la creazione di una TASK FORCE con Maggioranza, Opposizioni, Forum della Società Civile, Ordini professionali, Commercianti, Artigiani ed Imprenditori turistici che coadiuvino il Sindaco e l’Amministrazione Comunale formulando un Piano d’Azione che faccia rinascere la nostra città. Si è preferito, come costume di questo anno di amministrazione, non rispondere, ma al 18 maggio questa città, a differenza di altre, non sa nulla di cosa ne sarà dei pagamenti della Tosap (rinviata al 27 ottobre dal Governo), della Tari, della tassa di soggiorno, perchè si è scelto di non condividere un progetto preferendo vivere alla giornata non avendo forse contezza della gravità della situazione.

Altre Amministrazioni hanno velocizzato la concessione di spazi pubblici per bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, pub, birrerie, attraverso un email, hanno previsto ove possibile,un aumento gratis della superficie occupata, stanno interloquendo con le varie Asl per prevedere l’attraversamento nella somministrazione, si sono detti disponibili addirittura a chiudere delle strade per venire incontro agli esercenti, stanno valutando di individuare soldi a fondo perduto da elargire agli esercenti. Ad Ostuni? Nulla. Non si è nemmeno partiti a discutere….!!

In questi giorni si dovranno riorganizzare i tre mercati degli alimentari e dei non alimentari e pare non si abbiano le idee chiare dopo l’ordinanza n 235 del 14 maggio scorso approvata dalla Presidente della Regione Puglia.

Da notizie apprese, pare ci sia stato un incontro interlocutorio con gli imprenditori turistici in cui il Sindaco non ha dato nessuna garanzia, lanciato nessuna idea ad una categoria devastata da una crisi strutturale che si spera possa essere attenuata in estate. Siamo nel buio più completo, con un Sindaco che è rimasto mentalmente nella fase 1, un Assessore alle Attività produttive palesemente inadatto al ruolo, privi di un Assessore al Turismo con le deleghe nelle mani del Primo Cittadino ed in quelle di qualche collaboratore ombra, non ci sono idee, proposte approvate, non c’è una visione di città nemmeno da parte dei gruppi politici che sostengono questa Amministrazione, in alcuni casi, concentrati ad inseguire le piccole richieste dei propri elettori senza avere un ‘idea precisa di cosa significhi governare una città difficile come Ostuni.

Attendiamo tempi migliori. Si spera…!!!!

Giovanni Fedele – Uniti per Ostuni