Fabiano Amati
Fabiano Amati
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

«Da mesi lavoro in silenzio per trovare una soluzione al completamento della piastra».

Il consigliere regionale del Partito Democratico, Fabiano Amati, replica alle dichiarazioni dell’ex sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, che lamentava un suo presunto mancato interesse per le criticità che riguardano l’ospedale della Città Bianca, tra cui i lavori della nuova ala.

«Ogni qual volta mi sono voluto occupare di problemi di Ostuni l’ho dovuto fare sempre di contrabbando. Mi dicevano sempre “siamo in grado di provvedere da noi” oppure “si occupasse di casa sua”. Come se stessimo parlando di una partita di calcio stracittadina». Così il consigliere regionale del Pd, in merito al suo rapporto con la classe politica ostunese, anche all’interno della stessa coalizione del centrosinistra.

«Quando mi permisi di proporre il nuovo ospedale tra Fasano e Ostuni, cioè a Speziale, apriti cielo; non serve, fu la risposta. Basta digitare su Google e si trovano i link, con i protagonisti, di tutto questo. Fummo allora costretti a spostarlo tra Monopoli e Fasano. A posteriori –riferisce Fabiano Amati- devo dire, che se non ci fossero state assurde ostilità, noi oggi avremmo avuto a Speziale il nuovo ospedale di I livello tra Bari e Brindisi. Ma purtroppo la vita non è fatta di latte versato». Poi la risposta all’ex primo cittadino ed attuale consigliere comunale, con il lavoro che Amati sta portando avanti anche in Regione, per immaginare un futuro alla struttura. «Le dichiarazioni di Domenico Tanzarella mi rincuorano, per cui “obbedisco” al suo invito e faccio uscire dalle catacombe il mio impegno per Ostuni. Allora, mi sto occupando da mesi della piastra, con la consulenza dell’ottimo Dott. Giuseppe Colucci.

Allo stato – spiega Fabiano Amati- gli uffici regionali hanno ricostruito l’ingarbugliata vicenda burocratica: qualche giorno prima del blocco per Coronavirus era previsto un sopralluogo senza clamore, pure per stimare le ulteriori risorse occorrenti. Colgo con soddisfazione l’impegno della Asl a utilizzare la fase emergenziale per mettere a posto alcune carenze infrastrutturale».

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Una vertenza, quella della piastra che si protrae da tempo, oggetto anche di un esposto alla Corte dei conti da parte di sette consiglieri comunali dell’area civica-socialista dello stesso Tanzarella, e di due consigli comunali monotematici, negli ultimi tre anni, senza però, mai trovare ancora una soluzione certo al problema. «Nei giorni che verranno farò conoscere passo dopo passo le mie attività, come faccio –conclude Amati- per tutte le cose di cui mi occupo».

Nel suo intervento, Domenico Tanzarella, aveva anche fatto riferimento all’utilità funzionale, in termini di logistica al servizio del “Perrino”, che l’ospedale di Ostuni avrebbe potuto avere, in presenza della nuova ala. «Se avessimo avuto quella piastra, non ci sarebbero stati problemi di allocazione e funzionalità del laboratorio analisi, in questa fase di crisi per i tamponi.

Avrebbe dato una collaborazione fondamentale. Così come gli altri 10 posti, già assegnati di pneumologia. A maggior ragione -ritiene l’ex sindaco di Ostuni- che gli stessi, con la normativa attuale sarebbe potuti aumentare del 100%, quindi fino a 40, per un reparto specializzato, in sintonia con l’attuale situazione reale, e che è un’eccellenza. Così come anche un nuovo e definitivo pronto soccorso».

POTRESTI ESSERTI PERSO...