Sono le nomine per la presidenza delle commissioni consiliari a creare le prime tensioni nella maggioranza del sindaco di Ostuni Guglielmo Cavallo, a quattro mesi dalla sua elezione.

Non c’è accordo infatti tra le forze politiche di centrodestra su quelle che dovranno essere le indicazioni da fornire alla presidenza del consiglio per ogni singolo gruppo di lavoro consiliare. Convocato per mercoledì 16 ottobre un vertice collegiale per affrontare la questione.

Non è escluso, però, che in questo confronto interno possano essere sottoposte al sindaco anche altre questioni di carattere politico, tra cui una possibile richiesta di mini-rimpasto della giunta, nominata poco più di tre mesi fa. Ipotesi che sarebbe confermata da fonti vicino alla maggioranza. In particolare in questa fase starebbe emergendo – secondo alcuni consiglieri comunali di centrodestra – un distacco con gli assessori, che avrebbero troppa autonomia, anche rispetto al ruolo di ogni singolo rappresentante della maggioranza. Di qui una richiesta di chiarimenti che potrebbe avvenire nelle prossime ore. E la sede sarà appunto il vertice convocato per mercoledì, che avrà tra le priorità quella di chiudere l’accordo per la presidenza delle commissioni.

Un confronto che va avanti da settimane nella Città Bianca, creando anche un clima di malessere interno tra i partiti. Nascosto per giorni, ma nelle ultime ore, i malumori starebbero emergendo anche in maniera più vibrante. La tenuta della maggioranza non è a rischio: restano però, in questa fase le divisioni sulle scelte all’interno delle commissioni. Tra le possibili nomine di presidente, la più ambita nel centrodestra, e per la quale non c’è ancora un accordo politico tra i partiti, quella che ha come competenze l’igiene urbana, ambiente e lavoro.

Su questo fronte la mancata intesa vedrebbe un confronto aperto da giorni tra il gruppo Ostuni Futura e la Lega. Non meno richiesta è anche la presidenza della quarta commissione consiliare in cui rientrano anche turismo e pubblica istruzione. Solo dopo aver trovato l’intesa il centrodestra procederà a comunicare ufficialmente i propri rappresentanti per ogni singola commissione.

La coalizione del sindaco Cavallo avrà la maggioranza in ognuna dei gruppi e potrà quindi decidere dove ottenere la presidenza. In attesa delle decisioni della coalizione che governa Palazzo S. Francesco anche le due opposizioni in consiglio comunale. Nei giorni scorsi l’area civica del candidato sindaco Domenico Tanzarella aveva espresso il suo disappunto per i ritardi nel far partire i lavori delle commissioni, dovuti, al mancato accordo interno nel centrodestra.

Una maggioranza che proverà ad accelerare nel vertice in programma mercoledì prossimo, dove oltre all’intesa per le nomine ed eventuali richieste di rimpasto in giunta, sarà chiamata a confrontarsi su alcune dinamiche amministrative. Non è escluso che possa essere decisa anche in maniera collegiale, la sede alternativa a Palazzo di Città dove poter svolgere i consigli comunali. Tra le soluzioni, per ovviare ai lavori all’interno della Sala dei Sindaci, si continua a lavorare per trasferire le sedute dell’assise comunale all’interno del Gal Alto Salento, l’ex macello comunale.

POTRESTI ESSERTI PERSO: