Trasparenza atti amministrativi sul sito del comune di Ostuni, Valentina Palmisano scrive alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nei giorni scorsi ho presentato una interrogazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri per chiedere chiarimenti circa la decisione dell’Amministrazione Comunale di Ostuni di oscurare, dal 29 ottobre 2018, le deliberazioni del Consiglio Comunale, della Giunta Comunale e le determinazioni dirigenziali ponendosi così in contrasto con la normativa in vigore, di cui al decreto legislativo n. 33 del 2013 e al decreto legislativo n. 97 del 2016.

La decisione, fortemente lesiva dei diritti dei cittadini alla piena accessibilità a dati e documenti della pubblica amministrazione, è stata motivata con un espresso riferimento al rispetto del regolamento europeo (U.E.) n. 2016/679, relativo alla protezione dei dati sensibili e personali, entrato in vigore il 25 maggio 2018.

Nella interrogazione ho fatto presente che la gestione dei dati personali negli atti pubblici è tutelata dal «Codice in materia di protezione dei dati personali», di cui al decreto legislativo n. 196 del 2003, aggiornato dal decreto legislativo n. 101 del 2018, che ha indicato quali siano i dati sensibili da escludere in pubblicazione (ad esempio quelli relativi allo stato di salute), senza prevedete l’oscuramento totale di atti pubblici.

L’obiettivo del mio atto ispettivo è quello di tutelare il diritto di ogni cittadino ad una partecipazione attiva della vita pubblica, anche attraverso la possibilità di accesso agli atti e documenti delle pubbliche amministrazioni, secondo lo spirito democratico alla base della nostra Costituzione.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.