L’interrogazione presentata questa mattina dai due consiglieri comunali per chiedere chiarimenti in merito ai pagamenti effettuati all’ASD Ostuni 1945.

I consiglieri comunali Nicola Santoro e Giuseppe Tagliente del Nuovo Centro Sinistra Ostunese ed Articolo Uno, in un’interrogazione presentata al comune di Ostuni ed indirizzata al primo cittadino di Ostuni, chiedono chiarimenti in merito ai pagamenti effettuati dall’ente all’associazione sportiva ASD Ostuni 1945.

Di seguito il testo dell’interrogazione.

I sottoscritti Santoro Nicola e Tagliente Giuseppe, in qualità di Consiglieri comunali costituenti il gruppo Consiliare denominato “Nuovo Centrosinistra Ostunese – Articolo Uno”,

PREMESSO

  • Che con Determinazione Dirigenziale n. 2169 del 10.11.2017, il Dott. Maurizio Nacci disponeva di liquidare la spesa complessiva di Euro 13.500,00 alla ASD Ostuni 1945, quale canone di gestione del Campo di Calcio di Via Giovanni XXIII relativo al IV trimestre 2017;
  • Che tale liquidazione veniva definita in termini di assoluta eccezionalità, in considerazione di apposita richiesta pervenuta in tal senso dalla ASD Ostuni 1945, acquisita al Prot. 50131 del 09.11.2017, in calce alla quale veniva tempestivamente apposto il “nulla osta” da parte del Sindaco;
  • Che successivamente, con Determinazione Dirigenziale n. 67 del 19.01.2018, il Dott. Maurizio Nacci disponeva di liquidare la spesa complessiva di Euro 13.500,00 alla ASD Ostuni 1945, quale “canone di gestione anticipato” del Campo di Calcio di Via Giovanni XXIII relativo al I trimestre 2018;
  • Che anche tale liquidazione veniva giustificata in ragione di apposita richiesta pervenuta in tal senso dalla ASD Ostuni 1945, acquisita al Prot. 2077 del 15.01.2018, in calce alla quale veniva nuovamente e tempestivamente apposto il “nulla osta” da parte del Sindaco, motivato dalla urgenza di esecuzione di presunti lavori da parte del gestore;

CONSIDERATO

  • Che, alla luce della vigente disciplina in merito alle modalità di erogazione delle risorse finanziarie ai gestori delle strutture sportive del nostro Comune, approvata dall’A.C. presieduta dal Sindaco Coppola, il canone di gestione deve essere corrisposto ai gestori mediante liquidazioni trimestrali posticipate, a seguito di opportuna verifica del buono stato di manutenzione degli impianti sportivi da parte dell’Ufficio preposto;
  • Che, nel maggio 2015, in risposta ad un’analoga interrogazione avente ad oggetto l’irrituale dazione, quale anticipazione dei canoni per il successivo primo semestre, da parte del Comune alla ADS Ostuni 1945 della somma di Euro 32.760,00 (Determinazione del Dirigente n. 30 del 20.1.2015), dazione risultata poi indebita, non avendo l’Associazione provveduto alla manutenzione della struttura, il Sindaco forniva ampie pubbliche rassicurazioni che tanto in futuro non sarebbe più accaduto;

RILEVATO

  • Che, diversamente da tale preciso indirizzo peraltro esplicitamente recepito nella convenzione, la A.S.D. Ostuni 1945 ha, come detto, beneficiato, in ben due occasioni, di liquidazioni anticipate del canone di gestione, complessivamente pari ad Euro 27.000,00, sulla mera scorta di richieste acquisite al protocollo generale dell’Ente, di per sé del tutto generiche e prive di adeguata motivazione;
  • Che non si comprendono le ragioni per le quali l’A.C. abbia provveduto, di fatto, a disporre, ancora una volta, una illegittima deroga “ad personam” anche mediante adozione di atti integralmente in contrasto con quanto stabilito nelle Deliberazioni approvate dalla Giunta Comunale in materia;
  • Che è necessario, oggi, giustificare l’avvenuta corresponsione di ben 27.000,00 Euro in favore di un unico gestore di impianti sportivi, con modalità assolutamente discutibili.

Tutto ciò premesso, considerato e rilevato, con la presente i sottoscritti consiglieri comunali

INTERROGANO

Il Sindaco al fine di rendere opportune e circostanziate notizie in relazione al contenuto delle Determinazioni nn. 2169/2017 e 67/2018, adottate dal Dirigente Dott. Maurizio Nacci previo “nulla osta” da parte del primo cittadino, nonché di fornire evidenza documentale delle ragioni poste alla base di tale decisione.

A tal uopo, si attende riscontro verbale nel corso del primo Consiglio Comunale utile successivo alla data di presentazione della presente.

POTRESTI ESSERTI PERSO: