Giuseppe Tagliente
Giuseppe Tagliente
Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

Giuseppe Tagliente “Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista”: Leggere la missiva inviata al Sindaco e al Prefetto da Fratelli d’Italia e Direzione Italia suscita un sentimento di preoccupazione per la deriva populista, demagogica ed autoritaria che sta caratterizzando l’azione di chi rappresenta le istituzioni sul nostro territorio.

Vorrei ricordare ai paladini della “prevenzione” ingiustificata sulle spalle degli esseri umani che ciascuno di noi, nell’esercizio delle proprie funzioni, rappresenta le istituzioni democratiche, che trovano matrice piena ed esaustiva nei valori di civiltà democratica consacrati nella Costituzione. Nella nostra città, ad oggi, non si sono mai registrati gravi disordini a causa dell’accoglienza dei rifugiati. Questo è accaduto grazie alla faticosa opera di forze dell’ordine, associazioni e volontari che con spirito di servizio hanno lavorati per costruire un ponte di dialogo e di solidarietà con uomini, donne e bambini fuggiti da luoghi di guerra e devastazione.

Non si può negare l’eccezionalità del fenomeno migratorio che si registra in questo momento storico, ma non può essere in alcun modo tollerata alcuna idea di “ghettizzazione” dei richiedenti asilo per salvaguardare l’immagine o una non ben definita caratterizzazione turistica della nostra costa. La vera sfida dell’accoglienza dei richiedenti asilo risiede nella capacità di integrazione dei soggetti che approdano sul nostro territorio, così da garantire una convivenza pacifica e civile tra culture e persone diverse.

“Ghettizzare” significa, invece, alimentare il sentimento di odio, esclusione ed emarginazione delle diversità. Fino ad oggi, la città di Ostuni si è sempre caratterizzata per la capacità d’inclusione e di dialogo tra una pluralità di comunità straniere.  Ecco, molto probabilmente la città è più incline alla cultura dell’accoglienza e dell’integrazione rispetto a coloro i quali la governano. Questa convivenza, costruita con grande senso di equilibrio e solidarietà da parte della nostra comunità e delle numerose associazioni che operano nel sociale, non può essere messa in discussione da considerazioni demagogiche che marciano sulle paure e sulle sofferenze delle persone in questo momento storico.

Torre Pozzelle è una perla straordinaria del nostro litorale, e pertanto merita di essere salvaguardata e tutelata in ogni momento da qualsiasi potenziale minaccia, ma non è un nucleo di rifugiati a costituire un pericolo per le esigenze turistiche e la caratterizzazione dei luoghi. Ammettere considerazioni di tale portata apre le porte ad azioni pericolose per la salvaguardia dell’equilibrio democratico e civile di cui la nostra città è protagonista. Se l’Amministrazione Comunale nutre preoccupazione per la sicurezza dei cittadini, può tranquillamente procedere, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà che regnano sovrani nella nostra democrazia, ad incrementare la sorveglianza e vigilanza attraverso il proprio corpo di Polizia Municipale, senza scomodare i riferimenti territoriali del Governo con comunicati che lasciano spazio a nostalgie di regimi passati che, per tutelare il decoro e la perfezione delle aree urbane, nascondevano le sofferenze di uomini e donne in difficoltà dietro i paraventi.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

In questo clima di demagogia spicciola, mi sia consentito rilevare, con non poca amarezza, il silenzio assordante del Partito Democratico, nonostante le prese di posizione di Fratelli d’Italia e Direzione Italia abbiano assestato un colpo micidiale a quel nucleo imprescindibile di valori fondanti e caratterizzanti del centrosinistra italiano.

La battaglia per l’accoglienza e l’integrazione, per il governo del processo migratorio secondo standard di civiltà e solidarietà, rappresenta una sfida di identità, di civiltà e di democrazia avanzata, dalla quale nessuna forza politica democratica e progressista può sottrarsi.

POTRESTI ESSERTI PERSO...