Area popolare si rafforza, tutto pronto per la costistuzione del nuovo gruppo consiliare nell’assise cittadina.

Cambiano gli equilibri politici nella Città bianca: Area popolare si rafforza, passando da uno a ben quattro consiglieri; Tommaso Moro, lascia i socialisti ed aderisce al nuovo gruppo in assise. E così, ad un anno esatto dalla nomina della giunta “tecnica”, a palazzo S. Francesco si respira nuovamente area di rimpasto. Questa volta la natura “emergenziale” della criticità amministrativa a causa dell’anatra zoppa, come venne denominato il quadro nell’estate 2015, si trasformerà in un esecutivo di carattere, se non dominante, in gran parte, comunque, politico. Le indiscrezioni degli ultimi giorni sono state confermate dalla nascita di questa nuova rappresentanza politica. A ciò si aggiunge l’ormai imminente rotazione dei dirigenti: scelta politica avallata dai partiti e non da alcuni degli attuali assessori. Questo a sintetizzare un quadro che da qui a meno di tre settimane dovrebbe portare alla nascita della nuova giunta.  Ma intanto, in queste ore, la scena è per il partito di Alfano a Ostuni. «Alla presenza del coordinatore regionale Massimo Cassano, si è ampliato il gruppo consiliare di Area Popolare, che sarà composto da Giuseppe Bagnulo, Tommaso Moro, Massimo Saponaro e Guido Milone». Così la nota ufficiale del partito. Al nuovo soggetto politico è confluito il movimento civico cittadino con Enzo Nacci, Renato Flore, Maurizio Donno, Vittorio Tagliente, Enzo Polignino e Augusto Iaia. «Il progetto politico ha l’obiettivo di ampliare la casa dei moderati – continua il documento congiunto – aperta a tutti coloro che si riconoscono nei valori di Area Popolare. Nei prossimi giorni chiederemo un incontro al sindaco Coppola sulle problematiche della città». Questo il lato prettamente istituzionale della costituzione del neo gruppo. Il lato politico, invece, vedrà un confronto aperto all’interno della maggioranza per decifrare il valore delle forze in campo. Potendo contare ora su 4 consiglieri Area Popolare chiederà la sua rappresentanza all’interno della giunta Coppola. E la circostanza avverrà, quando finiti i festeggiamenti di S. Oronzo, tutti i partiti della coalizione trasversale a sostegno del sindaco, dal Pd, ai CoR, Fratelli D’Italia, Area Popolare e liste civiche, si ritroveranno per discutere il futuro della maggioranza, e la nascita del nuovo esecutivo, che questa volta vedrà la presenza al suo interno di esponenti dalla dichiarata appartenenza ai partiti. Sarebbero almeno tre gli assessori tecnici a rischio “taglio”, e che saranno sostituiti da figure scelte dalle forze politiche.

POTRESTI ESSERTI PERSO: