Ernesto Camassa Regionali 2015
Ernesto Camassa Regionali 2015
Pubblicità
Pubblicità

Il consigliere Ernesto Camassa risponde alle parole del segretario PD Silvestro Iaia

Mi rivolgo senza tanti giri di parole, come mio solito, al segretario del Pd Silvestro Iaia che ,in uno sciagurato articolo di stampa apparso oggi su Quotidiano di Brindisi definisce “volgari ” , “difensori di interessi particolari ” , “sabotatori dell’ultima ora” tutti i cittadini di Ostuni ed in particolare tutti i partecipanti alla manifestazione ivi  compresi i tanti appartenenti al suo partito i sindaci delle città vicine i  senatori della repubblica tutti  rei di non essere d’accordo non già sulla necessità di avere finalmente , acqua e fogna sul quel tratto di costa come ,anche in maniera approssimativa e subdola si tenta di lasciare intendere nell’articolo ma, solo ed unicamente sulla localizzazione della vasca dei liquami sita sulla spiaggia del Pilone.Conosco  Iaia da molto tempo e ho sempre apprezzato la sua pacatezza il suo essere attento alle giuste istanze del territorio al rispetto che ha sempre avuto delle idee di tutti con particolare premura ed attenzione quando queste venivano formulate dal popolo e da quelle persone che in maniera anche troppo semplicistica chiamiamo società civile . Per questo ho strabuzzato gli occhi per questa sua infelice,strampalata ed anche a questo punto strumentale uscita. Le scelte scellerate e tecnicamente incomprensibili quelle si danno adito , caro Silvestro a retro pensieri sugli interessi da salvaguardare . L’Aqp ha fatto ridere la Puglia e mezza Italia per la arguzia e la attenzione che ha messo nello scegliere quel sito e tu volevi che la amministrazione venisse messa alla berlina per difendere L’Aqp ? Stendiamo un velo pietosissimo su questo momento di obnubilamento che sicuramente non riguarda il partito democratico e cerchiamo tutti insieme di ottenere, se possibile , una variante in corso d’opera al progetto per salvare la nostra spiaggia il nostro parco e a proposito mi rallegro dell’ intervento appropriato del presidente Lavarra che , consapevole del danno ,anche politico ,di questa scelta d’ora in poi sarà al fianco del comitato e dei cittadini  che ti assicuro non sono una parte minoritaria ne minorata di Ostuni.