Giuseppe Tagliente
Giuseppe Tagliente
Pubblicità
Farmacia Matarrese Promozione solari estate 2020 Ostuni
Pubblicità
Pubblicità

Di seguito il comunicato stampa inviato dal consigliere comunale del Partito Democratico Giuseppe Tagliente.

Ho letto attentamente la delibera di G.C. n. 33 del 10.02.2016, con cui si è provveduto, in modo silente, ad introdurre modifiche importanti al Regolamento che disciplina l’organizzazione degli uffici e dei servizi del nostro Comune.

In sintesi, tale provvedimento ha introdotto una procedura semplificata ai fini dell’assunzione di personale a tempo determinato con regolare bando di concorso.

Applicando tale procedura in un futuro concorso, allorchè le domande pervenute all’Ente risultassero numericamente superiori od inferiori a cinquanta, si procederà rispettivamente a: 1) un test a risposta multipla, la cui valutazione determinerà la graduatoria di merito e, quindi l’assunzione; 2) un puro e semplice colloquio individuale, la cui valutazione produrrà i medesimi effetti poc’anzi descritti.

Il tutto – si badi – senza procedere ad alcuna valutazione di titoli e curriculum vitae di ciascun candidato!

Ebbene, se la semplificazione può essere ritenuta un faro in epoca di lotta alla burocrazia, è pur vero che essa non deve tradursi in un pericolo rispetto all’esigenza di trasparenza e meritocrazia, competenza e professionalità di cui necessitano gli uffici pubblici.

Nel primo caso, trasformare in un “quizzettone” un concorso pubblico, impedendo qualsivoglia possibilità di valutazione dei titoli professionali, accademici, post-accademici o scolastici, si scontra frontalmente con la necessità di garantire completezza e attenzione rigorosa nelle procedure di selezione del personale.

Pare ovvio che, per poter soddisfare tale esigenza e perseguire obiettivi di efficienza, efficacia e buon andamento della attività amministrativa e burocratica, non si possa prescindere dal prendere in considerazione le effettive competenze maturate dai candidati in virtù di percorsi formativi o professionali utili ai fini della copertura dei diversi posti messi a concorso.

Ciò si collega necessariamente con l’idea di agevolare il merito nel reclutamento del personale comunale.

“Merito” significa “competenza e qualità”, che certamente stentano ad essere dimostrate in un paio di ore di quiz, magari in un PalaSport alla presenza di altre trecento persone e con una temperatura di quaranta gradi (vedasi l’ultimo concorso di polizia municipale).

Nella delibera approvata, quindi, non si riscontra traccia di una ragionevolezza di fondo.

Aggiungasi a ciò la previsione di un mero e semplice colloquio stabilito, in luogo del “quizzettone”, in caso di domande pervenute in numero non superiore a cinquanta.

In questo caso, oltre a minare le fondamenta di ogni sistema meritocratico, ci si prende gioco dell’esigenza di rendere assolutamente imparziali e trasparenti le procedure di reclutamento!

Voglio dirlo in parole povere: il colloquio porta con sé valutazioni condizionate da soggettività, mentre i titoli ed il curriculum bilanciano tale situazione con l’oggettività dei documenti e della storia di ciascun candidato.

Pertanto, in assenza di tale oggettività, immaginate il rischio concreto di pressioni individuali, favori e clientela, ovvero il pericolo e la triste prospettiva di costruzione sapiente di un tessuto amministrativo “fiduciario” al servizio dell’interesse di pochi, anziché di tutti.

Trattasi di un provvedimento scientemente strutturato o di un tentativo di semplificazione pericoloso e malriuscito? Non mi interessa.

Certamente, ad oggi, si è in tempo per procedere alla revoca di tale eccesso senza senso, soprattutto in vista del prossimo concorso di polizia municipale, per agenti a tempo determinato, che ha atteso troppo tempo e su cui sono ricadute troppe ombre.

Adesso è il tempo della trasparenza e dell’imparzialità, del merito e della competenza.

Assumere nuovo personale, ancorchè a tempo determinato, senza tener conto di questo, vuol dire continuare a riempire di ombre un palazzo che, invece, necessita di apertura e luce.