L’assessore Margherita Penta: “Sono molto soddisfatta di quanto deliberato, era necessario ed urgente ristabilire il principio che l’erogazione del canone ai gestori degli impianti sportivi così come previsto dalle Convenzioni in atto”.

Su proposta dell’assessore allo sport Margherita Penta si è proceduto nell’ultima giunta a revocare la deliberazione di G. C. n. 54 del 01.03.2012 di modifica procedurale della corresponsione dei canoni ai fini della semplificazione amministrativa con la quale nel 2012 si dava di fatto la possibilità che i gestori delle strutture pubbliche sportive ricevessero i canoni di gestione senza la verifica tecnica sullo stato delle manutenzioni.;

L’assessore sintetizza la sua proposta: “Sono molto soddisfatta di quanto deliberato, era necessario ed urgente ristabilire il principio che l’erogazione del canone ai gestori degli impianti sportivi così come previsto dalle Convenzioni in atto, fosse subordinata all’accertamento tecnico da parte dell’Ufficio Sport con l’ausilio dell’Ufficio Tecnico Comunale, laddove richiesto”.

“Attraverso questo atto abbiamo ripristinato una regola che non si sa per quale motivo era stata modificata nel 2012 e che a mio avviso pregiudicava la regolare attuazione della convenzione stessa. D’ora in poi, i controlli da parte degli uffici preposti saranno svolti in maniera sistematica in modo che in futuro si abbia un minuzioso monitoraggio delle strutture”.

Continua l’assessore “non appena mi sono insediata ho dato subito mandato agli uffici di ricercare e mettermi a disposizione ogni documento utile al vaglio della situazione riguardante le strutture pubbliche sportive al fine di intraprendere tutte quelle azioni che da un lato salvaguardino lo sport e tutti coloro che usufruiscono di questi immobili (e non sono pochi) e dall’altro garantiscano che le somme erogate a titolo di contributo vengano utilizzati per il buon mantenimento degli edifici stessi.   Vale la pena ricordare che l’inosservanza in ordine alla buona conservazione degli impianti sportivi e/o ai regolari interventi di manutenzione e di quanto convenuto con i contratti di Convenzione, accertati da parte dell’Ufficio Sport, sarà considerata causa ostativa al pagamento della rata”.

POTRESTI ESSERTI PERSO: