Palazzetto Vito Gentile 2
Palazzetto Vito Gentile 2
Pubblicità
Pubblicità

Siamo costretti a prendere atto con grande amarezza che, ad oggi, non sono iniziati i lavori di risistemazione del PalaGentile. Sono passati due mesi da quando è stata dichiarata l’inagibilità della struttura e più di un mese dall’incontro nel quale l’amministrazione comunale ci aveva rassicurato la riconsegna del Palazzetto entro fine gennaio e la disponibilità della palestra della Scuola Media Orlandini Barnaba per il settore giovanile.
Durante tutto questo tempo abbiamo affrontato in silenzio mille difficoltà e compiuto enormi sacrifici per cercare di far fronte a questa situazione, ma oggi, che appare essere ancora tutto fermo, diventa veramente difficile pensare di continuare a navigare nell’incertezza e nell’ambiguità. L’indisponibilità del Pala Gentile ha causato enormi danni, sia dal punto di vista sportivo che economico.
Sono due mesi che praticamente giochiamo sempre in trasferta è che ci alleniamo senza programmazione, elemosinando giorno dopo giorno qualche campo di gioco disponibile. Ma il danno più grande riguarda il settore giovanile, fiore all’occhiello della nostra associazione, per il quale era stata assicurata la disponibilità dell’Orlandini Barnaba in attesa del rientro del Pala Gentile, ma la palestra dell’istituto scolastico non è mai stata effettivamente a disposizione, se non a parole.  Il settore giovanile non si è fermato solo grazie alla collaborazione iniziata con la Giovanni XXIII.
È chiaro, però, che continuare in questo modo diventa praticamente impossibile e, se dovesse essere confermato un ulteriore rinvio non possiamo escludere nessuna decisione, anche le più difficili. Stiamo giocando un campionato nazionale ed abbiamo bisogno di chiarezza per poter programmare anche in minima parte i prossimi mesi.
Purtroppo, sino ad oggi abbiamo ricevuto solo vane promesse.  Avevamo deciso di non polemizzare sulla eccessiva durata della tempistica prevista per la risoluzione del problema palazzetto, nonostante i lavori di messa in sicurezza comportino una spesa non ingentissima e richiedano dieci- quindici giorni lavorativi, ma, oggi, tuttavia, dopo due mesi, non possiamo che esprimere tutta la nostra amarezza per il grosso deficit di efficienza dimostrato dall’amministrazione nei confronti del nostro sport.