Si è svolta a Mesagne, l’Assemblea elettiva di Federalberghi Brindisi, l’Associazione che rappresenta le imprese ricettive del capoluogo e del territorio.
L’Assemblea, molto partecipata, ha riconfermato all’unanimità nell’incarico di Presidente della Federalberghi Brindisi Pierangelo Argentieri, 42 anni di San Michele Salentino, attuale vicepresidente di Federalberghi Puglia.
Il nuovo consiglio direttivo è formato da Bartolo D’Amico (Ostuni); Alessandro Semeraro (Ostuni); Giuseppe Nigri (Fasano); Giancarlo Lanzillotti (Carovigno) e dallo stesso presidente Pierangelo Argentieri. La conferma di Pierangelo Argentieri alla Presidenza è il riconoscimento per l’importante lavoro svolto negli ultimi tre anni a sostegno del settore alberghiero, e per l’impegno e la determinazione con cui ha sempre ricoperto questo ruolo e nel promuovere il turismo.
Direttivo Federalberghi“Questo secondo mandato – commenta Pierangelo Argentieri – è un segnale chiaro di fiducia e di continuità nel lavoro che abbiamo sempre svolto, tutti in insieme, in modo costruttivo ed efficace assieme al direttivo e a tutto lo staff, per portare avanti le linee di sviluppo turistico a favore del tessuto imprenditoriale di Brindisi e Provincia. Le direttrici si possono riassumere in tre punti: lotta all’abusivismo e alla concorrenza sleale, con un protocollo d’intesa fra Regione Puglia, Guardia di finanza, Nucleo ispettivo e Comuni; gestione condivisa con le Amministrazioni comunali dei proventi dell’imposta di Soggiorno che deve rimanere una tassa di scopo a favore del Turismo; l’approvazione di una nuova legge regionale per la classificazione alberghiera, con la riscrittura di requisiti chiari per l’attribuzione di livello e categoria”. Federalberghi ha intenzione, infine, di incrementare le politiche che riqualificano il personale e valorizzino le risorse turistiche del brindisino attraverso la presentazione di progetti di formazione condivisi con l’Ente Bilaterale del Turismo, Scuole alberghiere, Università e Società specializzate.

POTRESTI ESSERTI PERSO: