Pubblicità
Farmacia Matarrese estate 2020 Ostuni
Pubblicità

In attesa dell’inizio della vera campagna elettorale, i candidati sono impegnati nella sistemazione degli ultimi dettagli che riguardano le liste, che verranno consegnate il prossimo 25-26 aprile.

Il candidato sindaco del centro sinistra, Nicola Santoro, in una nota inviata alla nostra redazione, risponde al candidato del centro destra, Gianfranco Coppola, difendendo l’operato dell’attuale amministrazione uscente.

Di seguito riportiamo la nota di Nicola Santoro.

Leggo della campagna elettorale del candidato sindaco del centrodestra, la quale mi sembra caratterizzata più dalla scenografica presenza di parlamentari che offrono la loro visibilità  alla causa, che da programmi e proposte concreti per il futuro della città.

Nicola-SantoroGovernare Ostuni non è compito assolutamente semplice e agevole, perché sappiamo tutti bene che si tratta di una  Città complessa e impegnativa, che non può permettersi salti nel buio o passaggi a vuoto.

Fare opposizione in consiglio comunale, che pure – se fatta bene e in maniera costruttiva – è attività che richiede grandi capacità e competenze, non è la stessa cosa che essere alla guida della città e amministrare la stessa.

Sentir dire, ad un mese ormai dalle elezioni, che “faremo di tutto per circondarci di professionisti seri e affidabili che avranno voglia di lavorare e utili alla soluzione dei problemi”, lasciando chiaramente intendere che ancora questi saperi non sono stati ingaggiati e forse neppure individuati,  desta non poche perplessità nell’elettore.

Se a ciò si aggiunge il fatto che, al di là dello scontato slogan del cambiamento e dei generici e classici omnia comprensivi punti del programma, alcuna concreta proposta è stata, ad oggi, dopo sette mesi dalla discesa in campo, formulata in merito alla visione di Ostuni ed a come la si vorrebbe trasformare in meglio, i dubbi nei cittadini oggettivamente tendono ad aumentare.

Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne
Promozione Spazio Conad Mesagne

Quello che interessa ai cittadini in questo momento, ed è la cosa che sto facendo nelle occasioni pubbliche e private cui partecipo, è conoscere direttamente e concretamente in che maniera e in che tempi verranno affrontate le loro esigenze e risolti i lori problemi, nonché che cosa ne sarà di Ostuni nei prossimi cinque anni.

Di quello che è stato fatto, e se è stato fatto bene o male, o se addirittura non è stato fatto, è merito o demerito  dell’amministrazione uscente.

Oggi noi candidati sindaci abbiamo il dovere, rectius l’obbligo, di dire in maniera chiara, esplicita e inequivocabile cosa andremo concretamente a fare dal primo giorno successivo all’elezione.

Personalmente, anticipando il programma che renderò pubblico nei prossimi giorni,  ho già parlato di partecipazione con la proposta concreta di immediata istituzione degli organismi  partecipativi e di consulte tematiche, oltre che di giunte itineranti nelle contrade, di tutela del cittadino con la concreta proposta di immediata apertura di sportelli per il cittadino, antiviolenza per le donne, per l’imprenditoria femminile e giovanile, per gli immigrati, di istituzione di una camera di conciliazione, di politiche giovanili, con la concreta proposta di immediata istituzione di una Giunta giovanile permanente, di politiche sociali con la concreta proposta, tra le altre, di immediato aiuto alle tante situazioni di povertà, di politica finanziaria rigorosa e con la concreta proposta di innovazione per il territorio (immediatamente sportello Europa, wi-fi nella città, nella zona industriale e in quella artigianale), di servizi culturali con la concreta proposta della immediata istituzione di un comitato di amici della cultura che volontariamente vorranno offrire il proprio contributo per proporre iniziative ed eventi di livello, di tutela dell’ambiente con la concreta proposta di immediato miglioramento del servizio di raccolta di rifiuti, in particolare nelle contrade, e organizzazione, nel periodo estivo, in città e lungo la costa di isole ecologiche assistite, nonché della demolizione dei ruderi abusivi esistenti, di opere pubbliche con la concreta proposta dell’immediata sistemazione delle strade, della ristrutturazione e valorizzazione del Palazzo di Città con relativo spostamento degli uffici comunali in altri stabili, la realizzazione dell’impianto idrico-fognante da Villanova a contrada Lamaforca, di urbanistica con la concreta proposta di immediato completamento delle case popolari, della realizzazione della nuova 167 della riqualificazione di Villanova tale da divenire una Ostuni 2, del turismo con la concreta proposta della immediata e poi continuativa e costante cura del centro storico e della piazza salotto della Città, della valorizzazione del patrimonio degli ulivi secolari, del patrimonio naturalistico-paesaggistico delle dune e delle collinecon iniziative varie collegate, della costa con l’apposito piano, del commercio con la concreta proposta dell’immediato rispetto delle regole per gli esercenti del centro storico che praticano il “mordi e fuggi”, nonché di interventi per la valorizzazione di Viale Pola e, infine, di Ostuni città dei bambini e il sindaco loro difensore ideale con la concreta proposta di attrezzare la Villa e gli spazi della città con giochi, la realizzazione di ludoteche e laboratori, nonchè di una serie di iniziative di ampio respiro anche internazionale”.

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO...