Pubblicità
Pubblicità

Si è svolta, come previsto, nella serata di ieri, l’assemblea del coordinamento del Partito Democratico ostunese per analizzare l’esito delle primarie che, com’è ormai noto, hanno investito della candidatura alla carica di sindaco per le prossime amministrative di maggio, l’avvocato Nicola Santoro. Dal rammarico per la mancata vittoria del proprio candidato, Angelo Melpignano, espresso ieri in una nota da Mario Monopoli, componente della segreteria provinciale del partito, oggi, in un nuovo comunicato ufficiale si passa invece ad esprimere pieno sostegno al candidato Santoro, riconoscendo in Melpignano il ruolo di guida politica del partito.

Questa la nota ufficiale diramata dal coordinamento cittadino del Pd

Gli oltre 5.000 elettori delle primarie di domenica hanno manifestato con la loro partecipazione una condivisione e un sostegno pieno a tutte le forze dell’attuale centrosinistra, scrivendo una pagina importante di crescita democratica e civile della città e nello stesso tempo dando un forte segnale di incoraggiamento a proseguire nell’impegno per raggiungere la vittoria alle elezioni amministrative del 25 maggio 2014.
Da oggi, ci sarà un sostegno leale e convinto del Pd al candidato Nicola Santoro, chiamato a guidare la coalizione nel pieno rispetto delle indicazioni e del mandato ricevuto dagli elettori.
Il risultato ottenuto dal candidato del Partito Democratico Angelo Melpignano è stato notevole e meritato, frutto di una coraggiosa scelta di rinnovamento effettuata con convinzione ed entusiasmo, che oggi permette al Pd di porsi come forza politica paritaria rispetto all’area che ha sostenuto Nicola Santoro.
Il Pd, come emerso dalle primarie, riconosce ad Angelo Melpignano il ruolo di guida politica del Partito, nella città e nella coalizione.
Il Pd si impegna a presentarsi agli elettori con una lista ampiamente rinnovata, mettendo in campo forze giovani di donne e uomini, preparati e rappresentativi della società ostunese, così interpretando in modo adeguato le istanze di cambiamento che provengono dalla comunità, auspicando scelte simili anche da parte dei propri alleati.
Nei prossimi giorni si avvierà un lavoro di sintesi programmatica per contribuire alla proposta unitaria del centrosinistra, partendo dalle linee già illustrate in queste settimane, il cui filo conduttore rimane la buona politica del “Saper fare e farlo sapere”.
Infine, l’assessore Francesco Francioso, con le scelte assunte, si è posto autonomamente in una condizione di incompatibilità con il Pd, che non può più riconoscerlo quale proprio rappresentante istituzionale.
Ostuni, 2 aprile 2014
​​​​​​​​Il comitato cittadino del Pd