Pubblicità
Pubblicità

E’ sempre l’esito delle primarie del centro sinistra a caratterizzare in queste ore il dibattito e il confronto politico non solo nel centro sinistra. Mentre per questa sera è prevista l’assemblea del direttivo del Pd, in una nota, è Mario Monopoli, componente della segreteria provinciale del Partito Democratico, a tracciare la sua analisi del voto, esprimendo rammarico per il risultato dello scrutinio (che ha premiato l’avvocato Nicola Santoro, sostenuto da Psi, Realtà Italia, Pri, Ostuni che Lavora, Tanzarella per Ostuni, Centro Democratico, Italia dei Valori, Progetto Città, Circolo Liberal, Insieme per Ostuni, Lista Minetti e Sel) e quindi per la mancata vittoria del candidato Pd, l’ingegnere Angelo Melpignano. Questa, di seguito, la nota di Monopoli:

“In ordine alle primarie che si sono svolte nella giornata di domenica 30 marzo ad Ostuni, per scegliere il candidato Sindaco del centrosinistra in occasione delle prossime amministrative, è evidente registrare che le stesse hanno prodotto un ottimo risultato per l’intera coalizione di centrosinistra ed in particolare per il PD.

A soli pochi giorni dalla loro indizione, il centro sinistra ha portato al voto più di 5.000 elettori, un’affluenza che è andata anche oltre le previsioni. Tale risultato non può che farci ben sperare, in particolare per le prossime elezioni amm.ve; infatti prelude un trend di consenso in netta crescita, quindi un recupero di fiducia nella gente per l’intero centrosinistra che sino a pochi giorni fa sembrava compromesso, e che oggi invece ci porta a credere, con convinzione, in una vittoria al primo turno.

Pur tuttavia, non possiamo nascondere un pizzico di amarezza per la mancata vittoria del candidato del PD, l’Ing. Angelo MELPIGNANO, nonostante il notevole risultato ottenuto (39%) e con la conferma del PD quale primo partito del centrosinistra Ostunese.

Il nostro candidato è stato sostenuto dalla gran parte del PD e da simpatizzanti legati alla persona di  Angelo Melpignano; tanti tesserati di comodo del PD hanno ritenuto invece fare scelte diverse da quelle indicate dalla direzione del partito, e suggerite dalla loro coscienza (di appartenenza): il PD di Ostuni adesso confida in un loro gesto consequenziale.

Ad ogni buon conto, i tempi stretti che ci separano dalle prossime competizioni elettorali (amministrative ed europee), al momento non consentono distrazioni al PD e all’intera coalizione. Per il rinnovo del Consiglio Comunale di Ostuni il PD è già al lavoro per formulare le sue proposte alla coalizione in vista della redazione del programma politico-amm.vo con cui la stessa si presenterà agli elettori. E’ altresì impegnato nella formazione della lista, ed è concentrato nell’affrontare le Elezioni Europee. Il PD cittadino, nella formazione della propria lista al Consiglio Comunale di Ostuni spero non vada controcorrente rispetto al modello impartito dalla direzione naz.le, ossia quella di seguire la linea del rinnovamento, sia in termini di idee e soprattutto di risorse umane.