ULTIMI ARTICOLI

Incidente stradale sulla Ostuni – Torre Pozzelle, tre feriti lievi in ospedale

Incidente stradale poco dopo le 16.30 sulla provinciale che collega Ostuni a Torre Pozzelle a pochi chilometri dal centro abitato della Città Bianca.

Per cause ancora al vaglio della Polizia Locale di Ostuni e molto probabilmente per una frenata improvvisa, tre veicoli sono rimasti coinvolti in un sinistro.

Le vetture coinvolte sono una Fiat “Panda”, un Citroen “Qubo” e di una Lancia “Y”, da quanto appreso i veicoli sono entrati in collisione per cause legate ad un brusca frenata, l’impatto ha causato tre feriti lievi che sono stati trasportati al nosocomio di Ostuni.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Ostuni, i sanitari del 118, per i rilievi stanno procedendo i Vigili Urbani della locale sezione, mentre per la viabilità è intervenuta una pattuglia del locale Commissariato.

Mensa Scolastica: garantire i principi dettati dalla legge, questa la posizione di Noi con l’Italia

Sul servizio della mensa scolastica è intervenuto il gruppo di Noi con l’Italia: “Ci pare giusto fare un pò di chiarezza in merito al nuovo servizio di refezione scolastica”.

“Ci pare giusto fare un pò di chiarezza in merito al nuovo servizio di refezione scolastica”. Così inizia la lunga nota dei rappresentati di “Noi con l’Italia della città bianca. Come più volte ha ribadito il Consiglio di Stato, la proroga dei contratti nella Pubblica Amministrazione è illegittima e deve essere garantito ed applicato “il principio della rotazione” che ha come finalità quello di evitare che la stazione appaltante possa consolidare rapporti solo con alcune imprese venendo così meno il rispetto del principio della concorrenza.

Con riferimento alle gratuite accuse di superficialità del modo di operare dell’amministrazione, di presunta cattiva qualità dei pasti somministrati nei paesi viciniori e forte ritardo nell’approntare la gara occorre evidenziare che la gara era stata predisposta nei tempi e con le modalità opportune ma come si legge bene nella deliberazione di G.M. n.205 del 17.07.2018, (evidentemente sfuggita) con la quale si fornivano indirizzi e direttive per l’indizione di una nuova gara, i ritardi sono da imputarsi esclusivamente alla SUA della provincia di Brindisi talmente oberata dalle innumerevoli richieste di espletamento di gare da tutti gli enti della circoscrizione provinciale, da non riuscire più ad esercitare in maniera corretta, lineare e tempestiva la propria funzione.

Evidentemente vi è la convinzione che l’Amministrazione si sarebbe affidata incautamente alla SUA per questa gara ma ben conscia delle conseguenze che avrebbe provocato tale affidamento ha egregiamente scelto il MEPA! Altro che “affidamento ed iniziativa miope ed estemporanea” come accusa l’opposizione senza fondamento. L’aver previsto l’affidamento per un anno anziché un capitolato pluriennale ci ha permesso di aderire allo strumento del Mercato della Pubblica Amministrazione (MEPA), strumento apertissimo a tutte le eventuali ditte interessate senza esclusione alcuna, mentre la previsione di più anni di affidamento avrebbe precluso una procedura snella, veloce ed aperta a tutti e l’affidamento del servizio entro l’apertura del prossimo anno scolastico.

Una scelta quindi di responsabilità oltre che di rispetto delle leggi. Con riferimento all’accusa sulla identità di capitolato occorre mettere in luce, invece, 2 importanti novità a tutela della qualità del servizio richiesto: innanzitutto la scelta di premiare nella valutazione dell’offerta il cosiddetto “Km.0” e la cosiddetta “filiera corta”. Inoltre, punto più importante, per la prima volta non si paga più all’affidatario del servizio un compenso “vuoto per pieno” ma si pagano i pasti effettivamente somministrati. In pratica, fino ad oggi è avvenuto che, a prescindere dalle presenze degli alunni e dei pasti effettivi consegnati, il compenso alla cooperativa uscente era sempre uguale ed invariato calcolato sulla base dei pasti presunti stabiliti all’inizio del servizio nel lontano anno scolastico 2013-2014.

Oggi, verranno pagati solo i pasti somministrati. Se in passato, a titolo di esempio, venivano pagati 100 pasti ma somministrati 80, con una differenza notevole di guadagno per il vecchio gestore, oggi si pagherà l’effettivo somministrato con un risparmio per tutti i cittadini.

Quanto poi alle accuse sui “Requisiti di capacità economico-finanziario”, questi sono stati
stabiliti nel Disciplinare e bando di Gara, predisposti, dall’Ufficio Gare, Appalti e Contratti, scaturiti semplicemente dall’applicazione del costo presunto del pasto per il nuovo anno scolastico per i pasti effettivamente somministrati nell’ultimo anno scolastico. Il costo presunto è scaturito dall’analisi dei pasti e dei costi durante gli ultimi cinque anni rapportati all’ultimo anno scolastico.

Per non parlare poi dell’approccio superficiale col quale l’opposizione ha valutato il presente affidamento con riferimento alla modalità telematica di prenotazione e pagamento. L’opposizione afferma che il nuovo gestore farà mangiare solo gli utenti che prenotano entro una certa ora della mattina. E’ Evidente che tale affermazione comunica la totale assenza di cognizione sull’argomento, bieco tentativo di confondere i genitori giocando sull’innocenza dei bambini. Così come già funziona da ben due anni, i pasti saranno sempre preparati per tutti gli studenti al mattino, per l’intera platea di coloro che ad inizio anno si saranno registrati sulla piattaforma informatica del comune, ad eccezione di coloro che comunicheranno la propria assenza entro una determinata ora del mattino. Quindi, il rischio è rappresentato dal contrario: preparazione di pasti in eccesso rispetto alle presenze. Inoltre, finalmente con la registrazione informatica si sono ridotte al minimo le possibili elusioni di pagamento e finalmente sono censiti tutti gli utenti del refettorio comunale con i propri dati per individuare subito chiunque non si conformi alle norme in materia.

Quanto poi alla sterile ed inutile polemica sul personale si precisa che con l’apposizione della cosiddetta “clausola sociale”, l’Amministrazione Comunale ha voluto tutelare e salvaguardare il personale nella sua interezza considerando anche gli orari osservati dalle maestranze e gli scatti d’anzianità in favore degli stessi. A questo proposito, si sono presi anche contatti con le parti sociali a tutela dei diritti dei lavoratori per fare in modo che il nuovo gestore rispetti in toto le tutele dei lavoratori.

Vogliamo ricordare che la passata amministrazione, nell’approvare il vecchio Capitolato, aveva stabilito l’obbligo di assunzione per solo il 50% dei dipendenti in servizio nel corso dell’anno scolastico 2012-2013, seguendo l’ordine decrescente per qualifica, anzianità di servizio ed orario lavorativo settimanale d’impiego a fronte dell’obbligo del 100% della previsione nel nuovo affidamento. Infine, con riferimento alla discrepanza in difetto del numero dei lavoratori da impiegare, si precisa che il Capitolato prevede l’assunzione di n.34 lavoratori a fronte delle 33 unità lavorative indicate quale forza lavoro assunta ed impiegata nell’ultimo anno scolastico. Quindi, non per difetto ma al contrario per eccesso!

Come sempre, il cambiamento puo’ spaventare ma rilevato che noi tutti abbiamo figli, nipoti e amici che mangiano alla mensa scolastica, abbiamo tutto l’interesse pubblico e personale a salvaguardare la salute dei bambini e attiveremo tutti i controlli possibili per tutelare il servizio nel rispetto delle leggi e dei protocolli.

L’ATI Gial Plast/Bianco Igiene decide di assumere i 14 operatori stagionali

Conferenza Stampa Rifiuti
Conferenza Stampa Rifiuti

«Si lavora in ossequio a quanto stabilito dall’ordinanza del Sindaco e posso affermare che non ci saranno aumenti della Tari per l’anno 2018», dichiara l’assessore all’ambiente Luigi Nacci.

A distanza di poche ore dall’incendio propagatosi ieri, lunedì 13 agosto, all’interno del Centro comunale di raccolta in Contrada Santa Caterina, l’assessore all’ambiente Luigi Nacci spiega la dinamica dell’incidente e rassicura la cittadinanza in merito all’intensificazione del servizio di raccolta nei prossimi giorni. Non solo, l’assessore Nacci annuncia che non verranno aumentati gli importi relativi alla TARI, come paventato dall’opposizione.

Durante il giro per il ritiro di carta e cartone dalle utenze non domestiche, l’autista di un autocompattatore di proprietà dell’ATI affidataria si è accorto della presenza delle fiamme all’interno del cassone. Per motivi di sicurezza ha quindi lasciato piazza Italia e si è diretto presso l’Isola ecologica di Santa Caterina, dove il cassone è stato svuotato sul piazzale di manovra, permettendo però al vento di propagare le fiamme ad altri cumuli vicini, causando la propagazione dell’incendio. La tempestiva reazione della squadra antincendio del CCR prima, e dei vigili del fuoco poi, ha permesso di contenere il rogo e di evitare che danni alle strutture o, peggio, ai lavoratori. Domate in poco tempo, le fiamme non hanno prodotto alcun pericolo di natura igienico-sanitaria e gli operatori hanno potuto in breve tempo ripristinare lo stato dei luoghi.

«Quanto appena accaduto in un periodo di altissima criticità, visti gli elevati quantitativi di rifiuti che transitano quotidianamente all’interno del CCR – ha dichiarato l’assessore all’ecologia e all’ambiente Luigi Nacci – dimostra in maniera inconfutabile che la gestione del Centro, anche grazie ai costanti controlli effettuati dall’ufficio DEC, è da considerarsi assolutamente in linea con gli standard attesi. Di ciò ne ha dato conferma in senso positivo anche il controllo fatto dai carabinieri nella mattinata prima dell’incidente, sollecitato da esposti presentati da alcuni residenti della zona artigianale. Nonostante l’incidente di ieri abbia creato qualche difficoltà al servizio di raccolta, l’ATI Gial Plast/Bianco Igiene ha dato dimostrazione di voler risolvere i disagi con grande senso di responsabilità. Di questo, sento di dover darne atto – continua l’assessore Nacci – perché purtroppo le ultime settimane di agosto richiedono ingenti sforzi a chi gestisce il servizio, in parte previsti e in parte imprevedibili come l’incidente accaduto.

Devo dare atto inoltre che dopo molteplici appelli di tutta l’amministrazione comunale, l’ATI Gial Plast/Bianco Igiene ha finalmente inteso assumere altri 14 operatori stagionali che si aggiungono ai 65 a tempo indeterminato ed i 40 a tempo determinato per i servizi integrativi estivi per far fronte alle aumentate richieste del territorio. Preme sottolineare che sia l’amministrazione comunale per tramite del mio assessorato, che l’ATI affidataria, stanno lavorando con grande sforzo e in maniera serena per dare piena attuazione a quanto disposto dall’ordinanza di prosecuzione del servizio dopo la sentenza del Tar emessa dal Sindaco. Nei prossimi giorni, sia gli uffici del comune, che quelli dell’ATI affidataria, stabiliranno, in ossequio a quanto determinato dall’ordinanza del Sindaco, il costo aggiornato del canone del servizio in base agli aumenti Istat e al calcolo relativo alle tabelle FISEE del contratto collettivo nazionale.

Posso assicurare con orgoglio che, a differenza di quanto sbandierato dalle opposizioni – conclude Nacci – non ci saranno aumenti della Tari per l’anno 2018 e che quanto fatto dagli uffici comunali e dal mio assessorato è sempre attuale. Con una gara ponte conseguenziale al primo fallimento degli accordi per il bando dell’ARO, condizionato dal veto posto dalla subentrata amministrazione di Fasano, mi auguro che chi tra le opposizioni in questi mesi ha voluto cavalcare l’onda del disastro amministrativo del mio assessorato, sfruttando le prevedibili difficoltà oggettive, ora abbia l’umiltà di chiedere scusa ai cittadini per il procurato allarme relativo al sicuro aumento della TARI e anzi al contrario inizi a lavorare per il bene del nostro Comune, creando, a partire dalle commissioni, un clima di collaborazione e di sereno confronto, seppure con il rispetto dei ruoli e dei punti di vista diversi. Gestire queste deleghe è un onere molto gravoso, che sento di portare avanti con grande senso di servizio e di responsabilità, allo scopo unico di svolgere al meglio il mandato affidatomi dal Sindaco».

Genova: crolla ponte Morandi sull’autostrada A10, auto e persone sotto le macerie

Tragedia nella mattinata di martedì a Genova: poco prima di mezzogiorno è crollato un pezzo del viadotto Polcevera, noto come ponte Morandi, sulla A10, a Genova.

Tragedia nella mattinata di martedì a Genova: poco prima di mezzogiorno è crollato un pezzo del viadotto Polcevera, noto come ponte Morandi, sulla A10, a Genova. Vigili del Fuoco, ambulanze e forze dell’ordine stanno accorrendo sul posto. Ci sarebbero delle persone sotto le macerie, una ventina i mezzi coinvolti, fanno sapere i soccorritori. Il viadotto è uno degli snodi principali del capoluogo ligure.

Toninelli: «Si profila immane tragedia»
«Sto seguendo con la massima apprensione ciò che è accaduto a Genova e che si profila come immane tragedia. Siamo in stretto contatto con Autostrade e stiamo andando sul luogo con il viceministro Rixi. La mia totale vicinanza in queste ore alla città» ha scritto su Twitter il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli. «Stiamo seguendo minuto per minuto la situazione del crollo del ponte di Genova, ringrazio fin da ora i 200 Vigili del Fuoco (e tutti gli altri eroi) che stanno già adesso lavorando per salvare vite» ha scritto su Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Ipotesi cedimento strutturale
A causare il crollo potrebbe essere stato un cedimento strutturale, avvenuto nel tratto che sovrasta via Walter Fillak, nella zona di Sampierdarena. Entrambe le carreggiate sono precipitate al suolo per circa cento metri: numerosi veicoli potrebbero essere coinvolti. sulla A10 Genova-Savona è stato chiuso il tratto tra il bivio A7 Milano-Genova e Genova Aereoporto in entrambe le direzioni. In Liguria da ore piove ininterrottamente, la Protezione Civile aveva dichiarato l’allerta arancione. Il ponte Morandi, costruito negli anni Sessanta, si trova tra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano, è lungo oltre un chilometro e alto 90 metri.

Il testimone: «Persone scalze e terrorizzate»
In un filmato pubblicato su Facebook immortalato il momento del crollo: nelle immagini si vede il nubifragio che sta colpendo Genova, e il ponte che cede. «Oh mio Dio» si sente urlare, mentre una persona filma il crollo. «Ho visto la gente corrermi incontro, scalza e terrorizzata» ha raccontato Alberto Lercari, autista Atp, presente al momento del crollo sul ponte Morandi. «Uscito dalla galleria ho visto rallentamenti e sentito un boato. La gente scappava venendo verso di me. È stato orribile» ha detto. «Ho visto il ponte crollare. Eravamo fermi in coda e poi ho visto la tragedia alle mie spalle, poi più nulla» ha raccontato un altro testimone.

Il ponte
Il viadotto collega l’autostrada A10 con il casello di Genova Ovest, da cui si raggiungono il porto commerciale e i terminal dei traghetti. È uno degli snodi principali dell’area: intitolato a Riccardo Morandi, l’architetto che l’ha progettato attraversa il torrente Polcevera. Costruito tra il 1963 e il 1967 dalla Società Italiana per Condotte d’Acqua, è noto come «Ponte delle Condotte» dalla società che lo costruì, ma anche «Ponte di Brooklyn» per una forma che richiama molto vagamente il celebre ponte americano. La struttura è realizzata in cemento armato precompresso per l’impalcato e cemento armato ordinario per le torri e le pile. È stato inaugurato il 4 settembre 1967 alla presenza dell’allora capo dello Stato Saragat, e negli anni è stato oggetto di diverse manutenzioni.

fonte: corriere della sera

Incendio accidentale all’Isola Ecologica della Città Bianca

Un mezzo giunto in sede dopo la raccolta nella zona commerciale di Ostuni carico di carta e cartone, è stato interessato da un incendio durante la marcia.

Incendio accidentale all’interno dell’ Isola Ecologica nella zona artigianale di Ostuni. Un mezzo giunto in sede dopo la raccolta nella zona commerciale di Ostuni di carta e cartone, è stato interessato da un incendio durante la marcia.

L’incendio è stato causato dall’autocombustione dei cartoni per corto circuito del mezzo che li trasportava verso l’isola ecologica cittadina gestita dall’ati Gial Plast – Bianco in contrada Santa Caterina.

Il mezzo appena rientrato in sede ha improvvisamente sprigionato delle fiamme, gli operatori ecologici hanno dapprima iniziato a spegnere le fiamme e contestualmente hanno allertato i Vigili del Fuoco del distaccamento di Ostuni, che sono giunti sul posto con due squadre. L’incendio ha interessato anche un’area dell’Isola Ecologica dove erano parcheggiati alcuni cassoni contenti carta e cartone.

Fortunatamente non si sono registrati danni fisici agli operatori presenti nell’area, la situazione è ritornata sotto controllo pochi minuti fa, quando i vigili del fuoco hanno bonificato l’area.

Mensa scolastica, il Sindaco Coppola risponde alle polemiche dell’opposizione

Gianfranco Coppola
Gianfranco Coppola

«L’avvicendamento è la prassi per garantire legalità e trasparenza. L’opposizione coglie solo una nuova occasione per difendere uno stagnante meccanismo clientelare», dichiara Coppola.

Con la delibera di giunta n. 205 risalente al 17 luglio scorso, l’amministrazione comunale ha dato mandato all’Ufficio gare e appalti di procedere con la stesura del disciplinare per l’individuazione dell’azienda che si occuperà, per il prossimo anno accademico, di erogare il servizio di refezione scolastica. Scaduta la proroga del contratto stipulato con la precedente ditta, l’amministrazione ha ritenuto opportuno indire una gara telematica mediante procedura aperta per l’affidamento della produzione e della distribuzione dei pasti, all’interno delle cinque scuole in cui si effettua la refezione.

L’appalto avrà decorrenza dal 1° ottobre 2018 e scadenza al 31 maggio 2019, come stabilito dal contratto che verrà stipulato tra Comune di Ostuni e ditta a seguito dell’aggiudicazione. Il costo del servizio viene quantificato in circa 584.346,33 euro al netto dell’IVA, calcolato moltiplicando il prezzo di un solo pasto, che ammonta a poco più di 5 euro, per il numero complessivo dei fruitori del servizio, che si aggira attorno ai 116 alunni. Per poter effettuare un sopralluogo nelle sedi scolastiche interessate dalla misura, la ditta è tenuta a inviare la propria richiesta entro le ore 12 del 31 agosto prossimo. Le proposte economiche dovranno invece essere inviate per via telematica, attraverso la piattaforma “acquistinretepa.it” entro le ore 12 del 10 settembre prossimo.

Alle proposte che risponderanno ai criteri stabiliti dal disciplinare reso pubblico attraverso il sito istituzionale del Comune di Ostuni, verrà attribuito un punteggio che permetterà la formulazione della graduatoria definitiva.

«Considerando che il bando pubblico rappresenta la regola e la proroga un’eccezione – dichiara il Sindaco Gianfranco Coppola – abbiamo ritenuto opportuno, dopo aver concesso alla cooperativa incaricata un’estensione al contratto di un anno, mettere all’evidenza pubblica il servizio di refezione scolastica. Chi svolge uno tra i servizi più complessi e costosi per la collettività, ritengo debba essere individuato in maniera trasparente, secondo la procedura prevista dalla legge. Il sistema delle proroghe reiterate è una modalità appartenente al passato, pertanto considero pretestuosa la miccia accesa sui social dal presidente della cooperativa e strumentale l’attacco che il consigliere socialista Giuseppe Tanzarella, peraltro legale della cooperativa stessa, ha sferrato contro la mia amministrazione.

Nessuno è insostituibile e nessuno ha l’esclusiva sulla gestione di un servizio pubblico, anzi: la prassi prevede proprio un democratico avvicendamento. È chiaro che la cooperativa attuale, dimostrando di possedere i requisiti per continuare a svolgere la propria funzione e partecipando quindi alla gara, potrebbe essere nuovamente confermata.

Così com’è scontato che per il personale sarà previsto un piano d’impiego che confermi le collaborazioni, esattamente come indicato dalle leggi. Mi aspettavo questa reazione da parte del consigliere Tanzarella, che difende un’antica modalità clientelare appartenente al precedente paradigma amministrativo. Mi preme ricordare che la mia amministrazione ha visto il rinvio a giudizio di due dirigenti, proprio per una presunta mancanza di trasparenza nell’aggiudicazione di gare ed affidamento di servizi. Queste sono le logiche che paralizzano la crescita di un territorio e della sua comunità, non il voler agire secondo legalità, seguendo dinamiche che rendono gli amministratori, ma soprattutto i cittadini, liberi da qualsiasi compromesso».

La Puglia: un territorio da scoprire con FlixBus che raddoppia: viaggi per le mete dei grandi eventi

FlixBus
FlixBus

Regione da scoprire: incremento del turismo nell’estate 2018. Il tacco dello Stivale collegato con oltre 80 destinazioni in territorio nazionale ed europeo. Oltre 80 mila passeggeri trasportati in Puglia nei mesi estivi con un trend di crescita mensile del 20% flixbus.it

Flixbus ha registrato un trend di crescita continuo per la Puglia nei mesi estivi con oltre 80 mila passeggeri trasportati. La Puglia aveva già registrato un aumento dei visitatori negli ultimi due anni, sia italiani che stranieri, entrando a far parte per la prima volta della top ten italiana per presenze turistiche. Un incremento inarrestabile, come riportato da una prima analisi di SWG per conto di Pugliapromozione, secondo cui il 50% dei 700 italiani intervistati desidera ritornarvi e che un turista su due è un repeater e si dichiara ben disposto a trascorrervi nuovamente le vacanze.

I collegamenti giornalieri diretti con la Puglia sono vari e partono da numerose città italiane. Fin dal suo arrivo, infatti, l’operatore leader dei viaggi a lunga percorrenza, si è prefissato di connettere tanto i grandi centri, quanto i piccoli borghi, arrivando a creare una rete sempre più capillare e funzionale alle esigenze di mobilità dei passeggeri.

Le città di provenienza sono diverse, ma quelle in cui si registrano maggiori partenze sono: Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Roma e Torino. Per quanto riguarda le mete più visitate in Puglia il podio va a Bari, con un incremento del turismo del 40% rispetto al mese di giugno; seguono Taranto e Brindisi, con una crescita del 15% nell’ultimo mese. Le altre città più visitate sono Andria, città ricca di monumenti e siti storici da ammirare, Foggia, in una posizione strategica al centro del Tavoliere delle Puglie, San Severo e Barletta.
Vieni a ballare in Puglia: gli eventi imperdibili di Agosto

L’estate non è ancora finita e per chi deve ancora partire, FlixBus consiglia tre eventi imperdibili dislocati lungo il tacco dello Stivale.

La Notte della Taranta: per chi ama la cultura e le tradizioni, fino al 25 agosto, a Lecce e in provincia, si terrà il celebre festival di musica popolare ispirato all’antica tradizione salentina. Partenze da: Bergamo, Napoli, Modena, Roma, Benevento, Macerata e molte altre.

Bari in Jazz: per gli appassionati di musica, fino al 2 settembre, a Bari si terrà la quattordicesima edizione del festival del jazz, genere musicale nato nel XX secolo e mai tramontato. Quest’anno, protagoniste principali saranno le donne. Partenze da: Milano, Brescia, Bologna, Perugia, Assisi, Roma, Civitanova Marche e molte altre.

Castel dei Mondi: per chi, infine, è amante di festival internazionali e spettacoli, da fine agosto a inizio settembre, Andria ospita il celebre evento che ogni anno coinvolge artisti di fama nazionale e internazionale che prevede spettacoli di teatro, musica, laboratori e diverse attività ludiche. Partenze da: Firenze, Siena, Termoli, Pescara, Udine e molte altre.

Tutte le corse, acquistabili online, via app e in agenzia viaggi, sono operate in collaborazione con una rete di aziende partner dall’esperienza pluriennale che mettono a disposizione mezzi e autisti, mentre FlixBus si occupa della pianificazione di rete e cura il marketing, la comunicazione e il pricing. A bordo, Wi-Fi, prese elettriche e toilette.

Flash. Fiamme nell’Isola Ecologica di Ostuni, sul posto i Vigili del Fuoco

Si sono vissuti attimi di paura questo pomeriggio nell’isola ecologia di contrada Santa Caterina ad Ostuni.

Per cause ancora al vaglio dei militari che stanno indagando e dalle prime indiscrezioni giunte in redazione, si è sviluppato un incendio che ha interessato l’area interna dell’Isola Ecologica di competenza del Comune di Ostuni in contrada santa Caterina nella zona artigianale della Città Bianca.

A quanto pare sono andati in fiamme alcuni cassoni contenenti materiali con all’interno carta e cartone. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Ostuni.

Seguono aggiornamenti

Controlli serrati dei Carabinieri Forestali contro il bivacco e i parcheggi selvaggi

Multe e denunce per i trasgressori da parte dei Carabinieri Forestali da Torre Canne a Rosa Marina nel Parco delle Dune.

Per questi giorni, in particolare all’approssimarsi del Ferragosto, il Gruppo Carabinieri Forestale di Brindisi ha predisposto servizi di controllo rafforzati sulle zone litoranee della provincia, in particolare in quelle ricadenti in aree naturali protette.

E’ il caso soprattutto del Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere, che si estende da
Torre Canne di Fasano, fino a Torre San Leonardo (Pilone di Ostuni). Il Parco si contraddistingue per la bellezza dell’ ecosistema dunale, protetto da una fitta macchia mediterranea, ed attraversato da piccoli corsi d’ acqua che scaturiscono da risorgive a poca distanza dal mare.

Purtroppo, in questo periodo le bellissime spiagge del Parco sono prese d’ assalto, non solo da civili frequentatori degli stabilimenti balneari e della costa in generale, ma anche da gruppi di maleducati, che, a spregio di ogni tutela dell’ ambiente naturale, commettono infrazioni di vario genere: parcheggio in zone di divieto, campeggio abusivo, abbandono di rifiuti, violazioni di divieti di accesso e transito.

Si rammenta che l’ Ordinanza Balneare della Regione Puglia, rinnovata di anno in anno, prevede, sulle spiagge (aree demaniali marittime), di campeggiare al di fuori delle aree appositamente destinate, di abbandonare rifiuti di ogni genere, in transito e la sosta di veicoli di ogni genere, accendere fuochi o fornelli o allestire pic-nic fuori dalle aree attrezzate, utilizzare strutture balneari dopo il tramonto, organizzare feste e altre forme di intrattenimento senza preventiva autorizzazione, e qualsiasi attività o comportamento che possa danneggiare i cordoni dunosi e gli habitat naturali.

Per queste ultime violazioni si assommano le sanzioni amministrative previste dal regolamento del Parco delle Dune Costiere, nel territorio di competenza; e comunque su tutte le spiagge demaniali della Puglia si applicano, per le suddette violazioni, le sanzioni amministrative e penali (denuncia all’ Autorità Giudiziaria), previste dal Codice della Navigazione (regio decreto 30 marzo 1942, n. 327 – articoli 1161 e 1164). Per l’ abbandono di rifiuti, invece, vigono le sanzioni (600 euro), previste dal Codice dell’ Ambiente (decreto legislativo 152 del 2006).

Dunque, per garantire la fruizione dei lidi, nel pieno rispetto delle norme e dell’ ambiente, i Carabinieri Forestali della Stazione di Ostuni e del Gruppo di Brindisi sono già all’ opera, con l’ ausilio di Associazioni di Volontariato, per vigilare sugli accessi veicolari sul litorale (soprattutto le strade complanari alla SS379), la sosta sulle spiagge nei limiti delle attività e degli orari consentiti.

Anche quest’ anno, si è ritenuto di fornire un’ opportuna ed adeguata informazione preventiva ai cittadini e frequentatori delle spiagge del Brindisino, sì da coniugare l’ azione di contrasto a fenomeni illeciti con un’ utile campagna di prevenzione, con la collaborazione dei mezzi di informazione.

Ostuni torna l’appuntamento di ferragosto, torna la Sagra Vecchi Tempi

Torna ad Ostuni l’appuntamento del Ferragosto: in scena la “Sagra Vecchi Tempi”. 43esima edizione a cura del gruppo folk “La Stella”.

Passione, tradizione, musica e prodotti tipici nel classico appuntamento con la tradizione ostunese lungo le mura del borgo bianco di Ostuni. Appuntamento il 14 e 15 agosto 2018 lungo viale Oronzo Quaranta dalle ore 19.00.

orna anche quest’anno per la 43esima edizione la tradizionale “Sagra Vecchi Tempi”, organizzata dal gruppo folk “La Stella” con il patrocinio del Comune di Ostuni. Quest’anno nella cornice di Viale Oronzo Quaranta, lungo la cinta muraria della Città Bianca, turisti e visitatori, potranno tornare indietro nel tempo alla riscoperta delle vecchi mestieri e delle antiche tradizioni culinarie, accompagnate dalla tradizionale musica popolare. L’appuntamento doppio è fissato per il 14 e 15 agosto 2018, dalle ore 19.00.

Si potranno ammirare ed apprezzare i vecchi mestieri come il sellaio, il funaio, l’arrotino, l’ombrellaio, aggiusta-piatti rotti, panararo, mulinaio, fabbro che lavora il ferro battuto, intreccio di paglia per creazioni di cestini, calzolaio, lavorazione della lana e delle canne, esposizioni di vecchi mezzi di trasporto a trazione animale, antiche attrezzature per la lavorazione della terra e tantissime altre curiosità che testimoniano l’immensa cultura popolare del nostro territorio.

L’Associazione “Cavalcata di Sant’Oronzo” garantirà la vestizione di cavalli e di cavalieri della plurisecolare scorta del Santo Patrono, dando la possibilità a coloro che nei giorni della festa patronale non saranno presenti in Ostuni di ammirare la magnificenza della devozionale manifestazione.

L’animazione ed il divertimento saranno assicurati dal Gruppo Folk “La Stella” che sfilata ed esibizioni dal palco del proprio spettacolo ricco di canti, musiche e balli tradizionali, dai ritmi briosi ed allegri con la sempre più richiesta ed applaudita “Pizzica Pizzica Tarantata”. Nei pressi della chiesa della Madonna della Stella, sarà possibile vedere il nuovo ed innovativo spettacolo sulla vera storia della “PIZZICA”.

Cosimo Coccioli è un nuovo giocatore dell’Ostuni Calcio 1945

Alla corte di mister Gioacchino Marangio arriva un difensore dal grande talento e dalla grande esperienza, presentato ufficialmente Cosimo Coccioli.

Cosimo Coccioli è difensore, classe ’83, tra le sue ex squadre: Mesagne, Toma Maglie, Manduria Sport. Coccioli vanta presenze anche in Eccellenza dove ha militato per due stagioni con il Mesagne ed una con il Manduria Sport. Il difensore ha iniziato la preparazione ed è a disposizione del mister.

Giacomo Quartulli sarà il preparatore dei portieri che affiancherà mister Marangio all’interno dello staff tecnico. L’ex portiere e attuale docente scolastico sarà per il secondo anno consecutivo il preparatore dei portieri dell’ASD Ostuni 1945.

Dall’opposizione Giuseppe Tanzarella attacca: “refezione scolastica, disagi e disservizi per utenza e personale”

Giuseppe Tanzarella
Giuseppe Tanzarella

Il consigliere Giuseppe Tanzarella interviene sulla decisione dell’amministrazione comunale sulla refezione scolastica.

Le ultime modalità scelte dall’amministrazione per indire la gara d’appalto per l’affidamento del servizio di refezione scolastica della scuola dell’infanzia e primaria di Ostuni si mostra subito in tutta la sua superficialità e pericolosità, in quanto si traduce in una scelta di corto respiro in grado di mettere a repentaglio uno dei servizi che sono da anni il fiore all’occhiello della nostra città.

Basti pensare che tutte le vicissitudini che gli altri Comuni della provincia di Brindisi vivono costantemente con riferimento ai servizi di refezione, spesso balzati agli onori delle cronache per cattivo funzionamento e scarsa qualità degli stessi (pasti freddi, materie prime di poca qualità, insufficienza dei pasti, scarso igiene, ecc.), non hanno mai sfiorato la nostra Ostuni per i meriti degli operatori.

Oggi, purtroppo, in maniera autolesionistica l’amministrazione ha scelto di mettere a repentaglio tale situazione bandendo una gara d’appalto in forte ritardo, in pieno agosto, con la scadenza del termine di presentazione delle offerte fissato al 10 settembre prossimo, e con il rischio che l’insorgenza di contenziosi e, comunque, eventuali ritardi, possano far slittare l’avvio del servizio che, di regola, dovrebbe iniziare per il primo di ottobre.

Non risponde alla realtà dei fatti, a tal proposito, quanto apparso su qualche titolo di giornale in ordine al miglioramento che questa gara potrà apportare al servizio, essendo, semmai, vero il contrario. Va osservato, infatti, che il capitolato della gara d’appalto è pressochè identico al precedente, ad eccezione di pochissime differenze che, come si dirà, saranno soltanto utili, in concreto, a peggiorare la qualità del servizio.

Innanzitutto, la scelta di affidare il servizio solo per il solo anno scolastico 2018/2019, appare, francamente, un’iniziativa estemporanea e miope, dato che si sarebbe potuta programmare una gara per un affidamento pluriennale, così come si è sempre fatto, onde evitare il repentino avvicendarsi di soggetti gestori, con inevitabili ricadute sulla quantità e qualità degli investimenti che gli stessi saranno portati a limitare al minimo, e sui livelli occupazionali, questi ultimi da sempre sensibili ai cambi d’appalto.

In secondo luogo, la modifica del requisito di capacità economico finanziaria che le imprese partecipanti devono possedere per partecipare al bando taglierà già in partenza il gestore uscente, che per poche migliaia di euro non potrà partecipare. E’ chiaro, infatti, che stante la natura di cooperativa del gestore uscente, lo stesso potesse contare solo sul volume di fatturato derivante dall’impegno profuso nell’ambito dell’unico servizio mensa gestito in territorio ostunese, per l’appunto di poche migliaia di euro inferiore a quello della nuova gara.

Ciò comporterà che a giocarsi le chances di aggiudicazione saranno le multinazionali del settore che, con tutto il rispetto, si dubita possano mantenere una qualità dei pasti e delle materie prime pari a quelle sino ad oggi garantite dalla Cooperativa Penelope.
E tanto anche alla luce del costo del personale, che assorbirà gran parte dell’importo posto a base d’asta, con la conseguenza che le risorse da destinare all’acquisto della materia prima saranno ben poche.

Ulteriore problema è rappresentato dalle modalità telematiche di prenotazione e pagamento dei pasti da parte delle famiglie. Solo un numero di pasti corrispondenti alle prenotazioni on-line pervenute agli uffici entro il primo mattino saranno pagate dalla stazione appaltante al gestore. Così facendo, si porrà il problema di coloro i quali, o per impossibilità nel connettersi telematicamente, o per mera dimenticanza, non avranno fatto in tempo a pagare. Il gestore del servizio, perciò, dovrà decidere se propendere per non far mangiare i poveri ragazzi o, diversamente, garantire dei pasti senza che gli stessi gli vengano retribuiti. Inutile dire che a fine anno ciò potrebbe influire sulle economie di scala dell’impresa che gestisce il servizio.

L’ultima seria preoccupazione, ma non per importanza, è rivolta al personale.
Il capitolato della gara d’appalto, infatti, se da un lato presenta una clausola sociale facendo riferimento alla forza lavoro impiegata nell’ultimo anno scolastico 2017/2018, dall’altro elenca le figure che non corrispondono assolutamente a quelle realmente impiegate, essendoci una discrepanza in difetto che non potrà che generare pregiudizi nei confronti dei lavoratori.

Oltretutto, non si è tenuto conto degli orari e degli scatti di anzianità del personale impiegato sino ad oggi dalla Cooperativa Penelope, essendovi il concreto rischio che i livelli retributivi vengano lasciati alla completa discrezionalità del gestore subentrante senza alcuna forma di tutela.

La Lega ad Ostuni: “Non sosterremo l’attuale sindaco Coppola alle Amministrative 2019”

«Saremo la forza trainante del centrodestra alle amministrative del 2019: non sosteremmo l’attuale sindaco Gianfranco Coppola. Siamo pronti ad aprire una nuova fase».

Confermato dall’onorevole Anna Rita Tateo, Donato Marangi, coordinatore cittadino della Lega ad Ostuni chiarisce quali sono i programmi del partito di Matteo Salvini anche nella Città bianca. La presentazione del libro sull’attuale fase politica di Giuseppe Palma, giovedì sera è stata l’occasione di un nuovo confronto tra i rappresentanti della Lega provinciali e regionali. Presenti nella Città bianca, tra gli altri, la stessa Anna Rita Tateo e Antonio Scianaro, consiglieri comunale a Fasano, tra i primi ad aderire in provincia al progetto politico di Salvini.

«L’ottimo risultato delle elezioni del 4 marzo scorso ha confermato il valore della campagna elettorale svolta, configurandosi come punto di svolta per la costruzione di un progetto serio e determinato.

Un risultato- si legge in una nota della delegazione ostunese – che trova il principale artefice nel coordinatore cittadino Donato Marangi, al quale l’intero organigramma che va formandosi intende confermare la propria fiducia, e nelle persone che si sono fattivamente spese per il partito». Intanto si studiano le strategie per i prossimi appuntamenti elettorali, amministrative del 2019, in testa.

«La presenza sul territorio della coordinatrice provinciale, l’onorevole Anna Rita Tateo, unitamente a una serie di riunioni già tenutesi e tese a delineare la linea programmatica a breve e medio termine, oltre a gettare le basi per quelle che saranno le mosse in vista delle elezioni amministrative in programma nella primavera del 2019, confermano l’importanza della nostra città e prefigurano la centralità della Lega –spiegano dal coordinamento cittadino- nella coalizione di centrodestra, della quale sarà, con estrema certezza, il partito trainante. Ogni altro sedicente tentativo di intestazione di meriti, azioni e di eventuali paternità politiche è, dunque, da intendersi del tutto effimero e totalmente privo di ufficialità»

Giuseppe Parisi firma con la Virtus Francavilla in Lega Pro

Giuseppe Parisi non lascia il mondo del professionismo dopo il fallimento del Bari calcio. Il gioiellino di Ostuni è stato tesserato dalla Virtus Francavilla società di Lega Pro.

Si tratta di un colpo di mercato, tra i più importanti in prospettiva futura, messo a segno dalla società del presidente Antonio Magrì. La società francavillese, infatti, si è assicurata le prestazioni di uno dei giovani più interessanti del vecchio settore giovanile del Bari. «Il terzino sinistro, dotato di grandi doti tecniche e fisiche, lo scorso anno ha militato nel settore giovanile del Bari FC 1908, giocando sotto età con i ragazzi 2004, sarà a disposizione di mister Geretto nell’Under 15.

Un grande colpo quello messo a segno dal Direttore del Settore Giovanile Angelo Antonazzo, che nonostante l’interesse espresso da parte di molti club nei confronti di Parisi, è riuscito a convincere il ragazzo facendolo così entrare a far parte della famiglia biancoazzurra.

Un in bocca al lupo a Parisi, affinché sia una stagione piena di emozioni e di risultati positivi per la sua crescita calcistica». E’ stato questo il messaggio di benvenuto rivolto a lui dalla nuova società. Parisi, classe 2005, aveva firmato nel 2017 il suo primo contratto con il Bari, dopo un lungo lavoro di Vincenzo Tagliente e Titino Marzio i tecnici che lo hanno formato e reso pronto per il grande salto.

Un talento in campo, ma che riesce anche a conciliare, con successo, gli impegni scolastici. Fondamentale il contributo della famiglia, la cui passione per il calcio è ben nota in città, con il padre e lo zio di Giuseppe che hanno calcato per anni i campi dei massimi campionati pugliesi.

Auto contro moto sulla strada per il mare: motociclista in ospedale

Il motociclista, sbalzato sull’asfalto, è stato soccorso da personale del 118.

Un motociclista è stato trasportato in ospedale a seguito di uno scontro fra una moto e un’auto che intorno alle ore 13 di oggi (12 agosto) si è verificato sulla strada provinciale che collega Ostuni ala marina Torre Pozzelle, a circa un chilometro dal centro abitato della Città Bianca.

L’impatto è è avvenuto per cause da accertare all’altezza dell’intersezione con una strada secondaria. Il motociclista, sbalzato sull’asfalto, è stato soccorso da personale del 118. Le sue condizioni pare non siano gravi. Il sinistro è stato rilevato dalla polizia locale di Ostuni.

“Il Ballo” di Daria Paoletta chiude la rassegna Teatro Madre al Parco d’Agnano

Concerto fragile al parco di agnano
Concerto fragile al parco di agnano

Ultima settimana di spettacoli per Teatro Madre, il Festival di Teatro e Narrazione del Parco di Santa Maria di Agnano: lunedì 13 agosto la storia narrata da Irène Némirovskj nel romanzo “Il Ballo” e portata in scena da Daria Paoletta.

“Il Ballo” è una storia perfetta: pochi personaggi, disegnati in un lampo e con brevi tratti, eppure perfettamente riconoscibili, e un incedere di eventi che precipitano in pochi giorni verso una fine inattesa e tragicomica, stupida, piccola eppure enorme, per le conseguenze sulle persone coinvolte.
Ed è a questa storia perfetta che viene affidata la conclusione della rassegna di spettacoli per adulti di Teatro Madre, il Festival di Teatro e Narrazione che ha riempito di parole, musica e poesia il Parco di Santa Maria di Agnano questa estate, riscuotendo un’eccezionale e inaspettata accoglienza da parte del pubblico e registrando sold out in quasi tutti gli spettacoli. In scena, lunedì 13 agosto, alle ore 21.00, nella splendida arena che guarda il mare, Daria Paoletta in Il Ballo, uno spettacolo tratto dall’omonimo romanzo breve di Irène Némirovskj.

Le vicende sono note a molti: una famiglia di arricchiti, provinciali e ignoranti, una moglie che non vuole invecchiare e che sa di potersi finalmente godere la vita. Un marito che pensa solo agli affari e non riesce a porre argine alle volontà smodate e ai dispetti della consorte. Una figlia quattordicenne che sta abbandonando il corpo di ragazzina crisalide per diventare femmina e donna, con tutto il caleidoscopio di sentimenti, desideri e sofferenze della sua età.
Intorno un mondo di “nemici”, secondo la gretta e sprezzante filosofia della padrona di casa: una istitutrice inglese, una maestra di pianoforte, un maggiordomo e una servitù buona solo a rubare pane e stipendio.

Tutti insieme vivono l’attesa del grande ballo, una festa danzante che la “signora” vuole offrire a tutti i nobili e ricchi della città – qualunque essa sia – per affermare ricchezza e strapotere della famiglia. Ha pensato a tutto, e tutto trasuda arroganza ed eccessi. Ha solo trascurato un dettaglio, un piccolo dettaglio: la sua adorata bambina…

“Il Ballo” è il romanzo breve attraverso il quale la giovanissima scrittrice russa trapiantata a Parigi si affermò in Francia nel 1930: una carriera folgorante, con romanzi strepitosi, ricchi di una umanità complessa e spesso ributtante, volgare, pronta a tutto per la ricchezza e per soddisfare le proprie voglie. Figlia di un banchiere russo che sopravvive alla Rivoluzione d’Ottobre, e di una donna in tutto e per tutti identica alla protagonista di questo romanzetto geniale, Irina (poi Irène) Némirovsky attraversa in prima persona la grande storia della prima metà del Novecento, pagandone le conseguenze: morirà ad Auschwitz, da sola, nel 1942, un mese dopo essere stata internata. I suoi romanzi sono rimasti per molti anni in una valigia.

Daria Paoletta e Francesco Niccolini (che ne ha curato la drammaturgia) provano a trasformare in racconto teatrale “Il Ballo”: lo fanno con grande divertimento, unendo la verve comica e affabulatoria dell’una e il cinismo teatrale dell’altro. Un racconto corale, quasi sinfonico, diretto da una vecchia governante di casa Krampo, una sorta di testimone silenzioso e partecipe, incapace di odiare e di parteggiare, ma tremendamente lucida e sorridente. Il risultato è un ritratto impietoso e comico, per forza di cose tragico e forse anche un po’ commosso di un mondo nel quale molto difficilmente lo spettatore non riconoscerà tracce della propria vita. E della propria famiglia

Il Festival di Teatro Madre, per la direzione artistica di Enrico Messina e Daria Paoletta, organizzato da Armamaxa | Pagine Bianche Teatro – Residenza Teatrale di Ceglie Messapica e promosso dal Museo Civico e Parco Archeologico di Ostuni con il contributo del Comune di Ostuni, si concluderà definitivamente venerdì prossimo, 17 agosto, h. 21.00, con l’ultimo appuntamento dedicato alle famiglie che vedrà protagonista la storia irriverente di Robin Hood, La storia di Roberto di Legno che colpiva sempre nel segno, di Armamaxa Teatro (consigliato dai 5 anni).

Data la notevole affluenza di pubblico è consigliata la prenotazione al 389/2656069.

Il botteghino
Il costo del biglietto degli spettacoli per adulti – rassegna Teatro al Parco – è di 10 euro. Ridotto 8 euro under 25 e over 65.

Teatro Madre è anche un’occasione per scoprire la storia del Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano e dell’antica madre che qui riposa: coloro che acquisteranno un biglietto di uno degli spettacoli avrà la possibilità di usufruire, prima dell’inizio dello spettacolo (h. 20) della visita guidata curata dal Sac La Via Traiana. È necessario prenotare al 389/2656069 e presentarsi in loco entro le ore 19.45.

Servizio navetta gratuita da Ostuni per il Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano: partenza ore 20.30 da Piazza Italia (Viale Pola) con fermata nel parcheggio di Via Ten. Specchia. Il ritorno al termine dello spettacolo con le stesse fermate. Numero limitato di posti. Servizio offerto dal Comune di Ostuni in collaborazione con la Stp.

INFO IN BREVE
Il Ballo
di Irène Némirovskj
uno spettacolo di Daria Paoletta e Francesco Niccolini
drammaturgia Francesco Niccolini
con Daria Paoletta
Disegno luci: Raffaele Scarimboli
Costume: Lucia Lapolla

Lunedì 13 agosto 2018 – h. 21.00
Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano | Ostuni
Info: 389/2656069
Aggiornamenti e approfondimenti: https://www.facebook.com/ArmamaxaResidenzaTeatrale

Le Radici del Sud con i ritmi di Ostuni, a Matera, per il Ragnatela Folk Fest

Il gruppo “Le Radici del Sud”, questa sera sarà a Matera per partecipare alla kermesse di pizzica “Ragnatela Folk Fest”.

Continua l’estate delle Radici del Sud, tra la Puglia e la Basilicata. Dopo il grande successo della prima tappa di Ostuni del Pizzica in Tour, Festival di Pizzica e Taranta, il gruppo di musica popolare “Le Radici del sud” è pronto a far ballare anche Piazza Plebiscito a Ceglie Messapica, lunedì 13 Agosto con la seconda tappa del Pizzica in Tour.

Ma prima, domenica 12 Agosto, un altro appuntamento importante. Il gruppo sarà a Matera per partecipare alla kermesse di pizzica “Ragnatela Folk Fest”.

Grande entusiasmo – spiega il presidente Piero Albanese – siamo un gruppo che ama divertirsi e sopratutto far divertire. Portare Ostuni, anche a Matera, capitale della Cultura 2019, per noi è motivo di vanto ed orgoglio“.

Emergenza rifiuti scongiurata, firmata l’ordinanza per il servizio ambientale

Conferenza Stampa Rifiuti
Conferenza Stampa Rifiuti

Firmata l’ordinanza d’’emergenza per scongiurare gravi disagi e problemi ambientali sul territorio: riaffidato il servizio di raccolta rifiuti ad Ostuni all’ Ati Gial Plast Bianco.

Si tratta, così, di una conferma delle stesse imprese che in questi giorni -nonostante la prima proroga sia già scaduta il 15 maggio scorso e dopo la bocciatura del Tar di Lecce dell’estensione del quinto d’obbligo come predisposto dal comune di Ostuni- non hanno mai cessato le loro attività.

Servizio svolto almeno fino a ieri senza una procedura che regolamentasse il rapporto instaurato tra l’ente pubblico ed il soggetto privato: ora l’ordinanza firmata dal sindaco Gianfranco Coppola copre questo vulnus amministrativo, emerso dopo la decisione del Tribunale amministrativo regionale il 24 luglio scorso. Si tratta di un provvedimento contingibile e urgente quello predisposto ieri dal comune di Ostuni.

«Ritenuto che, stante la condizione emergenziale e al fine di garantire la continuazione del servizio, di ordinare alle società Gial Plast srl e Bianco Igiene Ambientale srl di proseguire nello svolgimento del servizio di igiene ambientale sin qui svolto, nelle more della procedura di gara d’appalto biennale già avviata ed avente ad oggetto “Appalto biennale dei servizi di igiene ambientale”. Ravvisata, inoltre, la necessità – si legge nell’ordinanza- che venga garantita la continuità del servizio di igiene ambientale al fine di evitare gravi pericoli per la salute pubblica, anche in considerazione dell’attuale periodo estivo, che aggraverebbe la criticità dell’igiene urbana a causa dell’aumento della popolazione ordina in via temporanea ed urgente, dal 15 maggio 2018 e sino all’affidamento dell’appalto “ponte” e comunque non oltre il 31 dicembre 2018».

Contro l’ ordinanza è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni. Una scelta quella dell’amministrazione che segue i primi incontri già avuti con l’Ati Gial Plast Bianco anche per rendicontare le attività svolte dal 15 maggio ad oggi, e l’organizzazione dei servizi in vista dei giorni più caldi, non solo dal punto di vista delle temperature dell’estate ostunese. L’imminente arrivo di Ferragosto ed i festeggiamenti di Sant’Oronzo sono i due appuntamenti più importanti della stagione turistica nella Città bianca, quelli che fanno giungere sul territorio il maggior numero di turisti. E così si popolano campagne e marine, aumentando anche la necessità di un’implementazione di servizi necessari come appunto quella della raccolta rifiuti su tutto il territorio e la gestione dell’isola ecologica. Elementi al centro del confronto ancora in atto in questi giorni tra gli uffici dell’assessore all’ecologia del comune di Ostuni e l’Ati Gial Plast Bianco.

Altro fronte caldo di queste ore è la possibilità che ci sia un’accelerata sul bando della gara-ponte, che servirà per scegliere il nuovo soggetto affidatario del servizio nella Città bianca in attesa che possa trovare una definitiva risoluzione il piano industriale unico tra i comuni che rientrano nell’Aro. In quest’ultimo caso tempistiche ancora lontane per essere definite per via della mancata convergenza dei comuni sul progetto unico.

Parco delle Dune, controlli contro i bivacchi notturni delle serate d’agosto

L’attività di controllo nel Parco delle Dune Costiere sarà replicata nelle prossime serate ed in particolare il 14 agosto, vigilia di Ferragosto.

E’ partita ieri sera – venerdì 10 agosto – una attività coordinata di informazione e di prevenzione per evitare i bivacchi notturni lungo le spiagge e le aree retrodunali del Parco delle Dune costiere.

Si tratta di una attività per scongiurare il “bivacco selvaggio” lungo le spiagge e le dune del Parco e la sosta vietata lungo le arterie che conducono all’area protette, voluta dal Parco delle Dune costiere, presieduto dall’on. Enzo Lavarra, che sarà realizzata oltre che dai collaboratori e dai volontari del Parco anche dai Carabinieri Forestali del comando provinciale di Brindisi e della stazione di Ostuni, dalla Polizia locale di Ostuni e Fasano, e dalle associazioni di volontariato di Protezione Civile “Cb Quadrifoglio” di Montalbano e “SerOstuni” di Ostuni.

Oltre a ciò su sollecitazione del Parco alla Prefettura di Brindisi, anche le forze dell’ordine effettueranno controlli specifici in materia. L’altro giorno la attività è stata pianificata nel corso di un incontro, fortemente voluto anche dal sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola, al quale ha partecipato il direttore del Parco Gianfranco Ciola, il comandante provinciale dei Carabinieri Forestali, col. Ruggiero Capone, ed i responsabili delle associazioni di Protezione civile di Montalbano e Ostuni, Giannicola D’Amico e Franco Laghezza. Alle attività programmate hanno assicurato collaborazione anche i comandi delle Polizie locali di Ostuni, coordinata dal comandante Francesco Lutrino, e di Fasano, al comando del maggiore Fernando Virgilio.

L’attività informativa sarà svolta dai volontari di Protezione civile e dai collaboratori e volontari del Parco, mentre l’attività preventiva e repressiva sarà affidata ai Carabinieri Forestali e alla Polizia locale, che interverranno lungo le spiagge e sulle strade che conducono a queste dalla litoranea da Torre Canne a Pilone di Ostuni.

Degli appositi cartelli e banner sono stati già affissi contro il campeggio abusivo sulle spiagge presso tutti gli operatori balneari e i lidi presenti lungo il litorale del Parco.

Tutto pronto, questa sera ad Ostuni su viale Oronzo Quaranta la “Cena in Bianco”

Per il quarto anno torna la “Cena in Bianco” lungo viale Oronzo Quaranta ad Ostuni. Appuntamento questa sera il 11 agosto 2018.

Questa sera sabato 11 agosto 2018, la Cinta Muraria del Borgo Antico di Ostuni si trasformerà nuovamente in un palcoscenico naturale e per una sera Viale Oronzo Quaranta diverrà il regno del Bianco per un appuntamento irrinunciabile. Sull’onda del successo mediatico degli anni precedenti, e grazie ai commenti entusiastici amplificati dalle chat e dai social, si replica l’evento più coinvolgente e “virale” degli ultimi anni: La “Cena in Bianco” associata a “Unconventional Dinner”.

Quest’anno gli Organizzatori “Ostuni Bianca a Cena Insieme”, “Ostuni Shopping“, “Pro Loco Marina di Ostuni”, hanno pensato bene di allargare e rendere più fruibile la partecipazione di turisti e autoctoni.

Le Novità dell’edizione 2018 si compendiano in una intelligente logistica della fruizione dell’Evento. Unico Ingresso Porta Nova, oltre a demarcare la zona facilita dell’ingresso al varchi dei partecipanti come la Zone a Traffico Limitato per lo scarico dei tavoli, sedie e allestimenti e il Parcheggio riservato completamente assistiti con servizio Navetta ed il parcheggio del Foro Boario.

Per poter usufruire a pieno di dette agevolazioni, occorre munirsi dello specifico Kit di accredito obbligatorio reperibile nei 10 Esercizi Commerciali convenzionati e portare il necessario per la Cena: cibo, tavoli, sedie e allestimento. Per ottimizzare il tutto l’organizzazione ha ritenuto opportuno calendarizzare gli orari di accesso al luogo dell’evento. La fascia oraria dalle ore 15.00 alle ore 18.00 permetterà di posizionare tavoli e sedie. Dalle ore 18.30 alle ore 20.30 l’apertura dei varco pedonale per l’allestimento degli stessi e alle 21.30 l’inizio della Cena.

Per venire incontro a delle richieste specifiche formulate dagli avventori fuori sede, l’organizzazione ha predisposto, lungo il Viale, circa 450 posti con Seduta su panca con Tavolo rettangolare con Tovaglia sul posto mediante una preventiva prenotazione. Fatta salva la filosofia della Cena in Bianco: vestiario, cibo e vettovagliamento rigorosamente candidi, l’organizzazione specifica che non sono ammessi piatti e posate in plastica o in alluminio.

Il Coordinatore dell’Evento, Augusto Iaia, “Confortato dal successo numerico e mediatico della scorsa edizione, è convinto di realizzare un Evento ancora più clamoroso e coinvolgente che faccia risaltare l’essenza stessa del Borgo Antico, riconosciuto a livello internazionale per il suo “candore”.

Spot Cena in Bianco 2018

Sabato 11 Agosto non perderti la quarta edizione della Cena in Bianco ad Ostuni, partecipare è semplicissimo. Segui le indicazioni dell'evento 👇http://www.facebook.com/events/718779618510234/

Pubblicato da Ostuni Bianca su Martedì 26 giugno 2018

Tentano di rubate un furgone, arrestati due brindisini in trasferta ad Ostuni

In manette due brindisini entrati in azione presso Torre Pozzelle. I poliziotti gli hanno sorpresi con arnesi da scasso.

Erano sul punto di rubare un furgone preso a noleggio da un gruppo di giovani vacanzieri. Ma grazie all’intervento di una pattuglia della squadra Volante del commissariato di polizia di Ostuni impegnata in un servizio di controllo del litorale, sono stati arrestati in flagranza di reato due brindisini entrati in azione venerdì pomeriggio (10 agosto) presso il parcheggio della località marina di Torre Pozzelle. Si tratta del 21enne Antonio Sciarra e del 35enne Antonio Pupino.

Gli agenti, durante il pattugliamento della costa, sono rimasti insospettiti da un soggetto che all’interno dell’area di sosta, dopo essersi introdotto dentro un furgone nuovo di zecca, ne usciva dal lato passeggiero per dirigersi verso un secondo individuo che fungeva da palo e teneva d’occhio i bagnanti.

A quel punto i poliziotti hanno proceduto con un controllo,  accorgendosi che uno dei due aveva cercato di nascondere qualcosa che veniva recuperato. Si trattava di una tronchesina, tipico arnese da scasso. Sospettando che fosse stato commesso un furto, le forze dell’ordine hanno controllato le auto parcheggiate ed, effettivamente, un furgone a noleggio nuovissimo presentava la portiera lato passeggiero aperta, mentre nel nottolino di accensione si trovava uno spadino e i cavi di avviamento erano stati estratti dalla loro scatola, pronti per la manomissione.

Il gruppo di ragazzi in vacanza, appresa la notizia dello sventato furto, ha ringraziato gli operatori. I due brindisini, di concerto con il mp di turno del tribunale di Brindisi, Giovanni Marino, sono stati arrestati in regime di domiciliari per tentato furto aggravato in concorso fra di loro. Nei loro confronti si valuterà inoltre l’adozione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio da Ostuni con divieto di ritorno nello stesso Comune.

Tamponamento sulla statale vicino Diana Marina, nove persone coinvolte

Il sinistro si è verificato intorno alle 19.30 sulla s.s. 379 direzione Bari, nei pressi dello svincolo di Diana Marina, tanta paura per i 9 passeggeri coinvolti

OSTUNI – Tamponamento fra due auto intorno alle 19 di oggi, venerdì 10 agosto, sulla strada statale 379: nove persone coinvolte, sei si stavano recando presso l’aeroporto di Bari per prendere un aereo. Fortunatamente nessuno ha riportato conseguenze preoccupanti.

Il traffico, intenso in quel tratto di statale, ha subito grossi rallentamenti, l’incidente si è verificato sulla corsia in direzione Bari all’altezza dello svincolo per Diana Marina frazione balneare del Comune di Ostuni. Sul posto si sono recate quattro ambulanze del 118, due pattuglie della Guardia di Finanza che ha coordinato la viabilità in attesa dell’arrivo degli agenti della Polizia stradale che si sono occupati dei rilievi.

Le auto coinvolte sono un’Audi A6 sulla quale viaggiavano tre persone e una Citroen con a bordo sei giovai che si stavano recando all’aeroporto di Bari. Hanno perso il volo. Ad avere la peggio il conducente della Citroen che ha accusato forti dolori a un ginocchio. Soccorsa anche una ragazza. Illesi gli occupanti dell’Audi.

Il tamponamento si è verificato durante la manovra di immissione sulla 379, in seguito all’impatto i bagagli che si trovavano nella Citroen sono finiti sulla carreggiata, fortunatamente non sono rimasti coinvolti altri veicoli.

Emergenza Xylella, pianificata l’attivazione del presidio informativo presso la sede locale dell’ARIF

Abbattimenti Xylella a Ostuni
Abbattimenti Xylella a Ostuni

Sabato 1° settembre alle ore 17 verrà inaugurato il Presidio Informativo pensato e proposto per la diffusione delle misure di contenimento del batterio, regole e buone pratiche per il contrasto alla Xylella fastidiosa.

Il Comune di Ostuni e il Libero Comitato anti-Xylella, in collaborazione con il Parco Naturale Regionale delle Dune Costiere e a seguito di un intenso percorso partecipativo che ha visto coinvolte numerose associazioni di categoria e privati cittadini, rendono noto che sabato 1° settembre alle ore 17 verrà inaugurato il Presidio Informativo pensato e proposto per la diffusione delle misure di contenimento del batterio, regole e buone pratiche per il contrasto alla Xylella fastidiosa.

Proposto alle autorità regionali sin dai primi segnali di contagio dal Presidente Enzo Lavarra e dal Sindaco Gianfranco Coppola, lo sportello sarà ospitato a Ostuni, all’interno della sezione locale dell’ARIF, presso l’ex macello cittadino, sede del GAL Alto Salento. Il servizio entrerà in funzione a partire dalla data stabilita e sarà a disposizione di quanti sentono l’esigenza di informarsi correttamente e confrontarsi con l’istituzione comunale e regionale in merito alle disposizioni adottate per limitare i danni che la batteriosi sta perpetrando su tutto il territorio pugliese, cercando di fermarne l’avanzata verso nord e scongiurare la contaminazione dei meravigliosi esemplari della Piana degli olivi millenari.

«Da parte della mia amministrazione – dichiara il Sindaco Gianfranco Coppola – continua l’impegno per mantenere alta l’attenzione riguardo la grande problematica che incombe sul territorio della splendida Piana degli olivi monumentali. Un paesaggio unico al mondo che abbiamo ereditato con il compito di lasciarlo in eredità, possibilmente intatto, alle generazioni future».

Il Presidio intende coinvolgere le amministrazioni locali che fanno riferimento al GAL Alto Salento e i Comuni limitrofi, le associazioni di categoria, le aziende agricole i vivai, gli agricoltori diretti e i proprietari di olivi e altre specie ospiti del batterio. Mirata a supportare l’operato della Regione Puglia e dell’Osservatorio fitosanitario regionale, l’iniziativa intende offrire la possibilità a chiunque ne senta l’esigenza, di confrontarsi con ispettori/tecnici e ricercatori in grado di rispondere alle domande, fugare dubbi e perplessità e indicare le modalità più opportune per difendere il patrimonio olivicolo dell’Alto Salento e, più in generale, dell’intera Regione.

«Il Libero comitato anti-Xylella – dichiara la portavoce Carmela Riccardi – si è costituito lo scorso 8 agosto come Associazione culturale e di promozione sociale, grazie all’impegno di quanti sinora ne hanno animato l’attività. È un gran passo in avanti per la nostra realtà produttiva, per la lotta alla Xylella, che diventerà ancora più efficace e serrata quando verrà attivato il Presidio Informativo di Ostuni. Il prossimo 1° settembre, in occasione dell’inaugurazione, avremo come ospite d’onore “InfoXylella” e il CNR di Bari, per conferire all’evento un respiro scientifico, analizzando i pregiudizi e le fake news che tuttora circolano in merito alla diffusione e alla dannosità del batterio».

Al Parco Santa Maria di Agnano Hansel e Gretel a Teatro Madre

Continuano, a Teatro Madre, gli spettacoli dedicati ai bambini: venerdì 10 agosto, alle ore 21.00, al Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano (Ostuni), in scena la favola di Hansel e Gretel della Compagnia Il Baule Volante (dai 6 anni)

Ogni fiaba ci dona un tassello di esperienza nel cammino della vita. Italo Calvino, in un celebre passo di presentazione del suo libro “Fiabe Italiane”, scriveva: “Le fiabe sono vere. Sono, prese tutte insieme, una spiegazione generale della vita, nata in tempi remoti e serbata fino a noi. Sono il catalogo dei destini che possono darsi a un uomo e a una donna”. E “Hansel e Gretel” non fa eccezione.
In scena, per Teatro Madre, venerdì 10 agosto, alle ore 21.00, al Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano (Ostuni), l’Hansel e Gretel della Compagnia il Baule Volante per la regia di Roberto Anglisani, vero maestro dell’arte del narrare.

Una casa al limitare del bosco, una famiglia in difficoltà. Due bambini, soli davanti ad una realtà dura e al bisogno urgente di diventare grandi. Ecco i protagonisti di questa fiaba antica, una fiaba che, attraverso un’affascinante simbologia, ci conduce alla conquista di uno straordinario tesoro.

Con “Hansel e Gretel” prosegue un percorso di ricerca sulla fiaba classica e contestualmente un lavoro sulla tecnica della narrazione a due voci. Attraverso l’uso della parola e della essenzialità del gesto si è cercato di trasferire intatti i molteplici significati di una fiaba che da sempre parla alle nostre corde più profonde, capace di avvincere grandi e piccoli con il racconto di un processo di crescita che necessariamente è costellato di difficoltà e di un rapporto con una cruda realtà che si può vincere. Lo spettacolo utilizza principalmente la tecnica del racconto orale, con la sua essenzialità ed immediatezza, nel tentativo di cogliere l’essenza più profonda del racconto, con pochi oggetti e costumi, lasciando alla voce e al corpo tutta la loro forza evocativa.

Teatro Madre, per la direzione artistica di Enrico Messina e Daria Paoletta, organizzato da Armamaxa | Pagine Bianche Teatro – Residenza Teatrale di Ceglie Messapica e promosso dal Museo Civico e Parco Archeologico di Ostuni con il contributo del Comune di Ostuni, si concluderà la settimana di ferragosto con lo spettacolo Il Ballo, dell’eccezionale narratrice Daria Paoletta, tratto dall’omonimo libro di Irène Némirovsky (lunedì 13 Agosto, h. 21.00) e con Robin Hood di Armamaxa teatro (dai 5 anni), venerdì 17 agosto, h. 21.00.

E’ indispensabile la prenotazione al 389/2656069.
Il botteghino
Il costo del biglietto degli spettacoli per famiglie – rassegna Il Posto delle Favole al Parco – è di 5 euro. Formula Benvenuti nonni: per ogni bambino che paga un nonno entra gratis.

Teatro Madre è anche un’occasione per scoprire la storia del Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano e dell’antica madre che qui riposa: coloro che acquisteranno un biglietto di uno degli spettacoli avrà la possibilità di usufruire, prima dell’inizio dello spettacolo (h. 20) della visita guidata curata dal Sac La Via Traiana. È necessario prenotare al 389/2656069 e presentarsi in loco entro le ore 19.45.

Servizio navetta gratuita da Ostuni per il Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano: partenza ore 20.30 da Piazza Italia (Viale Pola) con fermata nel parcheggio di Via Ten. Specchia. Il ritorno al termine dello spettacolo con le stesse fermate. Numero limitato di posti. Il servizio è su prenotazione: tel. 389 265 6069. Servizio offerto dal Comune di Ostuni in collaborazione con la Stp.

INFO IN BREVE
HANSEL E GRETEL
Di Roberto Anglisani e Liliana Letterese
Con Liliana Letterese e Andrea Lugli
Regia di Roberto Anglisani
Musiche Stefano Sardi
Elementi scenografici Enrico Zambianchi

Venerdì 10 agosto 2018 – h. 21.00
Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano | Ostuni
Info: 389/2656069
Aggiornamenti e approfondimenti: https://www.facebook.com/ArmamaxaResidenzaTeatrale

Concluso con successo il memorial dedicato a Mario Crescenzio

Mercoledì 8 agosto si è conclusa ad Ostuni nel chiostro di San Francesco le tre serate dedicate alla memoria del maestro ostunese Mario Crescenzio che hanno avuto un notevole successo.

Nelle prime due serate sono state rappresentate due belle commedie in vernacolo ostunese da due gruppi teatrali locali il “Sipario ostunese” e “Sul palco della vita“. La terza e ultima serata è stata rivolta all’opera di Mario Crescenzio che nel corso della sua vita terrena ha lasciato una significativa eredità della cultura ostunese con opere teatrali, pezzi musicali etc, con la partecipazione di molti che avevano collaborato nel “Teatro club” creata da Mario Crescenzio che si sono rivisti dopo tanti anni e che in pochi giorni hanno organizzato una serata con tanti belli ricordi ed emozioni presentata in primis dalla professoressa Antonella Colucci che si è pure esibita cantando una canzone con maestria

Alla fine della serata sono stati premiati dai consiglieri comunali Giuseppe Francioso e Francesco Semerano in rappresentanza dell’Amministrazione comunale che aveva sposato di buon grado questo evento i due gruppi teatrali che sono stati protagonisti come detto innanzi dell’intera manifestazione,unitamente alla famiglia di Mario Crescenzio in particolare di sua figlia Giovanna Crescenzio che salendo sul palco, commossa ha ringraziato tutti auspicando inoltre che l’opera di suo padre sia un punto di riferimento per altri che si adoperano attualmente a portare avanti e a diffonderla la cultura locale dalla musica , alla poesia alla prosa etc.

Si spera che il prossimo anno si possa ripetere questo evento allargandolo anche agli altri gruppi teatrali locali che per motivi organizzativi non hanno potuto partecipare a questa bella iniziati.

Seminario informativo sulla Gestione e Idee nel Basket

Cestistica
Cestistica

Gestione e idee nel basket: la “Case history” di Germani Basket Brescia. Il modello di sviluppo di una delle società di punta dell’attuale pallacanestro italiana sarà al centro di un seminario che si terrà domani ad Ostuni nella biblioteca comunale alle 18:30.

La gestione manageriale, lo sviluppo di una società sportiva come impresa, il lungo lavoro di fidelizzazione del tifoso, attraverso la crescita e la promozione del marchio Germani Basket: sono questi gli ambiti che saranno affrontati durante la serata dagli illustri ospiti che giungeranno nella Città bianca per questa manifestazione.

Un seminario di approfondimento tra management e aspetti prettamente agonistici che vedrà la partecipazione di Sandro Santoro (General Manager Basket Brescia Leonessa) e Nicola Tolomei direttore area marketing della società bresciana. Interverrà anche Domenico Tanzarella presidente della Cestistica Ostuni.

L’iniziativa di domani sera segna l’avvio di una collaborazione tra le due realtà sportive: il sodalizio della Città bianca ed il team lombardo, che quest’anno ha raggiunto la semifinale scudetto, ed è considerato tra gli addetti ai lavori come una delle realtà più solide dell’intero panorama cestistico nazionale.

Asl di Brindisi. Appello ai donatori: serve sangue di tutti i gruppi

raccolta sangue
raccolta sangue

Il Centro Trasfusionale di Brindisi comunica grave carenza di sangue nell’Ospedale Perrino e negli altri ospedali della provincia e lancia un appello ai donatori. Serve sangue di tutti i gruppi.

La criticità si presenta in tutte le regioni in particolare durante il periodo estivo. E’ necessario un maggiore impegno di tutti per ripristinare e aumentare le disponibilità di sangue per la crescente incidenza di politraumi ed interventi in regime di urgenza, unita al mantenimento del fabbisogno trasfusionale per i pazienti trapiantati, dializzati, leucemici e microcitemici, e pazienti domiciliari.

Invitiamo chiunque sia nelle condizioni di donare a presentarsi presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Perrino già a partire dal pomeriggio di oggi e aderire alle raccolte straordinarie organizzate costantemente dalle Associazioni AVIS, FIDAS, FRATRES presenti nella provincia.

Invitiamo anche Enti, Istituzioni, Aziende e Associazioni a divulgare l’appello perché la notizia raggiunga più persone. E’ necessario coinvolgere tutti i donatori, abituali e potenziali, per far comprendere che donare è un gesto di generosità che può salvare la vita di un’altra persona.

Per donare è necessario avere età compresa tra i 18 ed i 65 anni, peso maggiore di 50 kg e non aver assunto farmaci antinfiammatori negli ultimi 5 giorni, antibiotici ed antistaminici negli ultimi 15 giorni. Si può donare anche dopo aver fatto una colazione leggera un’ora prima del prelievo.

Ordinanza sindacale per scongiurare l’emergenza e garantire la prosecuzione del servizio di raccolta rifiuti

Abbandono Rifiuti Ostuni
Abbandono Rifiuti Ostuni

Ordinanza sindacale per scongiurare l’emergenza e garantire la prosecuzione del servizio: dovrebbe essere questa la soluzione individuata dal comune di Ostuni per fronteggiare la vertenza rifiuti, dopo la pronuncia del Tar di Lecce.

Il tribunale amministrativo regionale, lo scorso 23 luglio, infatti, aveva accolto il ricorso presentato dall’ Ati Gial Plast Bianco contro l’estensione temporale dell’appalto con il quinto d’obbligo disposta dal comune di Ostuni, con delibera di giunta dell’ 8 maggio scorso. Il Tar ha annullato quel provvedimento, ed ora amministrazione comunale e azienda appaltatrice hanno avviato una serie di incontri per rendicontare servizi già effettuati, attività in corso e gestione del personale.

E su questo fronte c’è attesa sul destino dei 12 operatori stagionali, non assunti per questa estate, a differenza di quanto avvenuto fino al 2017. Corrispondenza e confronto che proseguirà anche nei prossimi giorni. Intanto però, dal punto di vista procedurale, anche dopo la pronuncia del Tar, occorre regolamentare il rapporto tra comune di Ostuni e Ati Gial Plast: la ditta in queste settimane sta continuando a svolgere il servizio pur in assenza di un contratto tra le parti.

Di qui l’ordinanza “contingibile ed urgente” che dovrebbe essere firmata in queste ore dal sindaco Gianfranco Coppola, per evitare la sospensione dei servizi di igiene urbana. Interruzione che determinerebbe inevitabili pericoli per la salute pubblica e per l’ambiente. Un provvedimento d’urgenza che varrà per un arco temporale da definire in queste ore, in attesa che possa essere affidato il servizio tramite la gara-ponte. Quest’ultimo sarà un altro passaggio preliminare, nelle more, che si porti a conclusione l’appalto definitivo unico dei comuni che rientrano nell’ Aro Br3, tra cui anche Ostuni.
Sul fronte rifiuti, intanto, sono ore calde per fronteggiare il fenomeno dell’abbandono indiscriminato di rifiuti. Una discarica a cielo aperto quello che si sono ritrovati ieri mattina gli operatori dell’azienda in contrada Molillo, da tempo divenuto un luogo dove a prevalere è lo scarso senso civico di chi continua a violare le norme sul corretto conferimento dei rifiuti.

Un ‘operazione di bonifica che è andata avanti per ore ieri mattina da parte dei dipendenti dell’ Ati in sinergia con l’assessorato all’ecologia: la zona è stata completamente ripulita. Un’attività che segue anche altri disposizioni in materia, in diverse aree del comune di Ostuni dove si sono registrati episodi di abbandono simili. «Stiamo provvedendo per denunciare i trasgressori al fine di scongiurare il ripetersi di tali situazioni. La ditta di igiene ambientale sta effettuando ripetuti ritiri dell’indifferenziato al fine di evitare ulteriori problemi igienico sanitari». Così l’assessore all’ambiente del comune di Ostuni Luigi Nacci. Intanto sono in arrivo le prime sanzioni a carico dei trasgressori scoperti nell’abbandonare sacchetti neri ai bordi delle strade di campagna. Foto-trappola in azione su tutto il territorio in modo capillare per multare chi si rende protagonisti di tale scempio ambientale.

Adeguamento al Putt: si al parere paesaggistico della Regione

Ostuni dall'Alto
Ostuni dall'Alto

Piano Urbanistico Territoriale Tematico “Paesaggio” (PUTT/P) del comune di Ostuni: dalla Regione giunge il via libera al parere paesaggistico della variante di adeguamento al Prg.

Un procedimento avviata già da tempo che nel 2013 aveva visto l’approvazione del consiglio comunale di Ostuni. Nel corso degli ultimi anni l’intera istanza è stata sottoposta agli altri organi deputati a valutarne l’intero procedimento.

«È di queste ora la notizia della proposta di delibera di giunta regionale relativa al rilascio del parere paesaggistico della variante di adeguamento del PRG al Putt/p adottata dal Comune di Ostuni nel 2013. Ringraziamo l’assessore regionale alla pianificazione territoriale, Alfonso Pisicchio, e gli uffici di competenza per l’impegno e la disponibilità mostrata». Così il capogruppo del Partito Demicratico Angelo Pomes. Lo stesso partito in questi mesi aveva sollecitato la maggioranza Coppola, affinché potesse interessarsi anche con la Regione per le procedure del caso. Nelle ultime ore la prima svolta attesa con il via libero al parere paesaggistico.

«Si avvia a conclusione un lungo iter iniziato nel 2001 che ha visto il Pd di Ostuni costantemente impegnato nel raggiungimento di tale importante obiettivo: coniugare la tutela paesaggistica e storico-culturale del territorio e favorirne la crescita; uno sviluppo sostenibile – spiega Pomes-capace di offrire opportunità e risposte alle legittime istanze di cittadini, tecnici ed imprese in un quadro normativo chiaro e maggiormente aderente alla realtà dei nostri luoghi».

Sul procedimento normativo, che vede il Putt /P essere configurato come un piano urbanistico territoriale, lo stesso Partito Democratico della Città bianca chiede in questa nuova fase che la maggioranza di governo cittadino possa non rallentare i successivi procedimenti, fino alla convocazione dell’assise cittadina. «Ora l’Amministrazione Comunale predisponga gli atti necessari a consentire al Consiglio Comunale, nel più breve tempo possibile, l’approvazione definitiva della suddetta Variante di Adeguamento – conclude Angelo Pomes- e di dichiararne la coerenza al Pptr ai sensi dell’art. 100 delle NTA»

L’Ostuni Calcio raggiunge l’accordo con Fabio Di Santantonio e Gabriele Camisa

Fabio Di Santantonio
Fabio Di Santantonio

Dopo l’inizio della preparazione, l’ASD Ostuni Calcio comunica l’acquisto di altri due calciatori per la prossima stagione calcistica di Promozione.

Si tratta di un difensore ed un attaccante, entrambi reduci da un campionato di Promozione che gli ha visti protagonisti con la maglia del Mesagne Calcio vincendo la Coppa Italia e i Play Off.

La società è lieta di comunicare a tifosi e simpatizzanti che neI prossimo campionato indosseranno la maglia dell’ASD Ostuni 1945 Gabriele Camisa (difensore) e Fabio Di Santantonio (attaccante).

I due sono già a disposizione di mister Marangio, l’allenatore che guiderà la panchina dell’Ostuni Calcio nella prossima stagione, ha iniziato la preparazione nei giorni scorsi.