Elezioni Candidati Sindaco Ostuni Ammnistrative 2019 2

Cavallo si presenta alla città, Domenico Pecere è il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Pomes incassa l’ok della segreteria provinciale e Tanzarella attende l’area dei dissidenti del PD. Al via la campagna elettorale, ci saranno ancora delle sorprese?

Anche la lista Cinque Stelle di Ostuni ottiene la certificazione per presentarsi alle amministrative del prossimo 26 maggio: diventa ora ufficiale la candidatura a sindaco di Domenico Pecere. Per il giovane della Città Bianca, la presenza come moderatore al convegno di sabato con Mimmo Parisi sul reddito di cittadinanza, era già stata una prima investitura, in attesa che dalla Capitale, giungesse il sì dallo staff nazionale per gli attivisti ostunesi.

Intanto ieri è stata giornata di presentazione ufficiale anche nel centrodestra, con il candidato sindaco Guglielmo Cavallo che ha radunato le liste ed il suo elettorato a Masseria S.Lucia. L’ex vicesindaco di Ostuni ha rilanciato il tema della partecipazione della cittadinanza nella vita amministrativa. Non sono mancati anche gli attacchi ad i suoi competitors, ed in particolare all’intera area del centrosinistra, contestando le scelte di Vendola ed Emiliano in merito al ridimensionamento dell’ospedale di Ostuni.

Qui il video servizio di Presentazione

A seguire, invece, l’intera fase di costituzione della lista ad Ostuni dei Cinque Stelle, è stata l’onorevole Valentina Palmisano, tra le promotrici della fase di rinnovamento del movimento nella Città Bianca. E così dopo l’avvio dei tavoli tematici di lavoro, per costituire il programma, nelle scorse settimane erano state avviate le prime consultazioni anche per la scelta del candidato sindaco. Ieri l’ufficialità per Domenico Pecere, che dopo l’esperienza lavorativa a Londra, come istruttore qualificato di nuoto, tornerà ad Ostuni per rappresentare il movimento Cinque Stelle alle comunali.

Nelle scorse ore, ad anticipare la certificazione dello staff nazionale, era giunta anche una nota degli attivisti della Città bianca, per commentare le trattative in corso nelle altre coalizioni che si presenteranno alle amministrative il prossimo 26 maggio. «Di fronte a chi si prodiga per infarcire le proprie liste di proseliti ed ex candidati o di chi discute la spartizione di ruoli e garanzie per le prossime consultazioni elettorali – sottolineano gli attivisti ostunesi- noi vogliamo continuare a sensibilizzare i cittadini sulle problematiche e sui temi più sentiti, lontani anni luce dal voler estorcere anche un solo voto o dal proporre “posti sicuri” in cambio del sostegno politico».

Dal movimento della Città bianca aggiungono. «Siamo un gruppo di persone, insomma, liberi da condizionamenti o affari in sospeso, che vuole crescere, che sta proponendo il proprio progetto di città a tutti gli ostunesi e che ha bisogno del sostegno di tutti per dare risposta alle esigenze di ognuno: una comunità che si occupi di noi e che non lasci indietro nessuno, che non si distingua solo per privilegi e favoritismi o per la più becera persecuzione di interessi privati e smanie di potere».

L’ufficialità della candidatura a sindaco di Pecere dovrebbe essere l’ultima, sorprese dell’ultima ora a parte, ad Ostuni. Oltre a Domenico Tanzarella e Guglielmo Cavallo, in campo già da settimane, martedì, infatti, anche il Pd della Città Bianca aveva annunciato Angelo Pomes, come candidato sindaco. Sul fronte dei democratici nelle ultime ore era giunto anche l’appello del segretario provinciale Rosetta Fusco per ritrovare l’unità intorno alla figura del giovane professionista. Messaggio indirizzato al gruppo di otto dirigenti, gran parte dell’area Zingaretti, che domenica scorsa aveva contestato la segreteria cittadina, ed in particolare il metodo utilizzato per l’individuazione del candidato sindaco. Tra le possibili opzioni ora, anche che alcuni dei firmatari del documento, possano insieme al movimento “Rigenerazione” costituire una lista civica a supporto Domenico Tanzarella.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.