Coppola attacca: “Abbiamo impugnato l’atto contro la revoca del finanziamento”

"Non accetto lezioni da chi rappresenta un partito che è la causa maggiore di questa situazione, ho ereditato dalle passate amministrazioni una serie di problematiche che stiamo ancora cercando di risolvere"

Gianfranco Coppola
Gianfranco Coppola

«Abbiamo impugnato l’atto contro la revoca del finanziamento». Così il sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola interviene dopo le polemiche scaturite dalla richiesta degli uffici regionali di restituzione delle somme per i lavori di ristrutturazione della scuola materna Walt Disney. Una vicenda che si era caratterizzata anche per le critiche giunte dal capogruppo del Partito Socialista Giuseppe Tanzarella alla maggioranza di palazzo S. Francesco.

«Non accetto lezioni da chi rappresenta un partito che è la causa maggiore di questa situazione. Ho ereditato dalle passate amministrazioni formate da liste civiche socialista e Partito Democratico, una serie di opere pubbliche avviate ma mai completate -attacca Coppola- ad iniziare dalla Walt Disney, al Pessina ed alla Casa della Musica. Unica opera realizzata e completata dal mio predecessore è stata la piscina comunale, il cui contratto scade nel 2051. La mia amministrazione sta cercando di recuperare tutte queste infrastrutture, ad iniziare dalle tre palazzine delle case popolari, per le quali si rischiava di perdere il finanziamento, ma per il cui completamento ora sono stati appaltati i lavori».

Il primo cittadino entra anche nel merito dell’intervento di riqualificazione dell’edificio scolastico di viale Aldo Moro, oggetto di un contenzioso con la regione, che ha chiesto la restituzione del finanziamento di 274 mila euro, ottenuto dalla Città bianca nel 2009. «La Walt Disney non aveva bisogno di grandi opere: qualcuno invece ha immaginato di fare un altro piano. Questo il motivo per cui i lavori sono stati bloccati senza considerare l’assenza delle condizioni per fare questa sopraelevazione. Questa era la progettualità del passato. La mia amministrazione sta cercando di individuare altre risorse per completare un’opera che è lo snodo di tutte le problematiche della scuola materna ad Ostuni. Quando fu chiusa la Walt Disney, infatti, il personale è stato trasferito tra San Carlo e Pessina».

Guarda Anche
Scelti Per Te