Analisi del voto e finanziamento perso per la “Casa dei Desideri”, l’intervento di Giuseppe Tanzarella

Sull'esito delle elezioni Politiche 2018 e sul finanziamento perso per la risistemazione della Casa dei Desideri in viale Aldo Moro dall'esecutivo Coppola, è intervenuto nelle ultime ore il consigliere comunale socialista Giuseppe Tanzarella

Consiglio Comunale 2018 febbraio 8
Consiglio Comunale 2018 febbraio 8

Sull’esito delle elezioni Politiche 2018 e sul finanziamento perso per la risistemazione della Casa dei Desideri in viale Aldo Moro dall’esecutivo guidato da Gianfranco Coppola, è intervenuto nelle ultime ore il consigliere comunale socialista Giuseppe Tanzarella. Di seguito la sua nota.

Il sindaco Coppola si è avventurato in improbabili e strumentali letture del voto politico del 4 marzo, nel mal riuscito tentativo di puntellare la sua inconsistente maggioranza di governo cittadino che, di fatto, non esiste più da tempo, almeno a partire dai fatti dell’agosto 2015.

Come egli stesso ha dichiarato, salvo smentirsi subito dopo, i numeri delle elezioni politiche non possono in alcun modo traslarsi a livello amministrativo, in quanto le scelte che guidano gli elettori su scala nazionale non sono paragonabili alle dinamiche particolaristiche e comunali.Senza considerare il fatto ulteriore che, anche volendo accedere all’improbabile lettura data dal Sindaco, non vi sarebbero elementi per giungere alle conclusioni tanto entusiastiche che lo stesso ricava al fine di consolidare la propria amministrazione giunta ormai, mestamente, ai titoli di coda.

A tal proposito, non si possono ignorare una serie di dati, consistenti, per esempio, nella circostanza che Forza Italia e la Lega nord, che sono risultati i maggiori percettori di voti nella coalizione di centrodestra, non erano e non sono assolutamente forze organiche alla maggioranza Coppola, non potendosene, perciò, quest’ultima intestarsene i consensi.
Semmai, il dato importante risulta essere quello di Noi con l’Italia, forza che ha fatto registrare un magro bottino di 791 voti a fronte dei totali 6382 della coalizione, nonostante fosse la forza di riferimento del senatore uscente On.le Zizza, ex principale azionista dell’amministrazione, e la cui mancanza, oggi, probabilmente, la disorienta ulteriormente.

A conferma dell’ avvicinamento inesorabile dell’amministrazione targata Coppola basti rileggere l’intervento dell’On.le Luigi Vitali di Forza Italia, il quale ha mostrato, evidentemente, di volerne prendere le distanze, così come alla stessa maniera si devono interpretare i distinguo mossi alla ipotetica ricandidatura del Sindaco da parte dei residui della sua coalizione sopravvissuti al ribaltone del 2015.

La lettura del risultato elettorale, invece, che ci aspettavamo dal Sindaco, è ben altra.
L’esito delle consultazioni fornisce la percezione chiara di quello che è l’attuale sentimento dei cittadini italiani, stanchi di soffrire una classe politica lontana, autoreferenziale, inefficiente, ma, soprattutto, indisponibile ad accedere a logiche di governo meritocratiche e trasparenti. Credo che non solo il sottoscritto, ma tutti i cittadini, abbiano serie difficoltà ad intravede retali caratteristiche nell’azione politica portata avanti da Coppola.

Da ultimo, non può non segnalarsi l’assurdo episodio che ha visto la Regione Puglia revocare nel marzo 2017 il finanziamento di oltre 250.000 euro a suo tempo concesso al Comune per i lavori che dovevano interessare l’immobile destinato a centro ludico per l’infanzia denominato “Casa dei Desideri” sito in Viale Aldo Moro. Occorre stigmatizzare, sul punto, l’ignavia dell’amministrazione Coppola, la quale per la sua intera legislatura, oramai in scadenza, aggiunge quest’altro nefasta tappa al percorso di infelice decrescita imboccata dal nostro Comune a partire dal 2014.

Giuseppe Tanzarella – Partito Socialista Ostuni

Guarda Anche
Scelti Per Te