logo OC
logo OC

Nasce il movimento Obiettivo Comune presidente Guglielmo Cavallo componenti del Direttivo: Antonio Maiorano, Adele Milone, Oronzo Gaetano Milone, Paolo Pinna, Claudia Trifan e Marilena Zurlo.

Venerdì 11 marzo si è riunita l’assemblea dei soci fondatori della nuova associazione denominata OBIETTIVO COMUNE. L’associazione ha natura culturale e politica, non ha fini di lucro e si prefigge il compito di promuovere ogni tipo di attività culturale, politica, ricreativa e sociale, tendente alla partecipazione ed integrazione di tutti i cittadini alle questioni legate alla vita del comune di Ostuni. Sarà quindi impegnata a cooperare con associazioni, organizzazioni e istituzioni del territorio; promuovere incontri, convegni e dibattiti, favorendo il pluralismo delle voci.

I soci fondatori hanno eletto all’unanimità il Presidente e il Comitato Direttivo. A guidare per il primo anno “Obiettivo Comune” saranno Guglielmo Cavallo, Presidente, con i componenti del Direttivo: Antonio Maiorano, Adele Milone, Oronzo Gaetano Milone, Paolo Pinna, Claudia Trifan e Marilena Zurlo.

 “Il nome che abbiamo scelto per la nostra associazione spiega bene quella che consideriamo la nostra mission. Vogliamo continuare ad occuparci dei problemi della Città non solo discutendo tra noi, ma confrontandoci con i cittadini, le associazioni e le forze politiche senza alcuna preclusione; anche uscendo dai classici schemi vogliamo dialogare con gruppi e movimenti per formulare proposte utili per Ostuni. Siamo convinti che sia sempre possibile individuare percorsi condivisi e operare scelte che tengano conto del preminente interesse dei cittadini.

Molti i temi già individuati e sui quali l’Amministrazione palesa ritardi: impianti sportivi, zona 167, piano delle coste, area portuale, orti urbani, arredo e decoro urbano del centro storico, cura delle marine e delle contrade, viabilità e parcheggi, zona industriale ASI, opere pubbliche non ultimate, trasferimento degli uffici comunali, ufficio europrogetti per il reperimento di fondi strutturali, aggiornamento anagrafe tributaria, vicenda Arneo e altri ancora che l’Associazione intende affrontare in modo propositivo.

Abbiamo partecipato alla manifestazione per la salvaguardia della spiaggia del Pilone e sosteniamo le ragioni del Comitato. La vicenda della vasca liquami dell’AQP dimostra che battaglie giuste possono essere combattute insieme da persone abitualmente lontane per idee e militanza; dimostra anche che la società civile ostunese è viva e, nella generale opacità politica, è capace di generare idee e forme di lotta civica coinvolgenti perché avvertite come giuste dai cittadini. Le gratuite offese del Segretario cittadino del Partito Democratico che ha definito “volgari” le proteste e “sabotatori” i manifestanti, sono figlie di un pensiero completamente opposto al nostro. L’idea di fondo delle affermazioni del vertice del P.D. è la irrilevanza della voce del popolo che genera addirittura fastidio e violenza verbale quando non è in sintonia col potere”.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: