11148698 10205465550469501 7531932019295698275 n
11148698 10205465550469501 7531932019295698275 n

Presentato questa mattina l’avviso pubblico per la riqualificazione e gestione condivisa degli Orti storici di Ostuni.

Conferenza di presentazione dell’ Avviso pubblico finalizzato all’acquisizione di proposte e contributi di idee per la rigenerazione, riqualificazione e gestione condivisa degli Orti storici di Ostuni. Il Comune di Ostuni, intende riqualificare l’intera cinta muraria attraverso la creazione di tipici orti urbani terrazzati, per un totale di 27.000 metri quadrati. Il progetto prevede l’acquisizione da parte del Comune della fascia verde addossata al centro storico e la ricostruzione dei terrazzamenti con materiali e tecniche della tradizione locale. Ma non è tutto: ci sarà anche il ripristino integrale dei fabbricati rurali e dell’antico sistema di canalizzazione delle acque, fatto di cisterne, acquari e rogge. Gli orti terrazzati di Ostuni, un tempo floridi “giardini” di produzione di frutta e verdura, saranno destinati, in parte, a verde pubblico e gestiti dalla pubblica amministrazione e in parte saranno dati in gestione diretta ai residenti, alle associazioni e alle scuole. l’operazione Orti urbani è un ‘work in progress’, un’iniziativa partita da alcune esperienze che via via si sta diffondendo in città piccole, medie e grandi; un modo per creare verde nelle aree residuali, generare un vero e proprio intervento agricolo alla ricerca di un cibo sano, con l’impegno , altrettanto sano , del tempo di molti cittadini.il progetto si presenta dunque con due finalità: da un lato lavorare per una programmazione di riqualificazione delle attrattive che vanno valorizzate come sito archeologico e turistico, dall’altro avviare alla stipula di patti di collaborazione con singoli cittadini, associazioni, imprenditori ecc. Occorre considerare gli orti come realtà sociale ,urbanistica e storica sottraendoli a situazioni di marginalità e degrado,favorendo lo scambio di esperienze e la collaborazione ta pubblico e privato. La scadenza dell’avviso pubblico è fissata al 24 aprile.

Il Video Servizio di Angela Anglani

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...