Giovanni Fedele: ‘Ecco perché abbiamo votato Angelo Melpignano alla Presidenza del Consiglio’.

IMG 3152
IMG 3152

Dopo il consiglio comunale di lunedì scorso, botta e risposta sugli argomenti più scottanti che riguardavano l’assise: Presidenza del Consiglio e Tasi.

Dopo la nota del consigliere comunale del Nuovo Centro Sinistra Ostunese, Nicola Santoro, oggi è la volta del consigliere comunale, Giovanni Fedele, che chiarisce la sua posizione in merito alla votazione al candidato del PD, Angelo Melpignano.

All’inizio del suo comunicato, Giovanni Fedele, ha detto: “Consigliere Nicola SANTORO, il tuo più che un colpo basso… è un Colpo di Sole…!!! ”

Di seguito la nota.

Giovanni FedeleMi corre l’obbligo,cosi’ come ho già fatto in consiglio comunale,di spiegare alla cittadinanza e alla comunità umana di Facebook, le motivazioni più profonde che mi hanno spinto a votare un esponente del PD alla Presidenza del Consiglio Comunale. Lo scorso 5 agosto,ci siamo rifiutati di votare Angelo Melpignano alla Presidenza del Consiglio comunale perchè c’era la disponibilità pubblicamente manifestata,poi venuta meno ,del Movimento 17 marzo, di sostenere l’Amministrazione Comunale di Gianfranco Coppola, sposando il nostro programma elettorale sino alla fine del mandato consiliare, addirittura arrivando a votare un nostro Rappresentante politico alla Presidenza del Consiglio Comunale. Dopo un confronto politico avvenuto con il Sindaco e con il Vice Guglielmo Cavallo, abbiamo preso atto della volontà politica della maggioranza nella quale mi onoro di far parte,di perseguire un’intesa politica-Istituzionale con il Partito Democratico individuando in Angelo Melpignano, la persona più consona per la Presidenza del Consiglio Comunale.

Di conseguenza, abbiamo votato Melpignano, per un “ATTO DI FIDUCIA” al nostro Sindaco che abbiamo fortemente voluto e sostenuto nella scorsa campagna elettorale che ci ha visti trionfare al suo fianco( chi scrive, gli chiese addirittura di candidarsi nel lontano 2009, offerta declinata per motivi di lavoro). L’unica cosa che auspico, è che questa intesa Istituzionale, dopo l’approvazione del Bilancio di Previsione da licenziare entro il 30 settembre,possa svilupparsi ed evolversi nelle Commissioni Consiliari, in un’intesa Programmatica con l’individuazione di alcune priorità tematiche da portare avanti insieme, oltre gli steccati ideologici, per il bene di Ostuni per poi tornare ANTAGONISTI e NON NEMICI nella prossima competizione elettorale che si spera possa svolgersi nel 2019. Quello che mi vedrebbe nettamente contrario,come ho avuto modo di dire in consiglio comunale,è il galleggiamento fine a se stesso, rivolto unicamente alla ”de-tanzarellizzazione” del Centro Sinistra che non è il nostro compito principale: la nostra missione è CAMBIARE RADICALMENTE OSTUNI approvando il Piano delle Coste, il piano delle Spiagge, la risoluzione dell’atavica questione dei residenti di Contrada Santa Caterina, il rilancio del Commercio, dell’Agricoltura, la nomina di un Direttore Artistico che coordini il settore Turismo e Spettacolo facendoci spiccare il volo, l’approvazione di modifiche sostanziali al Piano Industriale del Servizio Smaltimento dei Rifiuti per rendere più evidente il cambiamento,grazie all’ottimo lavoro dell’Assessore Antonio Molentino, una maggiore attenzione ed un nuovo modo d’intendere le Politiche Sociali rivolte soprattutto agli anziani,agli indigenti ed ai portatori di handicap. Su questi punti e su tanti altri ancora,saremo giudicati dagli elettori che ci hanno onorato del loro consenso. Pertanto respingo al mittente le considerazioni bislacche del consigliere comunale Santoro evidentemente ancora stordito dal cappotto elettorale che lo ha visto protagonista il 25 maggio e l’8 giugno scorso,invitandolo a collaborare dall’opposizione,a fare il bene degli Ostunesi stanchi di litigi, ripicche e vendette personali camuffate da pseudo logiche- politiche.

Dai che #ilfuturociappartiene

Giovanni Fedele

Guarda Anche
Scelti Per Te