Riceviamo e Pubblichiamo

Con preoccupazione dobbiamo constatare che la politica in Ostuni sta subendo una pericolosa involuzione, i problemi ed i programmi amministrativi sembrano ormai aver lasciato il passo ad una diatriba tutta interna al Consiglio Comunale, con una Sindaco impegnato a cercare la maggioranza che non ha, non attraverso la condivisione di specifici obiettivi programmatici, bensì attraverso l’attribuzione della carica di Presidente del Consiglio Comunale.

Tutto ciò ha determinato nell’ultimo Consiglio Comunale uno spettacolo non solo deprimente ma anche offensivo per l’intera comunità ostunese: i cittadini, che hanno sviluppato nell’ultimo periodo notevole senso di partecipazione e condivisione alla vita amministrativa, davvero non meritano tutto questo, si tratta di un passo indietro che riporta la Città a vicende ormai da tempo superate e che non vorremmo più vedere.

Il Sindaco Coppola, dimostrando di avere a cuore le sorti della cittadinanza, avrebbe dovuto, sin dall’inizio, concordare con i movimenti politici e le associazioni di categoria presenti sul territorio, precisi obiettivi programmatici a termine, capaci di dare impulso e sviluppo economico alla Città, nella piena consapevolezza che, non avendo una maggioranza politica stabile e consacrata dalle urne, il suo è necessariamente un mandato amministrativo a termine.

Infatti , in assenza di coesione e stabilità amministrativa, valori  che sono stati alla base dei successi e delle importanti realizzazioni concretizzatesi sotto la gestione Tanzarella (Impiantistica sportiva, sicurezza nelle scuole, piste ciclabili, Albergo-Bici, Museo, Parco d’ Agnano, Casa della musica, etc.etc.) diventa impossibile perseguire obiettivi a lungo termine per il c.d. bene comune.

Con una maggioranza fondata sull’acquisto dell’uno e/o dell’altro Consigliere Comunale, eventualmente Presidente del Consiglio, si può solo fare ordinaria amministrazione e si finisce per portare il paese in una fase di stallo del tutto improduttiva e dannosa.

Sino ad ora l’unico atto e/o provvedimento amministrativo reso dal Sindaco Coppola è stato quello di bloccare la realizzazione del completamento dell’impianto fognario della marina, con il concreto rischio di perdere il relativo finanziamento, con tutte le conseguenza che ciò comporta in termini di perdita di attrattiva per gli investimenti, con il rischio di non ottenere più gli importanti riconoscimenti ambientali che da anni la nostra Città, sotto la gestione Tanzarella, ha sempre e costantemente ricevuto.

Non è possibile continuare : il Sindaco Coppola abbia il coraggio di prendere atto di ciò, individuando alcune priorità programmatiche da realizzare nel breve periodo, evitando il rischio del commissariamento, per poi tornare alle urne e dare ai Cittadini la possibilità di individuare una maggioranza politico- amministrativa chiara e lineare che trovi il suo fondamento nella indicazione popolare e non nei trasformismi dell’ultima ora.

     Giuseppe Zurlo                                                Carlo Rodio

        Segretario                                                        Segretario

OSTUNI CHE LAVORA                               CIRCOLO LIBERAL

 

 

      

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...