Dopo l’incontro di ieri all’Hotel Monte Sarago di Ostuni, sull’impianto fognante del Pilone, il Movimento Cinque Stelle di Ostuni, ha diffuso una nota stampa.

Di Seguito il Comunicato Stampa

Il seminario organizzato dal consorzio di gestione “Torre San Leonardo-Pilone” e tenutosi venerdì 11 aprile presso l’Hotel Monte Sarago, ha avuto lo scopo di affrontare da un punto di vista tecnico-scientifico lo scottante tema della vasca di sollevamento per la rete fognaria di quella zona, la cui realizzazione è prevista a pochi metri dalla spiaggia ed a ridosso del Parco delle Dune Costiere.

Interessanti e numerosi gli interventi degli esperti, volti ad illustrare in modo chiaro ed esaustivo la problematica in questione e le diverse proposte elaborate per la realizzazione dell’indispensabile impianto fognario. Il MoVimento 5 stelle di Ostuni ritiene, a seguito di un’attenta analisi, che non vi siano motivi tecnici che ostacolano l’accoglimento della proposta formulata dal Consorzio, in merito all’ubicazione della vasca. Esprime inoltre profondo disappunto nei confronti dell’ipotesi progettuale avanzata dall’Acquedotto Pugliese, che prevede tale struttura a pochi metri dalla spiaggia del Pilone .

«Ho seguito sin dall’inizio questa problematica  vicenda – ha dichiarato il candidato Sindaco Paolo Mariani -tenendomi sempre aggiornato sull’iter del progetto e le azioni presentate dal Consorzio. Un piano approvato in deroga a diverse norme di tutela, ma che, come sovente accade nella realizzazione di alcune scellerate e incomprensibili opere pubbliche, va sicuramente in deroga al buon senso! Una vasca per la raccolta di liquami a ridosso di una delle spiagge più belle e frequentate della nostra costa è una pazzia da evitare, non certo da sostenere, come sta facendo l’amministrazione in carica. Al Sindaco uscente, preoccupato per il recupero dell’area in cui si vorrebbe realizzare l’opera, segnalo che la stessa può essere utilizzata per altri e ben più utili e proficui servizi, come ad esempio un area attrezzata per il bike sharing,  affinché un angolo di paradiso come questo, possa finalmente accogliere un servizio di mobilità eco-sostenibile a 360 gradi».

Il M5S di Ostuni si impegna quindi a sostenere le ragionevoli proposte avanzate dal Consorzio, cercando in tutti i modi di impedire la realizzazione dell’opera in quel punto, e dichiarando sin da ora che, in caso di vittoria alle imminenti amministrative, chiederà alla società AQP di motivare le ragioni che hanno portato per lungo tempo, a non prendere in seria considerazione le ipotesi avanzate dal Consorzio.

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: